‘Fact-checking. Come informarsi nell’era della post verità’: l’iniziativa dall’associazione Librintesta APS di Noci

0
309

E’ il 7 marzo prossimo la data ultima per iscriversi ai laboratori del nuovo progetto pilota dal titolo <<Fact-checking. Come informarsi nell’era della post verità>>. L’iniziativa, riservata a ragazzi tra i 16 e i 18 anni, è realizzata dall’associazione Librintesta APS di Noci in collaborazione con l’associazione culturale C1V e la collana Scientia et Causa della casa editrice C1V edizioni. I laboratori, saranno realizzati su piattaforma digitale e saranno moderati da esperti del mondo della comunicazione e della psicologia e da debunker specialisti e dal curatore della collana Scientia ed Causa e divulgatore scientifico Armando De Vincentis, responsabile del Cicap pugliese. Il gruppo C1V nasce nel 2008 come casa editrice. Ha ottenuto nel corso degli anni una serie di riconoscimenti prestigiosi dalle più alte istituzioni. Proprio per favorire la corretta divulgazione scientifica nasce Scientia et Causa, diretta da Armando De Vincentiis, con la prestigiosa collaborazione di Piero Angela. Al progetto nocese collabora anche Lercio, l’ormai famoso sito satirico italiano che elabora notizie con la finalità di fare il verso al sensazionalismo. Dunque, il giovane imparerà a riconoscere le fake news e come si costruiscono. Al progetto collabora anche il Centro studi abusi psicologici (Cesap) che diffonde una corretta informazione scientifica con particolare riferimento a chi finisce vittima di culti distruttivi e persuasione indebita. I laboratori del progetto pilota esamineranno due libri che l’associazione Librintesta APS ha scelto: Le ragioni della scienza, di Silvano Fuso e Giornalismo pseudoscientifico di Piero Angela, Cristina Da Rold, Marco Mastrolorenzi. L’adesione ai laboratori è gratuita previa iscrizione e acquisto di uno dei due libri scelti, cui la casa editrice ha applicato il 20% di sconto (per i soli iscritti al corso). Per info contattare la responsabile del progetto, Dr.ssa Lorita Tinelli alla email dr.loritatinelli@gmail.com.

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO