Lettera aperta della AETB – Associazione Extralberghiero Terra di Bari al Governatore Michele Emiliano e al sindaco di Bari Antonio Decaro

0
405

Lettera aperta della AETB – Associazione Extralberghiero Terra di Bari, rivolta dal Presidente I.D. Giovanna Castrovilli e dal Direttivo, al Governatore Emiliano ed al Sindaco De Caro per manifestare il proprio disappunto sulla mancata considerazione delle esigenze del rilevante settore extralberghiero dell’area terra di Bari.

Cari Governatori

Il settore extralberghiero (che coinvolge numerose tipologie di strutture di accoglienza turistica rientranti nella tipologia dei nostri soci quali B&B Imprenditoriali, Case Vacanze, B&B Familiari, Locazioni Turistiche, Affittacamere),  è uno dei settori più colpiti dalle restrizioni imposte per il contenimento della diffusione del COVID 19.

Siamo rimasti in silenzio ed abbiamo “tenuto duro” durante il primo lockdown e ci siamo rimboccati le maniche quando un labile flusso ci ha chiamati al lavoro, dando come sempre il massimo perché la Puglia continuasse “a vivere”.

            Ormai, però, gli ultimi colpi di coda li abbiamo mossi a settembre: da ottobre il flusso turistico si è esaurito quasi del tutto, e le previsioni –a causa dell’innalzamento dei contagi  Covid 19 – sono purtroppo tutt’altro che rosee, anche in ragione dei nuove provvedimenti restrittivi attuati e da attuare .

            L’importante comparto economico dell’Extra-Alberghiero si trova allo sbando: pur avendo contribuito con lo sforzo di numerosissimi addetti ad attività imprenditoriali o semplicemente familiari alla crescita del fondamentale settore turistico, rischiamo di essere travolti da una gravissimo tracollo economico che porterà inevitabilmente a decretare la fine di molte strutture, non in grado di reggere al secondo impatto.

Noi, per la “Terra di Bari”,

non vogliamo manifestare scendendo in piazza come hanno fatto i nostri colleghi di altre Regioni,

ma nondimeno

vogliamo esprimere a gran voce il senso di disagio per una situazione che, rebus sic stantibus, è già divenuta insostenibile e che ci vede ignorati dalle Istituzioni del settore (sia a livello Locale che Nazionale), che ancora oggi -ed ancora una volta- sembrano orientate a dimenticarsi dell’INTERO settore extralberghiero (imprenditoriale e non), sul quale trovano sostentamento  numerose famiglie/lavoratori.

            Confidiamo quindi nella considerazione da parte di Codeste Istituzioni, per le quali il Turismo regionale e locale ha sempre costituito un settore trainante e vanto di eccellenza: auspichiamo pertanto che i nostri governanti non si dimentichino –nella fase di rilancio- della variegata tipologia di realtà turistiche che –tutte insieme- hanno contribuito alla crescita del settore sino alla vantata eccellenza (tutte accomunate. sia quelle imprenditoriali che non imprenditoriali, dalla medesima immensa dedizione al nostro territorio e dalla reciproca colleganza derivante dalla comune attribuzione del Codice Identificativo di Struttura – CIS, istituito dalla Regione Puglia).

            Non confidiamo solo in un mero supporto economico per tutte le ridette categorie di settore (solitamente discriminate ed  ingiustamente escluse da qualsiasi sostegno) ma in una maggiore considerazione anche per una futura pianificazione per il duro periodo di rilancio che ci aspetta, attraverso una apertura ad un dialogo maggiormente attento alle nostre esigenze affinchè il turismo regionale Pugliese, passato questo dannato periodo, possa destagionalizzarsi, crescere ed internazionalizzarsi sempre di più.

            Siamo certi che ci appoggerete oggi e che ci terrete in considerazione domani e di tanto Vi ringraziamo sin d’ora.

            Manteniamo e rendiamo ancora più grande questa splendida Terra!.     

                                                                       AETB TERRA DI BARI

Il Presidente ed Il Consiglio Direttivo

       

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO