Covid 19, 168 i casi positivi a Polignano: riunione con Michele Emiliano

0
416

 

Sono 168 i casi di positività emersi dal focolaio nell’azienda agricola ‘Sop’ di Polignano a Mare (Bari). Proprio ieri il sindaco Domenico Vitto ha emesso una ordinanza con la quale si invitano le attività commerciali a chiudere dopo le 00:30. Massima prudenza dunque nella cittadina natia di Domenico Modugno e incontro questo con il governatore Michele Emiliano che ha presieduto una riunione della task force.

Secondo i dati riportati dall’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, in prima battuta sono stati compiuti all’interno dell’azienda 273 tamponi che hanno rilevato 108 positivi. Poi, da mercoledì 9 settembre a venerdì 11 sono stati effettuati a Polignano, nell’area allestita dalla Protezione civile, altri 338 tamponi che hanno diagnosticato 13 nuovi contagi. A questi 121 casi, si sono poi aggiunti 6 positivi nel Tarantino (su 261 tamponi eseguiti ieri a persone che hanno lavorato negli ultimi 14 giorni alla Sop, a loro familiari e contatti stretti). Poi, un aggiornamento dei dati ha portato a 168 i contagi legati al focolaio nell’azienda Sop (fonte Ansa)

“Abbiamo convocato la task force anti Covid a Polignano a Mare – ha detto Emiliano – I numeri di questo cluster aziendale sono sicuramente importanti, ma non ci sono motivi di particolare preoccupazione. Abbiamo fatto un lavoro velocissimo nel mettere in quarantena tutti i contatti stretti dei casi positivi, ci sono centinaia di persone in isolamento a casa. Lo stabilimento purtroppo al momento è chiuso. Stiamo tentando di salvaguardare altri siti aziendali che hanno la vendemmia in corso e a metterli nelle condizioni di non perdere il raccolto; stiamo agendo sulle aziende simili che sono qui in zona, che è una delle aree dove l’agricoltura è più ricca, anche perché spesso i lavoratori sono condivisi tra più aziende. Quindi bisogna fare uno screening molto attento sia da parte delle aziende stesse con i medici del lavoro, anche perché ricordo che le aziende possono e debbono fare attività di prevenzione anche con tamponi privati non necessariamente quelli pubblici, e d’altra parte però dove si scatena l’emergenza noi dobbiamo intervenire allargando al massimo il numero dei tamponi, in modo tale da evitare che qualcuno asintomatico o paucisintomatico possa girare infettando altre persone. Abbiamo riflettuto sul fatto che l’età media dei contagiati è intorno ai 40 anni, quindi è presumibile che abbiano un certo numero di figli che frequentano le scuole. Ma non abbiamo, allo stato, rilevato situazioni di particolare allarme, fermo restando che in questa materia, nel coordinamento della lotta al Covid, si procede giorno per giorno sulla base dei dati, e quindi siamo pronti ad adottare qualunque provvedimento ove necessario. Ma in questo momento immaginare un ritardo dell’apertura delle scuole non ci pare fondato su dati epidemiologici obiettivi. Peraltro, con riferimento alla riapertura dell’anno scolastico, in Puglia avevamo già posticipato al massimo la data, al 24 settembre. Per la prima volta – ha aggiunto Emiliano – stiamo azionando il protocollo d’intesa con la Polizia municipale e con le forze dell’ordine per dare aiuto al Dipartimento di prevenzione nella esecuzione delle indagini epidemiologiche e rintracciare i contatti stretti”.


    I casi di Covid 19 sono così distribuiti in 12 comuni pugliesi: Polignano 76, Monopoli 31, Grottaglie 14, San Marzano 14, Noicattaro 9, Triggiano 5, Villa Castelli 5, Castellana Grotte 4, Conversano 4, Bitritto 3, Ostuni 2, Bari 1.

Redazione
   
   

LASCIA UN COMMENTO