Vertenza Auchan/Conad – Proclamazione sciopero 30 ottobre 2019 (anche Casamassima e Modugno)

0
258

Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTUCS dichiarano lo sciopero nazionale per l’intero turno di lavoro del 30 Ottobre 2019 in tutte le unità produttive di Auchan e Sma, nonché in tutti i punti vendita della stessa rete vendita già oggetto di passaggio di ramo d’azienda verso gli associati Conad. Lo sciopero è proclamato anche per tutte le lavoratrici ed i lavoratori degli appalti e dei servizi che operano nelle stesse unità produttive.

 

Lo sciopero è inevitabile – spiega Miriam Ruta Segretaria Generale Fisascat Cisl Bari BAT – a seguito dei vari temi che dal confronto sindacale non hanno trovato soluzione. Conad lo scorso 1 Agosto 2019 ha acquisito Auchan e SMA, 18600 dipendenti distribuiti in tutta Italia in 300 negozi. Dopo 9 incontri, 2 al Ministero dello Sviluppo Economico e 5 in sede aziendale, la trattativa è saltata. Conad pretende di risanare l’azienda con mano libera volendo dichiarare senza vincoli 4/5/3000 dipendenti in esubero. Ad oggi solo 109 negozi (dai quali è esclusa il punto vendita di Modugno) su 300 prenderanno l’insegna Conad senza che si conoscano i piani aziendali. Per gli altri non si hanno notizie e il futuro è incerto.”

Dopo la rottura delle trattative dello scorso 30/09/2019 i sindacati hanno dovuto richiedere la convocazione al MISE. Quindi chiediamo di: conoscere il piano industriale di Conad; conoscere gli investimenti che mette in campo Conad; conoscere l’ammontare degli esuberi e dove sono collocati; un piano di gestione degli esuberi con ricollocazioni e incentivi all’esodo; che nessun dipendente sia lasciato senza tutele all’interno di un piano di risanamento dell’azienda condiviso con il sindacato e i lavoratori.

Conad, al netto di vaghe disponibilità espresse, non ha nel concreto voluto vincolarsi a nessun impegno formale verso gli oltre 18000 dipendenti coinvolti, ha annunciato che una parte della rete vendita sarà ceduta a terzi senza esplicitare a chi e a quali condizioni, ha disdettato la contrattazione integrativa vigente senza neanche impegnarsi a contrattare il nuovo modello di organizzazione del lavoro. In Puglia sono quasi settecento i dipendenti ex Auchan distribuiti su quattro punti vendita, tra cui Casamassima 247 e  Modugno 140, in attesa di conoscere cosa prospetta loro il futuro in campo lavorativo. Il timore è di trovarsi di fronte a un vero e proprio smembramento di rete e forza lavoro a dispetto di un’operazione annunciata come un salvataggio a fronte di una situazione di crisi tamponata negli scorsi anni col ricorso al contratto di solidarietà, in tutti i quattro punti vendita pugliesi.

Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTUCS comunicano che anche a Casamassima e Modugno saranno organizzati presidi dinnanzi ai punti vendita oltre che davanti alla sede del Ministero dello Sviluppo Economico nella capitale in occasione dell’incontro che si terrà nella stessa giornata.

redazione

LASCIA UN COMMENTO