Fondazione Petruzzelli: Nicolas Nägele dirige l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, solista Enrico Dindo (violoncello)

0
298

Fondazione Petruzzelli:

Nicolas Nägele dirige l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, solista Enrico Dindo (violoncello).

István Várdai non potrà esibirsi al Petruzzelli a causa delle restrizioni sugli spostamenti.

Sabato 13 marzo alle 19.00 è in cartellone un nuovo concerto in streaming della Stagione Concertistica 2021: Nicolas Nägele dirigerà l’Orchestra del Teatro Petruzzelli, solista Enrico Dindo (violoncello).

Il violoncellista István Várdai,che sarebbe dovuto arrivare a Bari dall’Austria,non potrà esibirsi al Petruzzelli, come precedentemente annunciato, a causa delle restrizioni sugli spostamenti determinate dall’emergenza sanitaria in atto.

Il programma resta invariato e proporrà: Concerto n. 2 in si minore, per violoncello e orchestra, op. 104 di Antonín Dvoràk e Sinfonia n. 6, in Fa maggiore, op. 68 “Pastorale”.

L’appuntamento sarà fruibile gratuitamente sulle piattaforme digitali del Teatro (il canale Youtube Fondazione Petruzzelli, la pagina Facebook ufficiale Fondazione Teatro Petruzzelli e il sito www.fondazionepetruzzelli.it) ed è realizzato in collaborazione con International Sound e con l’esperto del suono Filippo Lattanzi.

Il Teatro aprirà le porte alla città appena la situazione sanitaria lo consentirà, nel frattempo si continua con le trasmissioni in streaming, registrate al Petruzzelli, con artisti di fama mondiale e programmi compilati con tutta l’attenzione che merita il nostro pubblico e gli appuntamenti saranno annunciati mese per mese.

La Stagione d’Opera e Balletto comincerà nel mese di settembre, in presenza, secondo le attuali proiezioni del Piano Nazionale Vaccinale.

BIOGRAFIE

Nikolas Nägele, direttore

Nato nel 1987 a Radolfzell am Bodensee (Germania), Nikolas Maximilian Nägele si è diplomato in direzione d’orchestra, pianoforte e clarinetto presso la Hochschule für Musik di Monaco e Lipsia. Kapellmeister dal 2017alla Deutsche Oper di Berlino, dove ha già diretto numerose produzioni, inclusi Carmen, Die Zauberflöte, Il barbiere di Siviglia, Die Fledermaus, La traviata e Un ballo in maschera. Nel 2017 è stato assistente musicale di Christian Thielemann per la produzione di Die Walküre al Festival di Pentecoste di Salisburgo, e nel 2018 è stato nuovamente assistente musicale del M° Thielemann per Tristan und Isolde al Festival di Bayreuth, dove è stato assistente anche di Placido Domingo per Die Walküre. Nel luglio 2017 ha debuttato presso il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca con Gianni Schicchi. Fino al luglio 2017 è stato impegnato anche come pianista e direttore d’orchestra presso l’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino Opera di Firenze. Vincitore nel 2013 del prestigioso premio “Aspen Festival Conducting Prize” e nel 2012 del premio “James Conlon Conducting Prize”, ha lavorato come direttore assistente del suo mentore Roberto Spano presso l’Aspen Music Festival. Nel 2014 ha debuttato negli Stati Uniti sul podio della Aspen Philharmonic Orchestra dirigendo la VIII Sinfonia di Dvořák e il Concerto per pianoforte in Sol M di Ravel. È risultato inoltre finalista alla seconda edizione della “International Sir Georg Solti Conducting Competition” della Chicago Symphony Orchestra. Ancora studente ha lavorato come maestro di cappella e ripetitore presso il Teatro statale di Oldenburg (2013/15), dove ha avuto modo di dirigere produzioni quali Il barbiere di Siviglia, La Dame Blanche e Carmina Burana. IMPEGNI RECENTI: L’elisir d’amore alla Opernhaus di Zurigo; gala d’opera al Rossini Opera Festival di Pesaro; Il matrimonio segreto al Teatro Regio di Torino; Un ballo in maschera alla Deutsche Oper di Berlino; Il viaggio a Reims al Rossini Opera Festival di Pesaro; L’italiana in Algeri al Teatro Comunale di Bologna e all’Opera de Tenerife; Lear di Aribert Reimann al Maggio Musicale Fiorentino come assistente di Fabio Luisi; Hänsel and Gretel al Maggio Musicale Fiorentino e alla Staatsoper di Hannover. PROGETTI FUTURI: Il barbiere di Siviglia al Teatro Municipale di Piacenza; concerti a Budapest in tournée con il Rossini Opera Festival; concerti sinfonici al Teatro Petruzzelli di Bari; La cenerentola al Teatro Comunale di Bologna.

Enrico Dindo, violoncello

Figlio d’arte, ha iniziato a sei anni lo studio del violoncello. Si è perfezionato in seguito con Antonio Janigro e nel 1997 ha conquistato il Primo Premio al Concorso “M. Rostropovich” di Parigi.

Da quel momento ha iniziato un’attività da solista che lo ha portato ad esibirsi con le più prestigiose orchestre del mondo come la BBC Philharmonic, la Rotterdam Philarmonic, l’Orchestre Nationale de France, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, la Tokyo Symphony Orchestra, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di San Pietroburgo, la London Philharmonic Orchestra, la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, la Toronto Symphony, la Gewandhausorchester Leipzig Orchestra e la Chicago Symphony ed al fianco dei più importanti direttori tra i quali Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Järvj, Valery Gergev, Yuri Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovich che scrisse di lui: «… è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana.»

Tra gli autori che hanno composto musica a lui dedicata si segnalano, Giulio Castagnoli con il Concerto per violoncello e doppia orchestra, Carlo Boccadoro con L’Astrolabio del mare, per violoncello e pianoforte e Asa Nisi Masa, per violoncello, 2 corni e archi, Carlo Galante con Luna in Acquario, per violoncello e 10 strumenti, Roberto Molinelli con Twin Legends, per violoncello e archi, Crystalligence, per cello solo e Iconogramma, per violoncello e orchestra e Jorge Bosso con Valentina! Un violoncello a fumetti.

Ha creato e dirige stabilmente l’Orchestra da camera “I Solisti di Pavia”, è titolare della cattedra di violoncello al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, alla Pavia Cello Academy ed ai corsi estivi dell’Accademia “T. Varga” di Sion.

Dal 2013 è Accademico di Santa Cecilia e nel 2014 è stato nominato Direttore Musicale della Croatian Radiotelevision Symphony Orchestra di Zagabria.

Incide regolarmente per le etichette discografiche Decca e Chandos.

Suona un violoncello Pietro Giacomo Rogeri (ex Piatti) del 1717 affidatogli dalla Fondazione Pro Canale.

Redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO