Controlli sulla filiera della pesca: la Guardia Costiera di Molfetta sequestra 171, 6 kg di prodotti ittici

0
257

COMUNICATO STAMPA

CONTROLLI SULLA FILIERA DELLA PESCA: LA GUARDIA COSTIERA DI MOLFETTA SEQUESTRA 171,6 KG DI PRODOTTI ITTICI
Il personale della Capitaneria di porto – Guardia costiera di Molfetta, nell’ambito dell’operazione complessa regionale coordinata dal 6° Centro Controllo Area Pesca della Direzione marittima della Puglia e della Basilicata Jonica, ha proceduto ad effettuare controlli in materia di pesca nei Comuni di Terlizzi e Molfetta, allo scopo di verificare il rispetto della normativa nazionale e comunitaria dei prodotti ittici.
Nel Comune di Terlizzi, presso una pescheria, è stata accertata la presenza di prodotti ittici privi della documentazione attestante la data di cattura, la zona e gli attrezzi utilizzati per la pesca, ed altre informazioni utili ai fini di tracciarne la provenienza, comportamento che ha determinato la comminazione di una sanzione amministrativa da € 1.500 ed il sequestro di kg 31,6 tra triglie, pagelli e cicale. Parte del prodotto oggetto di sequestro, dichiarato idoneo al consumo umano da parte del medico veterinario – Ispettore degli Alimenti di origine animale del servizio SIAV B dell’ASL di Bari-, è stato devoluto in beneficenza ad enti caritatevoli operanti sul territorio, mentre quello non idoneo, è stato distrutto mediante conferimento al servizio di raccolta rifiuti.
I militari operanti hanno poi, rilevato, nel corso di un controllo ad un trasportatore di prodotti ittici nel Comune di Molfetta, un ingente quantitativo, ammontante a circa 140 kg di triglie, sprovvisto di alcuna documentazione idonea a ricostruire l’evidenza della sua provenienza, dal momento in cui è stato pescato sino alla somministrazione al cliente finale. Anche in tale circostanza, è stata elevata al trasgressore una sanzione amministrativa di € 1.500, mentre il prodotto è stato sottoposto a sequestro amministrativo e, successivamente, interamente devoluto in beneficenza.
I controlli sulla filiera sulla pesca rientrano nel novero delle attività istituzionali di prioritario interesse per il Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, e continueranno, costantemente, sia a mare che a terra, per garantire il rispetto delle norme che disciplinano l’intera filiera ittica, al fine di tutelare i consumatori e l’ambiente marino.
Molfetta 09.09.2020

“Segui la Guardia Costiera anche su Twitter, Facebook, Instagram e Youtube”