Passeggiata urbana della RCU Picone Poggiofranco alla scoperta di Santa Fara

0
322

Sabato18 gennaio all’interno delle iniziative della Rete Civica Urbana Picone-Poggiofranco, dalle 15 alle 16:30 si terrà la passeggiata urbana alla scoperta dell’archivio storico della Provincia dei Cappuccini di Puglia e della chiesa di Santa Fara, organizzata dalla Stilo Editrice.

 

Questi appuntamenti mirano ad approfondire la conoscenza di alcuni luoghi, punti cardine della città. Durante la visita di sabato si avrà la possibilità di ammirare alcune peculiarità della collezione della Biblioteca di Santa Fara e all’interno della chiesa realizzata nel 1938 su iniziativa di Simeone Di Cagno Sassa, ci si soffermerà sul crocifisso di Adolfo Rollo e sulla pala di Santa Fara, realizzata nel 1948 dal pittore barese Antonio Lanave. A guidare la visita, la cui partecipazione è gratuita, ci saranno due guide, l’archivista Francesco Nocco e la storica dell’arte Giulia Perrino.
“Il gruppo sarà guidato – ha spiegato Giulia Perrino – prima alla scoperta dei tesori contenuti nella biblioteca, di cui molto antichi, un patrimonio interessantissimo, racchiuso in un luogo aperto al pubblico. Successivamente mostrerò l’esterno e l’interno della chiesa. Qui, tra l’altro, lo straordinario dipinto di Lanave che ripercorre le logiche espressive tipiche del medioevo”.
Questa passeggiata rientra nelle iniziative volte alla realizzazione di una guida turistica. Si tratta di un lavoro editoriale, ad opera di Sergio Chiapparata, Maurizio Triggiani e Giulia Perrino, riguardante i quartieri Picone e Poggiofranco. La pubblicazione, che per il momento sarà fatta solo in versione ebook, è prevista per la prossima estate.
“Si tratta di una lettura storico urbanistica dell’evoluzione del territorio a partire dai primi del ‘900 fino agli anni 80. Questo lavoro consente di guardare con un occhio più attento al rapporto tra città e campagna. Infatti, in passato i quartieri Picone e Poggiofranco erano la campagna di Bari, con ville e masserie immerse in un territorio totalmente incontaminato. Dal periodo fascista agli anni ‘60 si è avuta un’immensa esplosione edilizia che ha fatto sorgere la zona periferica più antica della città”.
Per partecipare alla passeggiata “Chiesa e archivio di Santa Fara” è obbligatoria la prenotazione scrivendo a formazione.stilo@gmail.com o contattare il numero 3420787387

Chiesa di Santa Fara – via Bellomo – Bari
Info: 3420787387
Inizio evento: 15:00

LASCIA UN COMMENTO