Longo: “Studiare convenzioni per garantire maggiore sicurezza nelle campagne”

0
166

Longo: “Studiare convenzioni per garantire maggiore sicurezza nelle campagne”.

“Quello che è accaduto nelle campagne del Sud-Est Barese nei giorni scorsi è l’ulteriore segnale di quanto sia necessario intervenire per migliorare le condizioni di sicurezza nelle campagne”. E’ questo l’allarme lanciato da Peppino Longo, consigliere regionale della lista “Con-Emiliano” e presidente del movimento Realtà pugliese.

“Decine e decine di furti – prosegue Longo – si sono registratinell’area a Sud-Est del capoluogo causando un danno pesantissimo agli agricoltori che tanto impegno, sudore e passione mettono nel loro lavoro quotidiano. Questo ennesimo episodio è la ulteriore dimostrazione che nelle nostre campagneimperversano organizzazioni spesso legate alla criminalità organizzata. Da tempo i produttori agricoli sono costretti a fare i conti con furti e ruberie varie ai loro danni, con una mappa del rischio che non esclude alcun territorio della Puglia, ma che vede la massima concentrazione di azioni criminali nel Barese e in Capitanata. Molti agricoltori – prosegue il consigliere regionale Longo – si sono dovuti organizzare in vere ronde per controllare i campi oppure, con ulteriore aggravio di costi, far ricorso a uomini della vigilanza privata. Sono situazioni non più sostenibili per un settore ridotto ormai allo stremo. Ribadisco ancora una volta di più, quindi, la mia richiesta di studiare convenzioni con gli istituti di vigilanza o impiegare massicciamente gli uomini della ex Polizia provinciale come una vera e propria forza di Polizia rurale”.

 “Ricordo nei mesi scorsi la lodevole iniziativa del prefetto di Bari, dott. Antonia Bellomo di far riunire il comitato dell’ordine e della sicurezza per discutere proprio del tema-campagne. Adesso – conclude Peppino Longo – credo sia giunto il momento di concretizzare tutte le idee e proposte. Ed è per questo che chiederò all’assessore regionale Donato Pentassuglia di studiare nuove strategie che consentano ai nostri agricoltori di poter lavorare in tutta sicurezza”.

redazione

LASCIA UN COMMENTO