ll Patagonien Quartett a Mola di Bari

0
133

Una formazione tra due mondi che tra due mondi musicalmente si muove. È il Patagonien Quartett, di scena venerdì 12 luglio (ore 20.45) nel Chiostro Santa Chiara, a Mola di Bari, per l’AgìmusFestival diretto da Piero Rotolo nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro (biglietti 10/8/5 euro, info 368.568412).

 

 

Gruppo musicale formato nel 2011 a Vienna dai musicisti latino-americani Christian Kausel (violino), Daygoro Serón (violoncello), Franco Hernàndez (basso) e Alejandro Lòpez (chitarra), il Patagonien Quartett reinterpreta la musica popolare sudamericana attraverso una chiave di lettura che affonda le radici nella tradizione classica europea. Dunque, una rivisitazione legata all’ambiente nel quale i quattro componenti si sono formati, come spiega il titolo questo concerto,  “Saluti (latino-americani) da Vienna”. Nominati nel 2013 dalla Fondazione Yehudi Menuhin nella categoria Live Music Now-Wien, e vincitori nel 2016 della Tim Competition, il Trofeo internazionale di musica del compianto Luigi Fait, il gruppo propone un vasto repertorio di musica latino-americana, dai tanghi di Astor Piazzolla e Carlos Gardel alle musiche di Anìbal Troilo, Mario Garña e Severino Araujo, con un’incursione nel mondo di Johann Strauss. Tanto per non dimenticare dove sono cresciuti. Inoltre, tutta la musica eseguita dal Patagonien Quartett è scritta da Daygoro Seron e comprende arrangiamenti originali che conferiscono al quartetto un sound unico e caratteristico.

redazione

LASCIA UN COMMENTO