Circolo PD – Unione dei Comuni delle terre di Acaya e Roca: documento ai sindaci di Melendugno, Vernole, Castrì di Lecce

0
505

Si riporta integralmente il documento che il Circolo del Partito Democratico dell’Unione dei Comuni delle Terre di Acaya e di Roca, ha inviato in data odierna ai Sindaci dei Comuni di Melendugno, Vernole e Castrì di Lecce, riguardante le iniziative da prendere in aggiunta a quelle del Governo Nazionale, a favore delle Attività Produttive e della popolazione, per attenuare i problemi causati dalla Pandemia Coronavirus.

 

 

 

PARTITO DEMOCRATICO

CIRCOLO 25 APRILE

Unione dei Comuni delle Terre di Acaya e Roca

 segreteriapdmelendugno@gmail.com

 

OGGETTO: Iniziative a favore delle attività produttive e della popolazione in generale, colpite in questo periodo dalla Pandemia Coronavirus.

Carissimi Sindaci, data la gravissima situazione che si è venuta a creare nell’Italia intera e nei nostri Comuni, a causa della pandemia denominata Coronavirus, questo Circolo che rappresenta gli iscritti e i simpatizzanti del Partito Democratico delle comunità di Melendugno, Borgagne, Vernole, Acquarica di Lecce, Pisignano, Acaya, Strudà, Vanze e Castrì di Lecce, ringraziandovi per quanto già state facendo insieme alle forze dell’ordine presenti sul territorio, con la presente, ritiene di dare un contributo di idee, segnalando con la forza che  la situazione impone, la presa d’atto che vi è la necessità di prendere misure eccezionali a livello locale, a favore delle popolazioni e delle attività produttive presenti nei nostri territori, a corredo di quelle già assunte dal Governo a livello nazionale.

A tal proposito, chiediamo sempre tenendo conto dei vincoli di bilancio e come del resto già hanno fatto moltissimi Comuni in Provincia di Lecce, di deliberare il rinvio alla fine di settembre del versamento di tutte le TASSE E TRIBUTI COMUNALI da parte dei cittadini, così come lo Stato ha provveduto a fare nei confronti dei Comuni;

Una rivisitazione delle aliquote logicamente al ribasso, di tutte le tasse e tributi comunali che avrebbero un effetto di sollievo generalizzato per cittadini e attività produttive; lo storno della TARI per la quota relativa ai mesi di fermo, per tutte le attività produttive che hanno dovuto chiudere i negozi e le aziende per ottemperare agli obblighi derivanti dai decreti legge del Governo, ad esempio Bar, Ristoranti, Pizzerie, negozi di abbigliamento ecc. e di quelle attività riguardanti la ricezione turistica tipo alberghi e B&B che anche se non hanno chiuso, hanno visto ridursi a zero gli introiti e le prenotazioni per mancanza di clienti.

Si raccomanda inoltre di prestare particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione, mettendo immediatamente a disposizione le risorse statali già assegnate, in arrivo nelle casse comunali e destinate alla fornitura di generi alimentari e di prima necessità, a favore di chi realmente non ha denaro per fare la spesa e provvedere al sostentamento di se stessi e dei figli.

Si chiede inoltre, quali iniziative sono state assunte per l’approvvigionamento e la fornitura ai cittadini delle mascherine protettive per scongiurare l’eventuale contagio.

Siamo a disposizione come Circolo, nel caso in cui decideste di coinvolgerci in iniziative e decisioni riguardanti le nostre comunità, a partecipare attraverso nostri rappresentati, a riunioni e quant’altro possa servire ad affrontare questa grave emergenza, dove tutti si devono sentire parte attiva.

 Il Segretario del Circolo

Dott. Pantaleo Candido

redazione

 

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO