La comicità di Luca Morelli in scena al TeatroPAT di Matera con “Le bureau des objets perdus” dal 20 al 22 dicembre  

0
220

Prosegue la Rassegna di Arti Performative Contemporanea “Performig Time”, organizzata dal TeatroPAT di Matera e giunta alla seconda edizione sotto la direzione artistica di Marco Bileddo con un quinto appuntamento teatrale. Il sipario si aprirà, in via T. Tasso 30 (Matera) per tre date consecutive, 20, 21 e 22 dicembre alle 20:45, presentando al pubblico “Le bureau des objets perdus” di e con Luca Morelli.

 

 

Un viaggio all’interno delle strade più intime del nostro essere. Riuscire a specchiarsi in una cornice vuota e riconoscersi per quello che realmente si è e non per quello che si appare nello sguardo degli altri. Un buffone, un guitto, un uomo di paglia, un pagliaccio! Ecco il vero volto del protagonista di questa storia. Solo quando finalmente nello specchio riuscirà a riconoscere sé stesso, allora il suo percorso sarà compiuto e la sua anima non sarà più smarrita.

Perdersi per riuscire a ritrovarsi. In un vecchio ufficio degli oggetti smarriti un uomo entra alla disperata ricerca di qualcosa. Ha smarrito la propria anima. Potrebbe definirsi uno spettacolo clown già nella sua idea di realizzazione. Ecco allora già nel nascere l’allungarsi l’ombra della maschera del clown. “Le bureau des objets perdus” è un percorso, una ricerca interiore alla riscoperta della propria vera immagine. Lo spettacolo è un monologo che, attraverso la prosa del clown teatrale, racconta di una intima e personale che potrebbe essere la ricerca di ognuno di noi. L’anima è smarrita dalla nostra distrazione, dal nostro ego ma non è mai persa. Come riuscire ad essere felici si chiede il protagonista di questa storia. Semplicemente facendo quello che si ama fare.

Luca Morelli è attore teatrale, cinematografico e scrittore. Inizia il suo percorso di studi teatrali dapprima con Gianni Montatori e poi frequentando per diversi anni i laboratori condotti dall’attore regista Ulderico Pesce. In questi stessi anni partecipa a diversi spettacoli teatrali con la regia dello stesso Pesce che lo vuole come protagonista di diverse opere frutto del lavoro di quegli anni di laboratorio. Insieme all’attività teatrale, affascinato dal mondo della comicità, scrive ed interpreta due spettacoli di cabaret dal titolo “Mi ringrazio di essere nato” ed “E’ severamente vietato parlare all’artista”. Anche la radio vede la presenza di Luca nei programmi
“Il gatto e il gatto”, “Macaco”, “Siamo qui grazie all’indulto ma ce ne andiamo subito” e “Area di sosta” tutti scritti e condotti da lui. Nel 2000 si trasferisce a Roma per ampliare sempre di più i suoi studi. E’ qui che frequenta corsi con maestri del calibro di Anna Cianca, Mirella Mazzeranghi, Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey, Daniele Luchetti, Evelina Meghnagi e Lello Arena. E’ proprio con Lello Arena che ha la possibilità di approfondire lo studio della comicità e sarà sempre con l’attore napoletano che lavorerà in un adattamento dello spettacolo “La festa delle donne” di Aristofane. Tra le ultime produzioni si ricorda “Zampanò ed altre storie”, spettacolo teatrale ispirato al libro “Scarabocchi in DO maggiore”. All’inizio del 2010 fonda l’associazione culturale Teatro Zampanò.

Sono dieci gli spettacoli previsti dal cartellone della rassegna organizzata dal TeatroPAT e mostrano uno spaccato vivo della drammaturgia contemporanea italiana, attraverso diversi linguaggi, che indagano il rapporto tra l’uomo-attore e la verità dello spazio scenico. Per info e prenotazioni degli spettacoli inseriti nella rassegna del TeatroPAT a Matera è possibile rivolgersi ai numeri 3280046536 – 3475567268 o via mail a info@teatropat.com

Asteria Space – Artists Management & Communication

Redazione

LASCIA UN COMMENTO