Festa dell’Incoronazione della Madonna del Pozzo: l’origine del rito

0
277

Il  168° anniversario dell’incoronazione della Sacra effige della Madonna del Pozzo si è svolto quest’anno in una situazione insolita, a causa dell’emergenza coronavirus. Stamane alle ore 7.30 si tenuta la diretta dalla Basilica con TV2000 can. 28 del digitale terrestre. Alle ore 8.30 la santa Messa, alle ore 11.30 il Rosario e Supplica alla Madonna del Pozzo. Alle ore 18.30 la s. Messa presieduta dal Ministro Provinciale fr Alessandro Mastromatteo con la partecipazione del Parroco don Tonio Lobalsamo e del Sindaco di Capurso dott. Francesco Crudele. Alle ore 20 l’ ultima santa Messa. I Frati del santuario hanno comunicato il rinvio a data da destinarsi dell’Offerta dell’Olio.

Per l’occasione abbiamo interpellato Antonio Calisi, teologo, docente di religione cattolica e iconografo. Gli abbiamo chiesto il senso di un rito come quello della incoronazione. Era il 20 maggio 1852 quando la sacra effige della Madonna fu incoronata per mezzo del cardinale Mattei. Le cronache narrano dei grossi festeggiamenti e dell’arrivo di numerosi pellegrini.

La Chiesa non ha mai esitato ad affermare a più riprese la legittimità del culto prestato alle icone di Cristo, della sua Madre e dei santi, e ha spesso ammaestrato i fedeli sul significato di tale culto.  La venerazione verso le immagini della beata Vergine Maria viene espressa non di rado ornando il suo capo con una corona regale. Se poi la santa Madre di Dio viene effigiata col divin Figlio in braccio, si incoronano tutte e due le immagini. Nell’azione rituale s’incorona prima l’immagine del Figlio e poi quella della Madre. La consuetudine di raffigurare la beata Vergine Maria ornata di un diadema regale andò affermandosi, sia in Oriente che in Occidente, fin dai tempi del Concilio di Efeso (431). Gli artisti cristiani dipinsero spesso la gloriosa Madre del Signore assisa su di un trono regale, ornata delle insegne proprie di una regina e circondata da una schiera di angeli e di santi. In tali immagini, non di rado vien rappresentato il divin Redentore nell’atto di recingere la Madre di una corona fulgente. La consuetudine di incoronare le immagini della beata Vergine Maria venne diffusa in Occidente da pii fedeli, religiosi e laici, specialmente verso la fine del secolo XVI. I Romani Ponte­fici non solo assecondarono questa forma di pietà popolare, ma «spesso, o personalmente, o per mano di vescovi da loro delegati, ornarono di diadema immagini della Vergine Madre di Dio già insigni per la pubblica venerazione». Con il progressivo affermarsi di questa consuetudine, venne preparato un rito per l’incoronazione delle immagini della beata Vergine Maria, che nel secolo XIX fu accolto nella Liturgia romana“.

REDAZIONE

LASCIA UN COMMENTO