Capurso, siglata ordinanza con divieto di alimenti e bevande dalle ore 18 e chiusura del parco “Pertini” alle ore 17

0
405

Emergenza Covid a Capurso e arrivano le restrizioni, preannunciate per fermare l’avanzata del virus. Su Facebook il sindaco Michele Laricchia descrive in dettaglio i contenuti dell’ordinanza.

“Ieri pomeriggio, con non poco dispiacere, ho firmato una ordinanza che dispone, a far data da domani, sabato 13, e fino a martedì 6 aprile:

• il DIVIETO DI ASPORTO di alimenti e bevande dalle ore 18.00 per tutte le attività di ristorazione comprese nel Codice ATECO 56 (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, food-truck, ecc.) e per tutte le attività di commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati comprese nel Codice ATECO 47.25;

• la CHIUSURA del parco Sandro Pertini alle ore 17:00.

Il provvedimento si è reso necessario anche alla luce dei dati condivisi nel corso della riunione del Comitato metropolitano per l’ordine pubblico e sicurezza del 10 marzo, in cui il direttore generale della ASL Bari e il direttore del dipartimento di Prevenzione hanno evidenziato un incremento esponenziale di nuovi casi e un’incidenza cumulativa settimanale dei contagi, già a decorrere dal 22 febbraio, superiore a 250 casi ogni 100.000 abitanti, con un indice settimanale tuttora in crescita.

Vi ricordo inoltre, che con l’ordinanza n. 74 del Presidente della Regione Puglia si dispone che:

• sino al 6 aprile 2021, fermo restando l’obbligo di distanziamento interpersonale di almeno un metro, è VIETATO LO STAZIONAMENTO ALL’APERTO, presso gli spazi antistanti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, le piazze, le pubbliche vie, i lungomare e i belvedere, se non si è in solitudine o non si è in compagnia di persone che fanno parte del proprio nucleo familiare o convivente, se non per per usufruire di servizi essenziali.

In questo momento è necessario non mollare. Dobbiamo stare attenti. Utilizziamo la mascherina, igienizziamo le mani, manteniamo la distanza, evitiamo gli assembramenti.
FORZA!

Redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO