Un caso di Covid severo curato a domicilio: il paziente guarisce

0
1504

in foto il dott. Giuseppe Cinquepalmi

Medici di base in prima linea nella lotta contro il Covid-19, non sempre sostenuti dal sistema sanitario regionale e nazionale. La storia che vi raccontiamo ha avuto un lieto fine ed è avvenuta a Capurso, località in provincia di Bari. Protagonista una coppia di 70enni colpiti dal covid e seguiti dal loro medico curante, dott. Giuseppe Cinquepalmi. E’ stato proprio lui a porre alla attenzione della nostra redazione questa storia, testimonianza concreta ed efficace di come si possa curare un virus cosi tremendo anche a casa, lì dove non si perdono di vista le fasi della degenza dell’assistito.

Ma entriamo nel dettaglio della guarigione dell’uomo in particolare , come riferito dal dott. Cinquepalmi.

“Ipertesi con febbre vengono trattati con roxitromicina per 6 giorni. Lei guarisce in 3 giorni, esegue tampone antigenico con esito positivo. Lui invece peggiora, con temperatura che si impenna fino a circa 39,5°C e così permane stabilmente. Al settimo giorno inizia terapia iniettabile con ceftriaxone, si allertano le USCA che consigliano ricovero immediato con affidamento al 118″.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6759.jpg

Poiché rifiuta il ricovero, avendo saturazione 90-92 % e tampone molecolare positivo, gli viene prescritto deltacortene, doxofillina ed ossigeno gassoso a 1-2 litri/m’. All’esame obiettivo del torace presenta segni caratteristici di distelectasie alle basi polmonari. Nonostante la terapia cortisonica la temperatura scende di poco intorno ai 38°C mentre cala bruscamente quando gli si consiglia l’assunzione di cardioaspirina. Finito l’effetto però la temperatura risale a 38°C. Alla luce di questo, in nona giornata inizia terapia con EBPM con conseguente sfebbramento per crisi e risoluzione dei sintomi. Nonostante l’apparente guarigione, non convinto, il medico curante consiglia Rx Torace che esegue 10 giorni dopo”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_6415-711x1024.jpg
Diffuso ispessimento interstiziale con addensamenti parenchimali disomogenei di tipo interstiziale in entrambi i lobi inferiori, specie a destra, da processo flogistico di tipo virale. Sollevato l’emidiaframma destro . Liberi i seni costofrenici. Cuore ingrandito nella sezione di sinistra. Ectasico e addensato l’arco aortico. Spondiloatrosi dorsale. Si consiglia controllo dopo terapia” ( prima radiografia)

“Pertanto esegue un nuovo ciclo di terapia con claritromicina e EBPM con completa guarigione”.

Non evidenti lesioni parenchimali a focolaio. Segni di BCO con iniziale ispessimento interstiziale. Ai limiti la volumetria cardiaca” (seconda radiografia post terapia)

Il Covid 19 può essere sconfitto ed è questo l’auspicio per tutti coloro che in questi giorni, soprattutto anziani, si accingeranno a ricevere il vaccino. Un ruolo quello del medico non facile, soprattutto in questo periodo di pandemia. Il vaccino è l’unica speranza per ripartire e tornare alla normalità. Non abbiate paura di vaccinarvi, ci dice il dott. Cinquepalmi, i vaccini sono tutti sicuri e garanzia per la nostra salute.

Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO