Graduatoria regionale (Puglia) di Medicina Generale e gravidanza anticipata: Dich. di Giuseppina Rotunno Responsabile Regionale della Continuità Assistenziale SMI

0
389

Bari, 23 dic.-  <Abbiamo scritto al Direttore del Dipartimento Promozione della Salute, del Benessere Sociale e dello Sport  dott. V. Montanaro e ai responsabili politici della Regione Puglia, per avere  chiarimenti  rispetto al punteggio della graduatoria regionale di medicina generale, riguardante i periodi della maternità anticipata per  gravidanza a rischio, richiesti dalle donne medico>, così in una dichiarazione Giuseppina Rotunno Responsabile Regionale della Continuità Assistenziale del Sindacato Medici Italiani della  Puglia.

< La maternità anticipata viene concessa a tutte le lavoratrici dipendenti o autonome in stato di gravidanza che per motivi legati alla gestazione o alla tipologia di lavoro possono decidere di smettere di lavorare prima del congedo di maternità obbligatorio, ovvero prima di aver raggiunto l’8° o il 9° mese di gravidanza>.

<Il diritto alla maternità anticipata per  gravidanza anticipata  a rischio è sancito dal D.lgs. 151/2001 “Testo Unico delle norme a tutela e sostegno della maternità e della paternità” e dagli art. 5 e art. 18 del Decreto del Presidente della Repubblica emanato il 25 Novembre 1976, n. 1026: “Regolamento di esecuzione della Legge 30 dicembre 1971, n.1204 sulla tutela delle lavoratrici madri> continua Rotunno.

<Nel merito della vicenda ci  sono pervenute  numerose segnalazioni di colleghe che hanno constatato penalizzazioni di punteggio relativo a periodi di gravidanza a rischio; siamo certi che si tratta di un mero errore inconsapevole.  Se così non fosse si  lederebbero  uno dei diritti costituzionali che assicura alla donna lavoratrice gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro della donna, inoltre, devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione>.

<Per queste ragioni  chiediamo agli organi regionali di  esprimersi  in modo chiaro in merito alla attribuzione del punteggio riguardante la graduatoria regionale di medicina generale durante i periodi di astensione lavorativa per gravidanza anticipata. Alle donne medico in gravidanza vanno garantiti tutti i diritti costituzionali  e quelli previsti dalle norme di tutele sul lavoro> conclude Rotunno. 

Redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO