Chiara Zilli chiude la rassegna “A Maglie Larghe” di Factor Hil

0
183

Si conclude domenica 26 gennaio, con l’ultimo spettacolo in programma, la rassegna di arti performative “A Maglie Larghe” di Factor Hill, diretta da Alessandra Gaeta presso il Laboratorio Urbano Rigenera di Palo del Colle. A chiudere la quarta edizione di questo progetto pugliese dedicato alla danza contemporanea internazionale sarà Chiara Zilli con la performance HOME 2.0 alle ore 21.00. Ad accompagnare la sua coreografia in scena le musiche dal vivo di Antonio Alemanno.

Home 2.0 nasce nell’ambito dei Cantieri Coreografici di Libero Corpo Pro, promosso dalla Compagna Menhir di Giulio De Leo e dal Teatro Pubblico Pugliese, ed è stato presentato in forma di studio nell’ambito della Prospettiva Nievskij 2018. Uno studio coreografico che indaga lo stato della perdita, un processo danzato che insegue le tracce delle zone mute del corpo e s’insinua tra le minuscole crepe delle sue armature.

A innescare il processo è la prossimità fisica di un altro essere umano, quale istanza di relazione possibile, e i fili di musica intessuti dal suo strumento, che noncuranti richiamano alla vita. Il viaggio si snoda lungo le vie di una mappa invisibile, “Le Coq Rouge Dans la Nuit” di Marc Chagall, dipinto dall’autore a pochi mesi dalla scomparsa della moglie Bella.

>. Con queste parole la Zilli spiega la ricerca alla base del suo lavoro coreografico.

La messinscena di “HOME 2.0” presso il Laboratorio Urbano Rigenera sarà preceduta da un workshop tenuto da Chiara Zilli il 24 e 25 gennaio, presso la stessa struttura, che coinvolgerà gli allievi delle scuole di danza Dynamyk BalletASD DanzanimaScuola Di Danza E Canto Giselle.

Questi ultimi prenderanno parte, inoltre, al talk che avrà luogo subito dopo l’esibizione della Zilli il 26. A moderare il dibattito sarà il danzatore e coreografo Riccardo Fusiello (Compagnia Sonenalé), con la partecipazione dell’autrice Chiara Zilli, nonché della direttrice artistica della rassegna Alessandra Gaeta.

Chiara Zilli è danzatrice e filmmaker. Nel 2014 realizza “Io Voglio le Ali Bianche”, documentario incentrato sulla relazione tra vita e pratica artistica, in concorso al SalinaDoc Fest 2014 e presentato al Festival del Cinema Europeo 2015. Nel 2016 riceve in co-creazione il bando di residenza artistica del festival BIDE (Barcelona International Dance Exchange), il cui risultato è stato presentato in forma di studio nell’ambito del GrecFestival presso La Caldera di Barcellona a luglio 2016. Nel 2017 dà vita a Flor Menudita, con cui realizza e diffonde progetti di sperimentazione creativa e contaminazione di linguaggi che partono dal corpo quale terreno primario di ricerca: Danza Contemporanea, Movimento Consapevole, Videodanza. Tra il 2016 e il 2018 si specializza nella conduzione di processi corporali integrativi attraverso il percorso di formazione biennale Posgrado Cuerpo y Arte, presso il centro Alas – Artes en Movimiento di Barcellona, diretta dal danzatore e terapeuta Andres Waksman.

È possibile acquistare i biglietti per la serata del 26 gennaio al costo di 8 euro (con un ridotto di 7 euro per addetti ai lavori ed allievi delle scuole di danza e teatro). L’ingresso è gratuito per i bambini fino a 6 anni. Per prenotazioni è possibile rivolgersi alla mail factorhill.fh@gmail.com oppure  ai numeri  3385905769 – 3338749396. I biglietti sono acquistabili presso il Bookshop del Lab. Urbano Rigenera (Viale delle Resistenza, Palo del Colle) il giovedì e venerdì dalle 19:00 alle 20:30.

 redazione

 

 

LASCIA UN COMMENTO