Consiglio Comunale di Bari: lascia la Maurodinoia ed entra Romeo Ranieri

0
413

“Lascio il Consiglio comunale e la città metropolitana di Bari per favorire il rinnovo”. A darne notizia su facebook è l’assessore ai trasporti della Regione Puglia, Anita Maurodinoia. Entra nella squadra di maggioranza Romeo Ranieri e alla città metropolitana Alessandra Anaclerio.

“Così come preannunciato in campagna elettorale, dopo essere stata eletta al Consiglio regionale nella lista del PD e nominata dal presidente Emiliano assessore ai Trasporti e alla Mobilità pugliese, pur non essendo incompatibile, ho deciso di dimettermi dal Comune di Bari e dalla Città Metropolitana – riferisce la Maurodinoia – . Vi devo confidare, che lasciare il Comune e la Città Metropolitana di Bari dopo tanti anni di impegno politico, per potermi occupare a tempo pieno dell’impegnativo ruolo di assessore regionale, se da un lato mi procura nostalgia, dall’altro mi riempie di ottimismo e di speranza confidando sulle qualità morali e politiche di chi mi sostituirà. Al Comune di Bari subentrerà Romeo Ranieri il primo dei non eletti con 1520 voti della lista “Sud al Centro”, che siederà in Consiglio per la terza volta, mentre, alla Città Metropolitana di Bari, approderà la Consigliera comunale di Bari Alessandra Anaclerio. Avendo avuto modo di apprezzare durante i miei sette anni di consigliere comunale del capoluogo pugliese, le doti amministrative ed umane dei colleghi Romeo Ranieri e Alessandra Anaclerio, sono certa che entrambi svolgeranno il proprio compito con serietà, professionalità e competenza. Da parte mia, anche se da assessore regionale, in sinergia con i subentrati ai quali rivolgo gli auguri di buon lavoro ed in collaborazione con tutti i consiglieri, gli assessori e il sindaco Decaro, continuerò ad occuparmi e preoccuparmi della crescita della città e del benessere dei baresi. Allo stesso modo, per quanto riguarda la ex provincia di Bari, oggi Città Metropolitana, che dopo circa 12 anni di mandato porterò sempre nel cuore, non potrò fare a meno di contribuire e di sostenerla nell’esclusivo interesse dei cittadini dei 41 comuni che la compongono. Infine, un saluto ed un sentito ringraziamento a tutto il personale ed in modo particolare all’apparato tecnico ed amministrativo, sia del Comune sia della Città Metropolitana, che con competenza e professionalità mi hanno arricchito in questa indimenticabile esperienza politica ed umana”.

redazione

LASCIA UN COMMENTO