XIII edizione del “Carl Orff Music Festival”: Concerto per pianoforte e archi

0
374
Un quartetto d’eccezione sarà protagonista del secondo appuntamento della XIII edizione del “Carl Orff Music Festival”, il festival della grande musica internazionale da camera organizzato dall’Associazione Artistico Musicale Carl Orff con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano, il sostegno del Club Imprese per la Cultura Confindustria Bari-BAT e la partnership del Conservatorio di Amsterdam.
Mercoledì 4 settembre alle ore 20.30 nella Chiesa di San Domenico a Putignano(BA)
Concerto per pianoforte e archi
Violino: Gernot Suessmuth; Viola: Felix Schwartz;
Violoncello: Jelena Ocic; Pianoforte: Josè Gallardo.
 
Programma
  1. ENESCU:
Konzertstück per Viola e Pianoforte
-Assez animé
  1. A. MOZART:
Klavierquartett in Eb Maggiore KV 493
  1. Allegro; 2. Larghetto; 3. Allegretto.
  1. BRAHMS:
Quartetto con Pianoforte in C- op.60
  1. Allegro non troppo; 2. Scherzo. Allegro; 3. Andante; 4. Finale. Allegro comodo
Il quartetto Suessmuth, Schwartz, Ocic e Gallardo tornerà sul palco del “Carl Orff Music Festival” venerdì 6 settembre alle ore 20.30 nella Chiesa di San Domenico sempre a Putignano con un programma che comprende musiche di J. Brahms, M.Sens e G. Faure.
I musicisti
José Gallardo è nato a Buenos Aires, in Argentina, nel 1970. All’età di 5 anni, ha iniziato a prendere lezioni di pianoforte al Conservatorio di Buenos Aires. Successivamente, ha continuato i suoi studi con il Prof. Poldi Mildner presso il Dipartimento di Musica dell’Università di Mainz, in Germania, in cui si è laureato nel 1997. È stato ispirato musicalmente da artisti come Menahem Pressler (Trio Beaux Arts, New York), Alfonso Montecino (Bloomington, Indiana), Karl-Heinz Kämmerling (Hannover, Germania), Sergiu Celibidache (Monaco, Germania) e Rosalyn Tureck (New York ). José Gallardo ha ricevuto numerosi premi nazionali e internazionali, come il primo premio al Westphalian Music Festival di Hamm, in Germania (1990), premio ;Johannes Gutenberg; dell’Università di Mainz, in Germania (1991), il primo premio al Concorso Internazionale di Cantù, Como, Italia (1992). È stato invitato a numerosi festival musicali, come il Festival di musica da camera a Lockenhaus, il festival Music of the World a Pforzheim, il Cello Festival a Kronberg, il Castle Festival a Zwingenberg, Giornate della cultura ad Appenau, ;Arenaria e musica; a Dresda, Festival del Castello di Ludwigsburg, e Festival musicale di Rheingau.
Nella musica da camera José Gallardo ha collaborato con Alberto Lysy, partner permanente del percussionista israeliano Chen Zimbalista e Linus Roth, Natascha Korsakova, Friedemann Eichhorn, Sung Hyun-Jung, Julius Berger e Martin Dobner.
Gernot Süßmut ha una attività concertistica molto intensa come musicista da camera, violino solista e direttore d’orchestra su tutti i palchi più importanti del mondo. È stato Concertmaster presso la Berlin Staatskapelle, sotto la direzione di Daniel Barenboim. É Concertmaster presso la Weimer Staatskapelle e professore al Conservatorio Frantz Liszt di Weimar. É uno dei più ricercati musicisti da camera in Germania.
Nella sua carriera internazionale, di circa tre decenni, é stato membro dell’acclamato  Petersn String Quartet, direttore artistico dell’Orchestra da camera dell’Unione Europea, Concertmaster dell’Oregon Bach Festival ed Intendente del Nordrhein-Westfalen Festival Westfalen Classic.
Già da studente Felix Schwartz era impegnato alla Staatskapelle di Berlino come viola Solista. Allo stesso tempo ha intrapreso la carriera artistica come solista e camerista. Schwartz lavora con artisti come Daniel Barenboim, Elena Bashkirova, Lisa Batiashvili, Guy Braunstein, Yefim Bronfman, Giora Feidman, Michael Gielen, Lawrence Foster, Boris Pergamenshikov (†), Nikolaj Znaider e Pinchas Zukerman.
Il suo repertorio come solista comprende le opere canoniche per viola, ma si è particolarmente dedicato ai concerti per viola di Bartók, Schnittke, Kantscheli, Milhaud, Walton, Coleman e Hindemith, che ha interpretato con rinomate orchestre europee. Si è esibito in vari festival, come il Jerusalem Chamber Music Festival, il Kammermusikfestival Kreuth, il Festival Schloss Moritzburg, il Kuhmo Chamber Music Festival, il Ruhr Piano Festival, il Rheingau Festival, lo Schleswig-Holstein Music Festival, il Musiktage Hitzacker e altri.
Insieme a Daniel Barenboim e Matthias Glander, Schwartz ha registrato il “Kegelstatt-Trio” di
Mozart per la EMI.
Il compianto Siegfried Palm, grande interprete della musica contemporanea, ha scritto di Jelena Očić, “lei è uno dei principali talenti per la musica contemporanea”. Bernard Greenhouse, fondatore del violoncello del Beaux Arts Trio, ha dichiarato: “Non conosco nessun violoncellista più grande nella sua generazione”.
Dopo aver completato gli studi musicali nella sua città natale, Zagabria (Croazia) nella classe di Valter Despalj, Jelena Očić ha continuato i suoi studi alla Musikhochschule di Mannheim con il violoncellista americano Michael Flaksman. Ha continuato ad arricchire il suo linguaggio musicale e la sua abilità strumentale sotto la guida di Bernard Greenhouse negli Stati Uniti.
Ha insegnato alla Musikhochschule di Mannheim fino al 2015. Attualmente, Jelena Ocic ha una cattedra di specializzazione al CvA in Olanda. Tra i suoi studenti ci sono vincitori di concorsi internazionali e membri di importanti orchestre.
Con le sue interpretazioni della letteratura per violoncello, dai compositori Barocchi a quelli contemporanei, Jelena Očić lascia sempre un’impressione indimenticabile sul suo pubblico. Yehudi Menuhin Festival, Kronberg, Samobor Autumn festival, Westfallenclassic festival, Cello Biennale Amsterdam, ecc. Sono alcuni dei festival in cui è apparsa come solista o come parte di ensemble di musica da camera.
Ha partecipato a importanti orchestre da camera e orchestre sinfoniche in Europa e Asia. Tra i suoi compagni di musica da camera ci sono artisti straordinari come Jose Gallardo, Gernot Süssmuth, Friedemann Eichhorn, Julius Berger, Per Arne Glorvingen, Marco Rizzi, Vladimir Mendelssohn, Bernd Glemser con cui si è esibita come membro del quartetto di Delian, l’attore tedesco Ganz, Liviu Prunaru, e il violoncellista del trio Beaux Arts Bernard Greenhouse, alla cui memoria è dedicato il suo CD Challenge, e la Kreutzer Sonata di Beethoven. Numerosi compositori (Cornell, Šenderovas, Dott, Sorg, Prohaska, ecc.) hanno dedicato le loro opere a lei. Le sue registrazioni per Challenge Classics della Kreutzer Sonata di Beethoven, le sonate di Ginastera, Hindemith, Kabalevsky e il suo CD “The barock experience”, così come le opere contemporanee, sono state accolte con grande successo dalla critica.
redazione
Biofarma

LASCIA UN COMMENTO