Teatro a Lucera e Corato: stagione promossa dal TPP

0
140

Stagione Teatrale Comune di Lucera – Teatro Pubblico Pugliese. DOMANI, venerdì 10 Maggio a Lucera, Teatro Garibaldi, ore 21. Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Teatro Biondo di Palermo, Accademia Perduta Davide Enia.

L’ABISSO

musiche composte ed eseguite da Giulio Barocchieri / spettacolo tratto da Appunti per un naufragio (Sellerio editore) / in collaborazione con Festival Internazionale di Narrazione di Arzo

di e con DAVIDE ENIA

Il primo sbarco l’ho visto a Lampedusa assieme a mio padre. Approdarono al molo in tantissimi, ragazzi e bambine, per lo più. Io era senza parole. Era la Storia quella che ci era accaduta davanti. La Storia che si studia nei libri e che riempie le pellicole dei film e dei documentari. Ne L’abisso si usano i linguaggi propri del teatro (il gesto, il canto, il cunto) per affrontare il mosaico di questo tempo presente. Quanto sta accadendo a Lampedusa non è soltanto il punto di incontro tra geografie e culture differenti. È per davvero un ponte tra periodi storici diversi, il mondo come l’abbiamo conosciuto fino a oggi e quello che potrà essere domani. Sta già cambiando tutto. E sta cambiando da più di un quarto di secolo. Davide Enia

Info: www.teatropubblicopugliese.it

 

Stagione Teatrale Comune di Corato – Teatro Pubblico Pugliese

DOMANI, venerdì 10 Maggio a Corato, Teatro Comunale, ore 21

 

Compagnia Malalingua

LA FESTA D’OGNISSANTI

di Marco Grossi e Luca Avaliano / luci Gennaro De Pinto / organizzazione Irene Sasso

con Marianna De Pinto, Antonella Civale, Enzo Toma Giuseppe Pestillo, Luca Avaliano, Marco Grossi scene Riccardo Mastrapasqua

regia MARCO GROSSI

 

Chi sono per noi i Santi? Cosa rappresentano per noi oggi? Cosa sappiamo delle loro storie? Dall’indagine su questi interrogativi nasce La Festa d’Ognissanti. Annunciati da un improbabile banditore, i Santi irromperanno sulla scena sul loro carrozzone agghindato di luminarie, accompagnati dal suono di una fanfara. Consapevoli dell’importanza del marketing e della comunicazione in una società in continua evoluzione, verranno a promuoversi, a promuovere il loro ricordo, a raccontarci le loro storie, la loro versione dei fatti. Con ironia e trasporto si sveleranno agli spettatori chiedendo in cambio solo la luce flebile ed eterna di una candela, perchè il ricordo possa continuare a brillare. La Festa d’Ognissanti è uno spettacolo itinerante ed interattivo. Dopo l’irruzione di tutti i personaggi in una scena corale, ogni Santo raggiungerà la sua postazione, il suo “luogo deputato e saranno gli spettatori a scegliere di volta in volta a quale Santo “votarsi”, quale storia ascoltare, stabilendo il proprio percorso.

Info: www.teatropubblicopugliese.it

redazione

 

LASCIA UN COMMENTO