Cesare Picco & Taketo Gohara al teatro Forma di Bari

0
339

Sabato 14 dicembre, alle 21,30, prosegue la stagione musicale 2019-2020 del Teatro Forma di Bari (via Fanelli 206/1) con un altro concerto di grande raffinatezza musicale: in scena il duo formato dal pianista e compositore Cesare Picco e dal sound designer Taketo Goharain un progetto intitolato «Haiku». Si tratta di un viaggio libero tra sonorità classiche e contemporanee in cui la magia e la familiarità del suono del pianoforte si intrecciano con le sperimentazioni della musica elettronica, gettando un ponte ideale tra il calore del Mediterraneo e l’estetica musicale dell’Estremo Oriente. Infotel: 080.501.81.61. Biglietti in vendita al botteghino del teatro e su vivaticket.it.

 

 

 

Italia e Giappone rappresentano infatti l’arcipelago mentale di riferimento in questo progetto. E Haiku, parola che identifica i brevissimi componimenti poetici giapponesi, è un titolo che racchiude felicemente la sperimentazione che si sprigiona tra il suono acustico del pianoforte e il suo trattamento con strumenti elettronici. Passato e futuro si rincorrono in un continuo gioco di specchi e mondi sonori, ogni volta nuovi e inaspettati, grazie all’uso della pura improvvisazione.

Il suono del pianoforte è modulato in tempo reale dalle macchine del sound designer Gohara e tutto ciò che accade sul palco è dominato dall’istinto musicale di Picco, che guida gli spettatori in territori sempre nuovi, organizzando il materiale sonoro sviluppato con delle improvvisazioni. I due hanno collaborato sui palchi dei più importanti festival italiani (Ravello Festival,Time ZoneMusicus Concentus di FirenzeBlue Note Milano, Auditorium Parco della Musica di Roma), come in Russia e Giappone (Tokyo Jazz Festival).

Cesare Picco è un pianista improvvisatore, nonché compositore a suo agio tra i beat elettronici come tra i suoni di un’orchestra barocca. È da sempre esploratore di nuovi suoni e sperimentatore trasversale in ogni ambito musicale. Compositore per solisti e orchestre (come Moscow State Symphony Orchestra, Berlin Chambers Soloists, I Virtuosi Italiani), o in progetti speciali legati al mondo dell’Arte (Whitney Museum di New York, Hara Museum of Contemporary Art di Tokyo, Hangar Bicocca di Milano), dal 1986 porta la sua musica nei più importanti festival e teatri del mondo. Nel 2009 crea il concept di “Blind Date – Concert in the Dark”, concerto unico al mondo nel quale artista e pubblico sono immersi nel buio assoluto. È Yamaha Artist e Ambasciatore di Cbm Italia Onlus, organizzazione umanitaria impegnata nella prevenzione e cura della cecità e disabilità. 

Ufficio stampa Teatro Forma

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO