Il ritorno degli Oesais

0
536

Se gli Oasis sono stati una delle band cult degli anni ’90, quella che maggiormente ha contribuito alla diffusione del Britpop in tutto il mondo, gli Oesais sono stati, almeno per il pubblico pugliese, un gruppo di riferimento imprescindibile, come ha ampiamente dimostrato la loro esibizione ieri sera a Taranto sul palco del Concerto del 1° maggio.

 

E così, mentre sul palco del Concertone di Roma si esibiva Noel Gallagher – autore di quasi tutti i brani degli Oasis – sul palco del concerto di Taranto si attendeva la reunion degli Oesais. Perché come i fratelli Gallagher anche gli artisti anglo-molfettesi, tra litigi e ubriacature, si erano sciolti, ma a differenza della loro controparte mancuniana, Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo, in arte Toti e Tata, hanno voluto accontentare il loro pubblico, tornando a suonare insieme e, tra una gag e una litigata, hanno riproposto i loro grandi successi: “Mnen di Vtaunt”, “Iann”, “Turaist Inglais” e il capolavoro assoluto “127 Abarth”. Un pubblico di ogni età ha risposto entusiasta alla performance. Ora  non resta che sperare che l’esibizione di ieri sera possa essere solo la prima di un lungo tour estivo. Nel frattempo, Taranto si prepara a ospitare l’altro fratello Gallagher, Liam, l’8 giugno per l’edizione 2019 del Medimex.

Maria Cristina Consiglio

LASCIA UN COMMENTO