Cinecittà – Storie di Confine: Cittadella degli Artisti a Molfetta

0
205

Cinecittà – Storie di Confine

Ipogeo Madonna delle Rose, ore 20.30, ingresso libero

Ospiti: Antonio De Palo, Rosa Maria Scorese, Arianna Gambaccini

La Cittadella degli Artisti continua la sua intensa programmazione del grande cinema anche all’aperto, dopo l’esperienza di successo dello scorso anno con le proiezioni nelle piazze di Molfetta nel mese di agosto, ripropone una serata di cinema d’autore con ospiti di prestigio nell’ambito di un programma culturale

fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Molfetta in una felice sinergia con le realtà culturali del territorio.

Domenica 13 settembre appuntamento con “Cinecittà – Storie di Confine”, organizzato da

Cittadella degli artisti e Comune di Molfetta, in programma alle ore 20.30 all’ipogeo Madonna delle Rose di Molfetta. L’ingresso è libero previa prenotazione tramite messaggio al 392.16.38.782 (specificando nome e cognome, luogo di residenza per ogni partecipante; ogni messaggio può contenere 4 prenotazioni), i posti sono limitati nel rispetto della normativa Covid-19 .

La serata si apre con la proiezione del film breve “Le abiuratrici” di Antonio De Palo, con Valeria Solarino e Claudia Potenza, premiate per la loro interpretazione ai “Corti d’argento 2020”.

Prodotto da Assedio Film, Mediterraneo Cinematografica e Inthelfilm, il cortometraggio è ambientato in un inquietante 2087 nel quale Il Governo della Confederazione degli Stati Autonomi d’Eurasia ha adottato un programma di Eugenetica, che punta ad eliminare le “malattie umane” con lo scopo preciso di annullare i costi della medicina difensiva ad unico beneficio dell’incremento di fondi a disposizione della medicina preventiva, per la creazione degli esseri “iper‐positivi” o perfettiInterviene il regista Antonio De Palo.

Si continua con “Santa Subito” di Alessandro Piva, il documentario, premiato a Roma Film Festival, è dedicato alla memoria di Santa Scorese, tra le prime vittime di stalking riconosciute in Italia, assassinata a 23 anni a Palo del Colle, in provincia di Bari. Il film è stato premiato al Roma Film Festival (Premio del pubblico BNL). Intervengono Rosa Maria Scorsese, sorella della vittima.

“Cinecittà – Storie di confine” si conclude con la proiezione del film breve “La giornata”, del regista Pippo Mezzapesa, scritto con la giornalista di Repubblica Bari e sceneggiatrice Antonella Gaeta per Cgil Puglia.
“La giornata” è dedicato alla storia vera di Paola Clemente, bracciante pugliese di quarantanove anni, morta di fatica sotto il sole del 13 luglio del 2015. Un racconto affidato a voci di donna in viaggio sul pullman che le porta al lavoro nei campi del Sud. Premiato ai Nastri d’Argento 2018 (Nastro per l’impegno sociale), David di Donatello 2018 (nomination Migliore cortometraggio), Globi d’Oro 2018 (nomination Miglior cortometraggio). Ospite l’attrice protagonista Arianna Gambaccini.

Redazione

LASCIA UN COMMENTO