Scuola, Ordinanza n.58: Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19

0
194

Si riporta integralmente il contenuto della ordinanza n.58 circa le misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19. Scuola in caos, dopo la sospensione da parte del Tar Bari della ordinanza precedente.

N. 58 del Registro

OGGETTO:      Misure       urgenti      per       fronteggiare      l’emergenza epidemiologica da COVID-19

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

VISTO lo Statuto della Regione Puglia;

VISTO l’art. 32 della Legge 23 dicembre 1978, n. 833;

VISTO l’articolo 117 comma 1, del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 112;

VISTE le delibere del Consiglio dei ministri del 31 gennaio, del 29 luglio,  del 7 ottobre 2020 e del 13 gennaio 2021, con le quali è stato dichiarato e prorogato lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito,  con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19» e in particolare l’articolo 1 comma 16;

VISTO il decreto-legge 30 luglio 2020, n. 83, recante «Misure urgenti connesse con la scadenza della dichiarazione di emergenza epidemiologica da COVID-19 deliberata il 31 gennaio 2020» e, in particolare, l’articolo 1, comma 5;

VISTO il decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125, recante «Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta covid nonché per l’attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020» e, in particolare l’articolo 1 comma 2 lettera a);

VISTO il decreto-legge 9 novembre 2020 n.149 recante «Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese e giustizia, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 30 novembre 2020 n.157 recante «Ulteriori misure urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 2 dicembre 2020 n.158 recante «Disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi connessi alla diffusione del virus da COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172, recante «Ulteriori disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 5 gennaio 2021, n. 1, recante «Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

VISTO il decreto-legge 14 gennaio 2021 n. 2 recante «Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e prevenzione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e di svolgimento delle elezioni per l’anno 2021»;

Visto il decreto-legge 12 febbraio 2021, n. 12 recante «Ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19»;

VISTO il D.P.C.M. 13 ottobre 2020, recante «Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19», pubblicato in Gazzetta Ufficiale – Serie generale n. 253 del 13 ottobre 2020 avente decorrenza dal 14 ottobre 2020 al 13 novembre 2020;

VISTO il D.P.C.M. 18 ottobre 2020, recante integrazioni e modifiche al menzionato D.P.C.M. 13 ottobre 2020;

VISTO il D.P.C.M. 24 ottobre 2020 recante misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale;

VISTO il D.P.C.M. 3 novembre 2020, con efficacia dal 6 novembre 2020, recante misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale, che ha individuato tre aree: gialla, arancione e rossa, corrispondenti ai differenti livelli di criticità nelle Regioni del Paese;

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 2

VISTO il D.P.C.M. 3 dicembre 2020 e, in particolare, l’articolo 1 comma 9 lettera s) recante disposizioni sull’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado;

VISTO il D.P.C.M. del 14 gennaio 2021 che all’articolo 1 comma 10 lettera

  • testualmente dispone “le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, in modo che a decorrere dal 18 gennaio 2021, almeno al 50 per cento e fino ad un massimo del 75 per cento della popolazione studentesca delle predette istituzioni sia garantita l’attività didattica in presenza. La restante parte dell’attività didattica è svolta tramite il ricorso alla didattica a distanza. Resta sempre garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’istruzione n. 89 del 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata. L’attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l’infanzia, per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione continua a svolgersi integralmente in presenza. È obbligatorio l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina…”;

VISTA l’Ordinanza del Ministro della Salute con la quale la Regione Puglia rimane collocata in area gialla;

VISTA l’Ordinanza del Presidente della Regione Puglia n. 56 del 20 febbraio 2021, con la quale, sino al 5 marzo 2021, è stata prevista per le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado la didattica digitale integrata nonché l’attività didattica in presenza, entro il limite del 50% della popolazione scolastica per ogni singola classe o sezione d’infanzia, sottoposta alla valutazione dei Dirigenti scolastici al ricorrere di esigenze non diversamente affrontabili;

RILEVATO altresì che in data 23 febbraio 2021, il Presidente del Tar Puglia Bari, Sezione Terza, con Decreto n. 73, ha sospeso inaudita altera parte, in vista dell’udienza cautelare collegiale fissata per il 17 marzo 2021, la citata Ordinanza n. 56 del 20 febbraio 2021;

CONSIDERATO, tuttavia, il perdurare delle esigenze di tutela della salute pubblica che impongono di (ri)adottare con urgenza misure idonee a contenere   la   diffusione   dei   contagi   scolastici,   fondate   sulla  relazione

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 3

istruttoria redatta dal competente Dipartimento della Salute, a seguito dello specifico monitoraggio settimanale della situazione dei contagi scolastici, avendo riscontrato proprio tra bambini e adolescenti un maggior tasso di diffusione del virus, associato alla cosiddetta “variante inglese” contraddistinta da elevata maggiore trasmissibilità;

CONSIDERATA, pertanto, la necessità di allegare alla presente Ordinanza, quale parte integrante, la citata relazione istruttoria, le cui conclusioni di seguito si riportano: «L’analisi condotta sia a livello nazionale che a livello regionale mostra che:

  1. la forma della curva epidemica è differente nelle differenti classi di età, evidenziando livelli di rischio differenti nelle classi di età scolare rispetto alle altre fasce di età;
    1. in un campione di 12 regioni (pari ad oltre 51M di cittadini) si è osservato un incremento nelle scorse settimane attribuibile ai bambini tra 3-13 anni di età; in particolare l’aumento nelle fasce 6-10 anni in tre regioni sembra essere collegato alla circolazione di varianti del virus;
    1. in Puglia la curva epidemica è caratterizzata da una generale riduzione dell’andamento dei contagi nelle ultime settimane, dopo una ripresa dell’incidenza successiva alle festività natalizie; dalla metà del mese di gennaio si osserva un incremento dei nuovi casi nelle fasce di età 3-5 anni, 6-10 e 11-13 anni, ma non 14-18 anni, che comunque appare essersi stabilizzato nell’ultima settimana;
    1. i dati della sorveglianza scolastica consentono di osservare che, all’aumento della didattica in presenza, registrato nelle scuole di tutti i gradi (anche se in misura sostanzialmente minore nelle secondarie di secondo grado), è corrisposto fino alla settimana precedente un aumento in valori assoluti dei contagi tra gli studenti;
    1. nonostante il rallentamento dei contagi in ambito scolastico, il tasso di nuovi positivi settimanali tra gli studenti rimane superiore al tasso riscontrato nella popolazione generale;
    1. Risulta in costante e importante aumento il numero dei soggetti (sia tra gli studenti che nel personale) per cui è stato disposto un provvedimento di isolamento/quarantena.

Si può pertanto concludere che le misure via via adottate per il controllo dei focolai scolastici abbiano manifestato in maniera crescente la loro efficacia; l’aumento della frequenza scolastica, comportando un aumento del numero dei contatti interpersonali, aumenta il rischio dei contagi che in effetti sono apparsi in incremento fino alla precedente settimana di monitoraggio. Il dato deve essere tuttavia letto anche prendendo in considerazione gli effetti della circolazione di varianti virali nella popolazione scolastica, in particolare nelle scuole dell’infanzia, nelle scuole primarie e nelle secondarie di I grado,

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 4

che è stato possibile osservare in alcune regioni dove sono stati isolati i ceppi inglese e brasiliano.

Sono state condotte due quick survey, su indicazione dell’ISS, con l’obiettivo di valutare la prevalenza della variante inglese in Regione Puglia, che hanno restituito una percentuale pari al 15% nella prima indagine, relativa al 4-5 febbraio, e al 38% nella seconda, condotta il 12 febbraio, con un incremento del 60% in 7 giorni.

Tale circostanza impone l’assunzione di stringenti iniziative di carattere preventivo, adottando nuove misure finalizzate alla massima limitazione dei contatti interpersonali, per contenere il rischio di una nuova ripresa dei contagi, nelle more di completare la campagna vaccinale almeno con riferimento ai soggetti fragili e a maggior rischio di contagio»;

CONSIDERATO, altresì, che anche il Report n. 40 del Ministero della Salute, relativo alla settimana 08.02.2021-14.02.2021, aggiornato al 17.02.2021, riporta, con riferimento alla situazione epidemiologica nazionale, quanto segue: «Si confermano, per la terza settimana, segnali di tendenza ad un graduale incremento nell’evoluzione epidemiologica che richiede misure di mitigazione nazionali e puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione. Un nuovo rapido aumento nel numero di casi potrebbe rapidamente portare ad un sovraccarico dei servizi sanitari in quanto si inserirebbe in un contesto in cui l’incidenza di base è ancora molto elevata e sono ancora numerose le persone ricoverate per COVID-19 in area critica. Si ribadisce, anche alla luce della conferma della circolazione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità, di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e della mobilità. Analogamente a quanto avviene in altri paesi Europei, si raccomanda il rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale»;

CONSIDERATO, peraltro, che le medesime esigenze di tutela della salute pubblica impongono di (ri)adottare con urgenza misure idonee a consentire la ripresa in sicurezza delle attività didattiche in presenza, avendo il competente Organo istruttorio a tal fine manifestato la necessità di realizzare il piano vaccinale nelle scuole (cfr. nota 1437 del 19.02.2021, allegata alla presente Ordinanza quale parte integrante);

CONSIDERATA, pertanto, la necessità di allegare alla presente Ordinanza, quale parte integrante, anche la sintesi del Piano Vaccinale relativo al personale scolastico, predisposto dai competenti dipartimenti di prevenzione e trasmesso dal Dipartimento alla Salute da cui si evince chiaramente che “dai dati disponibili, la protezione indotta da una dose di vaccino AstraZeneca è pari al 100% nei confronti delle forme gravi di malattia e al 73% nei confronti  delle  forme anche lievi dopo tre settimane dalla somministrazione.

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 5

Questi livelli di protezione, così misurati, si raggiungono comunque progressivamente già a partire da pochi giorni dopo la vaccinazione”;

CONSIDERATO quindi che contenere il rischio di contagio di insegnanti e personale scolastico, mediante la Didattica Digitale Integrata, avendo già disponibile il vaccino che potrebbe azzerare ogni complicanza anche con possibili esiti mortali in caso di contagio, risponde a criteri di proporzionalità e adeguatezza potenzialmente idonei ad impedire l’evento dannoso;

CONSIDERATO inoltre, che esporre a rischio di contagio (per garantire la didattica in presenza) insegnanti e personale scolastico avendo già disponibile un vaccino che potrebbe azzerare ogni complicanza anche con possibili esiti mortali in caso di contagio, senza prescrivere l’utilizzo di modalità didattiche a distanza che ridurrebbero enormemente tali rischi, corrisponderebbe ad una violazione di misure di sicurezza sul lavoro (pur non essendo queste ultime di competenza dello scrivente) disponibili in scienza e coscienza, determinando gravi responsabilità in capo ad ogni soggetto pubblico che ha il dovere/potere di adottare misure capaci di impedire l’evento dannoso o la morte del lavoratore;

CONSIDERATA la correlata necessità di disporre che i dipartimenti di prevenzione delle AA.SS.LL. attuino l’allegato Piano Vaccinale degli operatori scolastici, comunicando al competente Dipartimento della Salute e all’Ufficio Scolastico regionale il rispetto del cronoprogramma stabilito e il grado di copertura vaccinale raggiunto, affinché  i singoli Istituti scolastici, per disposizione del Dirigente scolastico, possano ritornare all’attività didattica in presenza, una volta completate le vaccinazioni dei rispettivi operatori scolastici che ne abbiano fatto richiesta;

RILEVATO che la misura della didattica digitale integrata è prevista espressamente nelle Linee Guida del Piano Nazionale Scuola di giugno 2020, alla pag. 15: «Qualora l’andamento epidemiologico dovesse configurare nuove situazioni emergenziali a livello nazionale o locale, sulla base di un tempestivo provvedimento normativo, potrebbe  essere disposta nuovamente la sospensione della didattica in presenza e la ripresa dell’attività a distanza, attraverso la modalità di didattica digitale integrata»;

RILEVATA, quindi, in stretta esecuzione del decreto cautelare del Presidente della Terza Sezione del TAR di Bari e senza che ciò comporti acquiescenza, la necessità di disporre la didattica digitale integrata al 100% per tutte le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, affermando la possibilità per gli alunni di chiedere la didattica in presenza, senza alcuna limitazione percentuale per le Scuole dell’Infanzia, del ciclo primario e CPIA, mentre, con la sola limitazione del 50% (possibilmente per singola classe) per

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 6

le Scuole secondarie di secondo grado, in conformità al DPCM 14 gennaio 2021;

RIBADITO, infatti, che a fronte degli interessi coinvolti, tutti di rango costituzionale, nell’attuale ed eccezionale fase pandemica, è necessario assolvere primariamente al dovere di prevenzione e tutela del diritto alla salute, che trova fondamento nella Costituzione sia nella dimensione di  diritto fondamentale dell’individuo sia nella dimensione di interesse della collettività, senza tuttavia una compromissione del diritto all’istruzione, anch’esso di rango costituzionale;

RAVVISATA, quindi, la sussistenza delle condizioni e dei presupposti di cui all’art.32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, nonché delle condizioni e dei presupposti di cui alla normativa emergenziale vigente, restando salva l’emanazione di ulteriori provvedimenti in conseguenza dell’evoluzione del contesto epidemiologico all’esito delle ulteriori valutazioni del competente Dipartimento della salute;

Sentiti l’Assessore all’Istruzione, l’Assessore alla salute,

EMANA

la seguente ordinanza

  1. Con decorrenza dal 24 febbraio e sino al 14 marzo 2021, salvo quanto previsto ai successivi punti 2 e 3, le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado e i CPIA adottano forme flessibili dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività scolastiche sia svolto in modalità digitale integrata (DDI), secondo quanto previsto dal DM 89/2020 recante l’adozione delle Linee guida sulla Didattica Digitale Integrata di cui al Decreto del Ministro dell’Istruzione 26 giugno 2020 n.39, riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata;
  2. Le scuole dell’Infanzia, le Istituzioni scolastiche del ciclo primario e i CPIA ammettono in presenza tutti gli alunni che, per ragioni non diversamente affrontabili, non abbiano la possibilità di partecipare alla didattica digitale integrata;
  3. Le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado ammettono in presenza tutti gli studenti che, per ragioni non diversamente

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 7

affrontabili, non abbiano la possibilità di partecipare alla didattica digitale integrata, nel limite del 50% della popolazione scolastica, possibilmente per ogni singola classe;

  • I dipartimenti di prevenzione delle AA.SS.LL. attuano l’allegato Piano Vaccinale degli operatori scolastici entro la data di scadenza della presente ordinanza e comunicano al Dipartimento della Salute della Regione Puglia e all’Ufficio Scolastico regionale il grado di copertura vaccinale raggiunto, affinché i singoli Istituti scolastici, per disposizione del Dirigente scolastico, possano ritornare all’attività didattica in presenza, una volta completate le vaccinazioni dei rispettivi operatori scolastici che ne abbiano fatto richiesta;
  • Le Istituzioni Scolastiche devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute, attraverso la procedura predisposta sulla

piattaforma w ww.studioinpuglia.regione.puglia.it,    il    numero    degli

studenti e il numero del personale scolastico positivi al COVID-19 o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza Covid.

  • Le istituzioni scolastiche devono garantire, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, le adeguate condizioni utili a consentire una idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata. Ogni conseguente adempimento, ove necessaria una implementazione tecnologica ai fini della suddetta idonea erogazione e fruizione della didattica digitale integrata, deve avvenire con l’urgenza del caso.

La presente Ordinanza è pubblicata sul BURP, nonché inserita nella Raccolta Ufficiale dei Decreti e delle Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale; viene trasmessa, per gli adempimenti di legge, al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della Salute, al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, ai Prefetti delle province ed ai Sindaci dei comuni pugliesi.

Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di giorni centoventi.

Bari, addì 23 febbraio 2021

Michele Emiliano

EMILIANO MICHELE 23.02.2021

22:42:04 UTC

www.regione.puglia.it                                                                                Pagina 8

REGIONE

DIPARTIMENTO PROMOZIONE DELLA SALUTE,

DEL BENESSERE SOCIALE E DELLO SPORT PER TUTTI

PUGLIA            DIREZIONE

Casella di testo: Si invia solo a mezzo posta elettrori ice ai
sensi del DPR. 445/2000 e D.Lgs. n.82/2005 in sostituzione della posta o rdin a rim.

Al Presidente della Giunta Regione Puglia Dott. Michele Emiliano

OGGETTO: Relazione sull’andamento dei contagi in ambiente scolastico. Aggiornamento al 18.02.2021

Si trasmette la relazione tecnica in oggetto, con la quale si evidenzia un perdurare della elevata circolazione virale in tutta la popolazione e in particolare un maggiore tasso di contagio registrato nella popolazione scolastica rispetto alla popolazione generate nello stesso periodo, unite al rischio di incremento previsto dalla diffusione delle nuove varianti del virus (che in altre regioni ha gia condotto ad un importante aumento di contagi nelle fasce di eta scolari).

Tali rilevanze epidemiologiche suggeriscono di limitare Ie occasioni di contagio, diminuendo per quanto possibile – la percentuale di popolazione scolastica in presenza.

Si sottolinea che, a partire dalla prossima settimana, iniziera, con tutte Ie forze in campo disponibili, la vaccinazione degli operatori scolastici, che rappresenta certamente tra i piu importanti presidi per consentire lo svolgimento deIl’attivita didattica in presenza, con l’obiettivo di portare a termine la somministrazione della prima dose nel piu breve tempo possibile per tutto il person ale scolastico Entro la fine del mese di febbraio la Regione disporra di oltre 60.000 dosi del vaccino AstraZeneca, destinato al person ale scolastico, e gia sufficienti per offrire la prima dose al 70% di questo target: sulla base delle evidence disponibili, é noto che alla prima dose di tale vaccino é associata una efficacia pari al 64,1%, a distanza di 21 giorni dalla somministrazione.

Quanto contenuto in detta relazione rileva proposte organizzative ed operative sulla base degli elementi di conoscenza acquisiti sino ad oggi. Nel caso si manifestasse I’esigenza di integrare e/o modificare i documenti allegati sulla base di nuovi scenari epidemiologici, nonché di nuove disposizioni normative, provvederemo senza indugio ad inviare i necessari aggiornamenti utili a rivedere i provvedimenti regionali in ambito scolastico in materi a di “Misure per fronteggiare I’emergenza epidemiologica da COVID-19”

Distinti saluti

II Direttore Area Epidemiologi

Dott.ss Lucia

Care Intelligence

#8lId

L’    SESSORE

Profy•Pie       gi    palco

II Direttore/dE    ip rtimento

t,

www.regione.puglia.it

Oipartimento promozione della salute, del benessere e dello sport per tutti

pag. 1 a 1

aggiornamento al 18/02/2021

La presente relazione aggiorna i dati sui contagi in Puglia nella popolazione scolastica all’ultima settimana di monitoraggio, relativa al periodo 8-14 febbraio.

Le azioni messe in atto negli edifici scolastici (uso delle mascherine, gel disinfettante, distanziamento dei banchi) sono tese a diminuire il rischio di trasmissione nella comunità scolastica ma non possono essere in grado di azzerarlo in condizioni di elevata circolazione virale. Inoltre, l’attività didattica in presenza offre situazioni di socializzazione al di fuori degli edifici scolastici e durante il percorso che sono di difficile controllo.

Nella letteratura scientifica esistono evidenze non conclusive sull’impatto della chiusura della didattica in presenza sull’andamento della pandemia.

La valutazione della situazione nazionale si basa su dall’analisi dell’incidenza di malattia nelle diverse fasce di età, che viene realizzata settimanalmente da un gruppo di lavoro dell’Associazione Italiana di Epidemiologia, attraverso i dati forniti da 12 regioni (Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia).

Di seguito si riporta il grafico dei tassi di incidenza settimanali standardizzati per età per le Regioni partecipanti al progetto, che consente di inquadrare l’attuale andamento dell’epidemia a livello nazionale e della regione Puglia rispetto alle altre (Fonte: http://www.scienzainrete.it/dashboard-eta/, ultima visualizzazione 18/02/2021).

Figura 1. Tassi incidenza, per 100.000 abitanti, per classi di età nel totale delle 10 regioni dal 21 settembre (settimana 39) al 31 gennaio (settimana 5 2021)

Figura 2. Tassi incidenza, per 100.000 abitanti, per classi di età nel totale delle 10 regioni dal 21 settembre (settimana 39) al 31 gennaio (settimana 5)

Il grafico in Figura 2 mostra gli andamenti nei tassi di incidenza per i diversi gruppi di età, fino all’ultima settimana di gennaio, i cui valori sono da considerarsi consolidati. Nei grafici specifici delle regioni sono anche riportati i dati provvisori al 7 febbraio. Le persone oltre gli 84 anni di età, presentano ancora i tassi di incidenza più elevati (170 per 100.000), seppure in decremento. Il valore dell’incidenza per i bambini più piccoli (0-2 anni) è stabile, mentre l’incremento registrato nelle scorse settimane è chiaramente attribuibile ai bambini tra 3 e 5 anni (tasso 119 per 100.00); il tasso è in aumento anche per i ragazzi di 11-13 anni di età (137 per 100.000). Da notare anche  l’incremento osservato nella classe di età 6-10 anni che ha l ‘incidenza più elevata in almeno tre regioni, Umbria, Lazio e Campania. Un’ipotesi in studio che potrebbe concorrere a spiegare questo andamento, si riporta nel rapporto (http://www.epidemiologia.it/), è la circolazione delle varianti inglese e brasiliana.

Situazione a livello regionale

In Puglia, come già osservato, la ripresa dell’attività di circolazione del virus ha ripreso forza a partire dall’inizio di ottobre, ad una settimana circa dall’inizio dell’anno scolastico. La decisione di emanare le ordinanze regionali è stata presa sulla scorta di elementi di ordine epidemiologico, ma anche sulla urgenza di intraprendere misure di contenimento proporzionali alla rapidissima crescita del numero di contagi che stava già avendo un forte impatto sulle strutture sanitarie territoriali ed ospedaliere (figura 3).

Figura 3. Numero di casi positivi al Sars-CoV-2 in Puglia per data di prelievo tampone (la linea rossa indica il valore di media mobile calcolata sui 7 giorni precedenti).

Andamento dei contagi nelle diverse fasce di età prima e dopo l’apertura delle scuole

Anche dall’analisi dei casi riportati al sistema di sorveglianza nazionale non è possibile identificare con certezza quanti contagi siano avvenuti in ambito scolastico, poiché il dato non è sempre sulle schede di notifica.

Per valutare l’andamento dei contagi in ambito scolastico, attesa l’incompletezza dell’informazione sui sistemi di sorveglianza, si è proceduto ad una analisi dei nuovi casi di positività nelle specifiche fasce di età, per settimana.

La figura 4 riporta l’incidenza specifica per ogni fascia di età, misurata a livello settimanale nel periodo immediatamente precedente l’apertura delle scuole ed in quello successivo, fino alla settimana 8-14 febbraio.

Il grafico riporta con forte evidenza come, dopo la riduzione di incidenza che era stato possibile rilevare alla fine del mese di dicembre, a partire dalla settimana del 28/12-03/01, si è registrato un aumento progressivo che ha interessato tutte le classi di età – con l’eccezione degli ultra 85enni – e, in particolare, le fasce di età 14-18 anni.

Dalla settimana successiva, è stata osservata una riduzione dell’incidenza nei giovani e negli adulti, una ripresa importante dei contagi negli ultra 85enni, e un chiaro incremento nelle fasce 3-5, 6-10 e 11-13 anni, ma non 14-18 anni.

A fronte del rallentamento generalizzato dell’epidemia nella regione, nel confronto con la prima settimana di gennaio rispetto alla quale si è avuta una flessione del 29% dei nuovi casi settimanali, le fasce 6-10 e 11-13 hanno fatto registrare un decremento inferiore, pari rispettivamente al -8 e al -9%.

Figura 4. Incidenza di positivi Sars-CoV-2 nelle diverse fasce di età in Puglia

Figura 5. Tasso di primi test diagnostici Sars-CoV-2 nelle diverse fasce di età in Puglia

In particolare nelle fasce di età comprese tra 3-13 anni si osserva una relazione tra l’aumento dei nuovi casi rilevati e l’andamento dell’attività di accertamento diagnostico, meno chiara per i soggetti di età 14-18 anni, in cui infatti la proporzione di test positivi appare in riduzione, così come in tutte le classi di età (con l’eccezione degli ultra 85 anni).

Figura 6. Proporzione di primi test diagnostici positivi Sars-CoV-2 nelle diverse fasce di età in Puglia

La Tabella 1 riporta il numero assoluto di segnalazioni di casi positivi per fasce di età ed il confronto del numero di casi specifici per età in differenti periodi della curva epidemica.

In particolare, il primo raffronto è compiuto fra il numero di casi riportato nella settimana 26/10-01/11 ed il dato di base raccolto nella settimana 14-20/09. Da tale raffronto si evidenzia chiaramente come l’aumento dei casi dalla linea di base al periodo che contiene il primo mese di apertura delle scuole abbia interessato in maniera non proporzionale le classi di età <18 anni, con un aumento di oltre 20 volte nelle fasce 6-10 e 14-18 aa.

Nelle settimane interessate dalla vigenza delle disposizioni delle ordinanze regionali, l’aumento di casi nelle differenti classi di età si è stabilizzato nelle età giovanili ma è rimasto spiccato nelle classi di età più anziane. Importante sottolineare come l’aumento meno spiccato è quello registrato nella classe 11-13 anni.

Il mese di dicembre è complessivamente caratterizzato da una riduzione del numero di casi, ma meno evidente nelle fasce di età scolari, che avevano però fatto registrare un minore incremento dei contagi nel mese di novembre. Il dato testimonia comunque la presenza di una circolazione virale ancora sostenuta, anche nelle fasce di età pediatriche e giovanile, che deve indurre a non sottovalutare l’aumento di trasmissione del contagio in contesti di aggregazione.

Nel mese di gennaio, il numero di contagi è complessivamente in riduzione rispetto alla prima settimana del mese, tranne che per le fasce di età 0-13 e 85+ anni. Restringendo l’osservazione al confronto delle ultime due settimane (25-31 gennaio verso 18-24 gennaio), si rileva un incremento del 23% dei casi in fascia 0-5 anni, del 9% in fascia 6-10 anni e del 31% in fascia 11-13 anni, mentre sono in riduzione i casi in fascia 14-18 anni (-9%). Scorporando la fascia di età 0-5 anni, si osserva che l’incremento è del 20% nei bambini di età compresa tra 0-2 anni e del 25% nei bambini  3-5 anni.

Con riferimento all’ultima settimana rispetto alla prima di gennaio, il trend è complessivamente in riduzione in tutte le fasce di età, ma con una pendenza in discesa meno accentuata nelle fasce 0-13 anni.

Sorveglianza speciale focolai epidemici in ambito scolastico

A seguito della emanazione della prima ordinanza 407, è stato avviato un sistema di rilevazione dei casi di positività e dei soggetti in quarantena da parte dei referenti COVID19 scolastici, consolidatosi nella vigenza delle ulteriori ordinanze 413 e 444

Dall’analisi si evince come, nella settimana 4-19 dicembre 2020, su un totale di 330 scuole, siano stati individuati 483 casi di positività fra alunni (278) e personale scolastico (205), il 50% in meno di quanto registrato nella settimana 16-20 novembre. Questi casi di positività nella comunità scolastica, nello stesso periodo, hanno generato 1811 provvedimenti di isolamento domiciliare (quarantena), a fronte dei 5425 della settimana 16-20 novembre.

Tali numeri sono particolarmente significativi considerato che nella precedente settimana, 16- 20 novembre, l’attività didattica in presenza era già fortemente ridotta per effetto della precedente ordinanza.

A partire dalla settimana 4-9 gennaio, la rilevazione si è arricchita con l’informazione relativa alla frequenza scolastica. Tra la prima settimana di frequenza e l’ultima nel mese di gennaio, ferma restando una riduzione dei plessi rilevati si rileva un incremento della percentuale di studenti in presenza nelle scuole dell’infanzia che passa dal 25% al 62%; nelle scuole primarie (dal 19,7% al 67%); nelle secondarie di primo grado (dal 11,7% al 46,3%). Nelle scuole superiori di secondo grado si passa dallo 0,5% al 2,6% di frequenza in presenza.

Nell’ultima settimana di monitoraggio, la frequenza si attesta su percentuali pari al 64% per le scuole dell’infanzia, al 70% nelle scuole primarie, al 55% nelle scuole secondarie di primo grado e al 18% nelle scuole secondarie di secondo grado. I contagi rilevati ammontano a 464 tra gli studenti, 154 tra i docenti e 54 tra il personale ATA.

L’andamento appare in crescita nelle scuole dell’infanzia, stabile negli altri gradi di istruzione e in riduzione nelle secondarie superiori, dove però il tasso di frequenza in presenza è rimasto inferiore al 20%. Nella valutazione dei numeri assoluti, confrontando le ultime due settimane, deve essere considerato che i plessi rilevati nell’ultima sono 139 in meno rispetto alla precedente.

Il tasso di contagio nella popolazione studentesca considerata globalmente è pari a 189 per 100.000, superiore a quello registrato nella popolazione generale nello stesso periodo in regione, pari a 148 per 100.000.

Sono stati adottati complessivamente 6444 provvedimenti di quarantena, di cui l’83% nei confronti degli studenti, in incremento rispetto alla settimana precedente di 3.113 unità.

Va sottolineato, comunque, che i dati sopra riportati risentono delle oscillazioni nella completezza delle registrazioni da parte dei singoli plessi e sono da considerare sottostimati: essendo frutto di una attività di sorveglianza passiva, non si può avere la certezza che tutti i casi siano stati oggetto di segnalazione da parte di tutti gli istituti.

Tabella 1. Numero di casi positivi Sars-CoV-2 in Puglia suddivisi per fasce di età e settimana di data tampone

    Classi età    14-20 sett    21-27 sett    28 sett-4 ott    5-11 ott    12-18 ott    19-25 ott  26 ott-1 nov    Diff 26 ott verso 14-20 sett    2-8 nov    9-15 nov    16-21 nov    22-29 nov  30 nov-6 dic    Diff 16-22 nov verso 26 ott-1 nov
0-51018142960561111010%10516218015314329%
6-107112552721841812486%19218620021221820%
11-13115102140941731473%1491701791951751%
14-1814202969892072942000%38738440439836424%
19-24503539102137246390680%57063268562558550%
25-4416316017735854210551604884%2060257426402578240950%
45-6417619627140861011281834942%2631335535693442303866%
65-841118289225275599860675%1232163018581761155481%
85+23713110114153178674%328404478427414133%
Totale5655346671374193937225625896%76549497101939791890058%
    Classi età    7-13 dic    14-20 dic    21-27 dic    28 dic- 3 gen    4-10 gen  Diff 4-10 gen verso 30 nov-6 dic    11-17 gen    18-24 gen    25-31 gen    1-7 feb    8-14 feb    Diff 8-14 feb verso 4-10 gen
0-5808967  74  118  28%  118  112  108  134  1350%
6-10147140121  151  202  20%  202  178  186  208  219-8%
11-139410290  68  122  7%  122  132  107  142  135-9%
14-18201230177  248  311  15%  311  296  266  253  231-33%
19-24435411361  425  580  24%  580  476  395  360  343-40%
25-44171318121332  1832  2299  4%  2298  1953  1570  1661  1493-38%
45-64226322551758  2070  2425  -20%  2424  2350  2043  2159  1955-24%
65-8411391190999  1079  1274  -15%  1029  960  924  805  786-23%
85+247361265  224  229  -50%  197  208  169  190  155-40%
Totale631965905170  6171  7560  -8%  230  272  288  306  176-15%

Tabella 4. Numero di casi positivi Sars-CoV-2 e numero di soggetti in quarantena fra studenti e personale scolastico come riportato dal sistema di sorveglianza basato sulle comunicazioni da parte del sistema scolastico relative a:

settimana 16-20 novembre 2020

 POSITIVIQUARANTENA
 Studenti    docente    non docenteStudenti    docente    non docente
  Territorio  Istituti che hanno comunicato  0-6 anni  6-13  14-18 anni  > 18  0-6 anni  6-13 anni  14-18 anni  > 18
BARI1333914798 157442211271171 32666
BAT2202217 26609714 3221
BRINDISI281339 13702207 5320
FOGGIA6952915 75202928221 10245
LECCE9205914 2454139137 27849
TARANTO5202335 52101549614 11825
TOTALE3964531318803479226937572640909226

settimana 14-19 dicembre 2020

 POSITIVIQUARANTENA
 Studenti    docente    non docenteStudenti    docente    non docente
  Territorio  Istituti che hanno comunicato  0-6 anni  6-13  14-18 anni  > 18  0-6 anni  6-13 anni  14-18 anni  > 18
BARI105108666 64262146267 7727
BAT180124 13401053 449
BRINDISI250154 120854 198
FOGGIA6201310 3912020314 479
LECCE761215 1141515023 5518
TARANTO4401912 23602834 4811
TOTALE33011166101015154361288115029082

settimana 4-9 gennaio 2020

PLESSI RILEVATIMedia giornaliera presenze e percentuale in presenza /Grado
  ProvPlessi rilevati/Plessi totaliIscritti plessi rilevatiTotale Media giornaliera  Inf  %/I  Pri  %/I  Sec-1  %/I  Sec-2  %/I  CPIA  %/I
  BA836901179.78818.9496.59723,859.10917,352.9408,712650,4 1393,26
  BR28729554.5058.0432.19126,314.03425,261.64115,161470,7 8304,57
  BT23026156.1435.2261.76522,392.35614,769027,851570,7 8467,89
  FG50761184.6275.7042.27120,802.49310,538625,14720,2 271,13
  LE692701109.53421.6905.75534,4810.25 932,215.00523,773440,8 832834,1 3
  TA41444483.9508.4602.52320,144.29517,311.5019,161010,3 4434,71
Total e2.9663.213568.54767.97421.08 225,1032.53 919,7512.85 211,661.08 50,5 34929,98
  ProvNUOVI CONTAGINUOVI CONTAGI STUDENTI /GradoNUOVI CONTAGI DOCENTI /GradoNUOVI CONTAGI ATA /GradoNUOVE QUARANTENE
StudentiDocentiATAInfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec- 2Student iDocent iATA
BA2509137246048118242519236114162788038
BR3541188182002001068125
BT1825711610110773112943010
FG29381513817986150438393815
LE241254801244131013652417
TA8949187261640141412955171595816
Total e4452198338106862155461455915211136703242101

Settimana 11-16 gennaio

PLESSI RILEVATIMedia giornaliera presenze e percentuale in presenza /Grado
  ProvPlessi rilevati/Plessi totaliIscritti plessi rilevatiTotale Media giornaliera  Inf  %/I  Pri  %/I  Sec-1  %/I  Sec-2  %/I  CPIA  %/I
  BA824901177.42 149.96416.31 260,3524.95 448,507.30422,091.30 22,0 1927,69
  BR28529453.26921.3125.73768,9010.49 667,714.21541,947283,8 913520,5 5
  BT23726157.37012.6584.85759,475.76535,081.54712,943251,6 116428,1 3
  FG49861183.90915.0874.79344,737.08530,362.97017,932080,6 4325,19
  LE687701109.04 346.64711.77 370,3822.26 170,7010.83 651,679502,4 482685,9 5
  TA40444482.13324.6715.03841,0512.90 153,586.38040,972360,8 111612,7 1
Total e2.9353.212563.14 5170.33948.51 058,2883.46 251,4333.25 230,733.74 91,8 31.36527,7 0
 NUOVI CONTAGINUOVI CONTAGI STUDENTI /GradoNUOVI CONTAGI DOCENTI /GradoNUOVI CONTAGI ATA /GradoNUOVE QUARANTENE
ProvStudent iDocent iATAInfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec- 2Student iDocent iATA
BA20357131431491091118121624076229621
BR63821665022221001111416
BT28211154316575452312334912
FG35319745196107823311374612
LE54714151025213101003114618
TA11634188282159898927362827035
Total e499158543988942783447374012179161.696348104

Settimana 18-23 gennaio

PLESSI RILEVATIMedia giornaliera presenze e percentuale in presenza /Grado
  Prov  Plessi rilevati  /Plessi totaliIscritti plessi rilevatiTotale Media giornalier a  Inf  %/I  Pri  %/I  Sec-1  %/I  Sec-2  %/I  CPIA  %/I
 810901172.8464.95717.3865,5132.91365,4013.1439,951.422,30977,10
BA5080
BR27529551.10923.6025.12064,9011.79978,805.99759,676753,85111,67
  BT23426157.16116.1314.83960,048.10849,342.67222,353481,7316428,1 3
FG48761182.21919.8405.06248,679.98044,444.57628,472210,6820,32
 680702108.2150.61411.4569,6324.01876,9013.4164,898812,2684788,1
LE1444
  TA40444482.13327.1877.20758,7213.97558,045.52635,493671,2511212,2 7
Total2.8903.214553.67202.33251.0662,57100.7963,1945.3342,283.911,951.23324,1
e803329
 NUOVI CONTAGINUOVI CONTAGI STUDENTI /GradoNUOVI CONTAGI DOCENTI /GradoNUOVI CONTAGI ATA /GradoNUOVE QUARANTENE
ProvStudent iDocentiATAInfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec- 2InfPriSec- 1Sec-2Student iDocent iAT A
BA182401622452986913711351781712240
BR31221251410611140001231582
BT221933766267411013827610
FG442761595151048520222455412
LE4515261711113633100170511020
TA9327741712604751113033587019
Totale41715035521007718834374137893152.738490103

Settimana 25-30 gennaio

PLESSI RILEVATIMedia giornaliera presenze e percentuale in presenza /Grado
  Prov  Plessi rilevati  /Plessi totaliIscritti plessi rilevatiTotale Media giornalier a  Inf  %/I  Pri  %/I  Sec-1  %/I  Sec-2  %/I  CPIA  %/I
  BA  760  901164.96 8  66.39215.91 964,3 2  35.054  71,2513.29 4  43,881.41 32,3 8  71250,8 9
  BR  240  295  44.752  19.062  4.20063,4 5  9.460  73,92  4.542  57,20  7184,2 9  14120,9 2
  BT  210  261  51.978  17.066  4.38161,2 6  8.484  55,52  3.000  30,581.02 35,3 4  18732,0 8
  FG  474  611  79.729  23.109  5.13349,7 3  11.824  51,82  5.362  32,95  3001,0 1  49079,4 2
  LE  671  702106.49 1  50.49310.96 169,3 6  23.631  78,1814.00 6  67,981.02 92,6 5  86790,2 2
  TA  397  444  80.164  29.821  7.40060,1 9  15.382  63,48  6.375  40,54  4981,8 4  16618,1 8
Total e  2.752  3.214528.08 2  205.94447.99 562,3 8103.83 6  67,1946.57 8  46,284.97 12,6 1  2.56349,8 0
     NUOVI CONTAGINUOVI CONTAGI STUDENTI /GradoNUOVI CONTAGI DOCENTI /GradoNUOVI CONTAGI ATA /GradoNUOVE QUARANTEN E  
ProvStudent iDocent iATAInfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec-2InfPriSec-1Sec- 2StudentiDocentiAT A
BA205492321802777121810968361.60829664
BR7211194518721110002836519
BT261581551511580242163545
FG5319752011175149001646512722
LE5914271915184415100166616518
TA7531752311363148613121.05116019
Total e  490  139  48  48  151  120  171  32  40  29  38  9  13  9  17  4.236  867  147

Settimana 1-6 febbraio

Settimana 8- 13 febbraio

Conclusioni

La comunità scolastica rappresenta un elemento di aggregazione sociale che, in situazione di intensa circolazione virale, è inevitabilmente interessata dal fenomeno dei contagi, come affermato anche dall’ECDC nel Technical Report del 23 dicembre 2020.

L’analisi condotta sia a livello nazionale che a livello regionale mostra che:

  1. la forma della curva epidemica è differente nelle differenti classi di età, evidenziando livelli di rischio differenti nelle classi di età scolare rispetto alle altre fasce di età;
  2. in un campione di 12 regioni (pari ad oltre 51M di cittadini) si è osservato un incremento nelle scorse settimane attribuibile ai bambini tra 3-13 anni di età; in particolare l’aumento nelle fasce 6-10 anni in tre regioni sembra essere collegato alla circolazione di varianti del virus;
  3. in Puglia la curva epidemica è caratterizzata da una generale riduzione dell’andamento dei contagi nelle ultime settimane, dopo una ripresa dell’incidenza successiva alle festività natalizie; dalla metà del mese di gennaio si osserva un incremento dei nuovi casi nelle fasce di età 3-5 anni, 6-10 e 11-13 anni, ma non 14-18 anni, che comunque appare essersi stabilizzato nell’ultima settimana;
  4. i dati della sorveglianza scolastica consentono di osservare che, all’aumento della didattica in presenza, registrato nelle scuole di tutti i gradi (anche se in misura sostanzialmente minore nelle secondarie di secondo grado), è corrisposto fino alla settimana precedente un aumento in valori assoluti dei contagi tra gli studenti;
  5. nonostante il rallentamento dei contagi in ambito scolastico, il tasso di nuovi positivi settimanali tra gli studenti rimane superiore al tasso riscontrato nella popolazione generale.
  6. Risulta in costante e importante aumento il numero dei soggetti (sia tra gli studenti che nel personale) per cui è stato disposto un provvedimento di isolamento/quarantena.

Si può pertanto concludere che le misure via via adottate per il controllo dei focolai scolastici abbiano manifestato in maniera crescente la loro efficacia; l’aumento della frequenza scolastica, comportando un aumento del numero dei contatti interpersonali, aumenta il rischio dei contagi che in effetti sono apparsi in incremento fino alla precedente settimana di monitoraggio. Il dato deve essere tuttavia letto anche prendendo in considerazione gli effetti della circolazione di varianti virali nella popolazione scolastica, in particolare nelle scuole dell’infanzia, nelle scuole primarie e nelle secondarie di I grado, che è stato possibile osservare in alcune regioni dove sono stati isolati i ceppi inglese e brasiliano.

Sono state condotte due quick survey, su indicazione dell’ISS, con l’obiettivo di valutare la prevalenza della variante inglese in Regione Puglia, che hanno restituito una percentuale pari al 15% nella prima indagine, relativa al 4-5 febbraio, e al 38% nella seconda, condotta il 12 febbraio, con un incremento del 60% in 7 giorni.

Tale circostanza impone l’assunzione di stringenti iniziative di carattere preventivo, adottando nuove misure finalizzate alla massima limitazione dei contatti interpersonali, per contenere il rischio di una nuova ripresa dei contagi, nelle more di completare la campagna vaccinale almeno con riferimento ai soggetti fragili e a maggior rischio di contagio.

Si allega cronoprogramma riassuntivo della implementazione del piano di vaccinazione negli istituti scolastici suddiviso per provincia. Come da indicazione precedente, si é data prioritâ alle scuole deIl’infanz\a e progressivamente ai gradi superiori. Si sottolinea che la vaccina2ione del personale scolastico permettera di ridurre progress\vamente il rischio di contagio neII’ambiente professionale. Dai dati d!sponibiIi, la protezione indotta da una dose di vaccino AstraZeneca é pari al 100% nei confronti delle forme gravi di malattia e a! 73% nei confronti delle forme anche lievi dopo tre sett\mane dalla somministrazione. Questi IiveIIi di prote2ione, cosi misurati, si raggiungono comunque progressivamente gia a partire da pochi giorni dopo la vaccinazione

Cronoprogrommo somministrozione I dose voccino Ast o2eneco

yp y|y C ‘p        I 5tituti  comprensivi statali e                      Restanti Istituti

scuole paritarie (scuola per I’infanzia, scuola primaria e scuola secondaria di primo grado)

Brindisi

Foggio

07/03/2O2l

07/03/2021

03/03/2021

07/03/2021

10/03/2021

07/03/2021

LASCIA UN COMMENTO