A Ruvo di Puglia “Genius Luci”: domani l’inaugurazione

0
408

Le invenzioni geniali di Leonardo da Vinci e le macchine inutili di Bruno Munari sono l’ispirazione della quarta edizione di “Luci e suoni d’artista”, il progetto di arte pubblica partecipata ideato nel 2016 da Vittorio Palumbo e da lui sempre diretto e che ogni anno illumina le strade del centro storico di Ruvo di Puglia tra dicembre e gennaio.

 

 

L’inaugurazione anche quest’anno é fissata per la sera del 7 dicembre alle 20.30.

GENIUS LUCI, questo il titolo dell’edizione di quest’anno, sarà un omaggio alle opere, ma soprattutto al metodo e ai pensieri di Leonardo a 500 anni dalla sua morte, all’approccio ludico del grande designer italiano Bruno Munari, creatore delle celeberrime “macchine inutili” e alla mappatura di Città Invisibili tracciata da Italo Calvino. Ancora una volta le sculture luminose e le istallazioni audio e video, che renderanno anche questa volta più prezioso il bellissimo nucleo antico della città, sono state realizzate con il contributo importante dei cittadini di ogni età, che hanno preso parte ai laboratori partecipati sotto la guida di designer, artigiani, makers e anche maestri cartapestai da Putignano.

Quest’anno il processo partecipato ha riguardato non solo la costruzione materiale delle opere, ma anche la creazione dei contenuti immateriali, sviluppati attraverso i laboratori di scrittura creativa, fotografia e videoanimazione che hanno coinvolto in particolare i più giovani, dall’infanzia in su. In tutto solo oltre 350 i cittadini che hanno partecipato ai laboratori.

Per questa edizione che porta all’anno 2020, l’intera piazza Matteotti, la principale piazza cittadina, sarà popolata da oggetti fantastici e giocattoli immaginari costruiti con legno, luce e tecnologie interattive, mettendo insieme arte e design, l’artigianato tradizionale e manifattura digitale. Molte delle nuove opere di Genius Luci saranno dunque interattive e si animeranno attraverso l’utilizzo diretto da parte delle persone.

Una piazza non solo da guardare, ma soprattutto da agire, questa l’idea di arte pubblica alla base del progetto: all’incanto dell’occhio si aggiungerà la magia della trasformazione, gli occhi vedranno immagini, le orecchie ascolteranno parole sulla città, sul presente e sul futuro, su ciò che lasciamo e ciò che ci aspettiamo.

Nuove produzioni e opere realizzate negli anni scorsi (tra cui i pesci giganti, gli acrobati, la giostra, i fenicotteri, le miniature delle città, gli origami) saranno allestite in altre vie e piazze del centro storico e cittadino.

La ripresa e il restauro di queste consente infatti al progetto di promozione del territorio di allargare di anno in anno il proprio raggio d’azione, toccando anche vie e piazze fino ad ora mai allestite prima.

Per i tanti visitatori e curiosi sono previste già dal pomeriggio visite guidate a cura della locale Pro Loco con aperture straordinarie dei monumenti cittadini. All’accensione poi, lungo il sentiero luminoso, animazione di strada, musica e cori a cura di decine di scuole e associazioni cittadine, nonché percorsi del gusto in ristoranti, caffè, locali cittadini in collaborazione con il DUC Vivo a Ruvo.

GENIUS LUCI – Luci e suoni d’artista 2019/20 è un progetto del Comune di Ruvo di Puglia, coordinato dall’Assessora alla Cultura Monica Filograno in collaborazione con l’Assessora alle Politiche Sociali MonicaMontaruli. I laboratori e tutto il processo partecipativo sono stati coordinati da Giorgia FloroErnestaRutigliani e Sabrina Vendola dell’associazione La Capagrossa Coworking con il supporto di un qualificato gruppo di professionisti che, insieme al direttore Vittorio Palumbo e all’architetto ruvese Ivan Iosca, hanno coprogettato e coprodotto le nuove opere, restaurando anche quelle già esistenti: Jonni e Nicolai BongallinoAlessandro e Fabio StasiCiccio PaparellaGraziano Montaruli, i cartapestai dello staff di Deni BiancoAlessio Verdolino ed Emanuele Ricchi insieme a un nutrito gruppo di volontari e a tante giovani e giovanissime persone collaboratrici. I contenuti audio sono frutto dei laboratori di scrittura creativa tenuti da Raffaella Giancipoli con le scuole primarie e con l’alternanza scuola lavoro del Liceo, le immagini sono il risultato del laboratorio di video animazione di Beatrice Mazzone, il laboratorio fotografico è stato curato dall’ dall’associazione Mado’ e quello di comunicazione da Cinzia Cantatore.

Informazioni sul sito del progettowww.luciesuonidartista.it, sulla pagina facebook ufficiale www.facebook.com/LuciESuonidArtistaRuvoDiPuglia e ai numeri telefonici dell’Info Point 080 3628428, 080 3615419, che dal primo dicembre sarà di nuovo aperto tutta la settimana per tutto il giorno grazie all’apposito finanziamento regionale.

Ufficio stampa Comune di Ruvo

redazione

LASCIA UN COMMENTO