Mauro Romano e il mistero della scomparsa: La Scala, ‘siamo fiduciosi che qualcosa accadrà’

0
967

“Siamo fiduciosi che qualcosa accadrà. Massima fiducia nelle istituzioni che stanno procedendo”.

Questo il commento del prof. avv Antonio Maria La Scala (presidente dell’associazione Gens Nova e già presidente dell’associazione Penelope Italia) alla notizia che qualche passo avanti si è fatto e si sta facendo per dare risposta alla scomparsa di Mauro Romano, il bambino di 6 anni di Racale di cui non si sa più nulla dal 20 giugno del 1977. Nessun indizio, purtroppo, sulle ricerche effettuate in un pozzo in contrada Fichella, a Taviano nel leccese. Alle operazioni hanno partecipato il nucleo Speleo alpino fluviale (Saf) dei vigili del fuoco e i carabinieri. Nelle indagini è indagato un 71enne di Taviano,  accusato di atti sessuali su minori di 14 anni. Si tratta dell’uomo arrestato una quarantina di anni fa per tentata estorsione: telefonava ai genitori di Mauro e chiedeva loro danaro in cambio di notizie sul loro figliolo. Le indagini sono dirette dal sostituto procuratore del Tribunale di Lecce Stefania Mininni.

Antonio Carbonara

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO