Family Concert al Petruzzelli di Bari (venerdì 19 aprile)

0
236

Venerdì 19 aprile alle 18.00 la Fondazione Petruzzelli propone un nuovo Family Concert, un’ottima occasione per vivere insieme alla propria famiglia un evento musicale di qualità, approfittando del tempo libero dei ragazzi nel periodo delle vacanze pasquali.

Dirigerà l’Orchestra del Teatro il maestro Leonardo Sini, solista Michele Naglieri (clarinetto).

In programma: Ouverture dall’opera Guglielmo Tell di Gioachino Rossini, Concerto per clarinetto ed orchestra in La maggiore KV 622 di Wolfgang Amadeus Mozart, Romeo e Giulietta, ouverture fantasia in si minore di Pëtr Il’ič Čajkovskij dalla tragedia di William Shakespeare (versione del 1880).

 

I Family Concert, sono organizzati in collaborazione con i 5 Municipi e l’assessorato alle Culture del Comune di Bari.

I biglietti costano 1 euro per bambini e ragazzi fino ai 13 anni e 5 euro per gli adulti e sono in vendita al botteghino del Teatro Petruzzelli (aperto dal lunedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00) e on line su www.vivaticket.it

Informazioni: 080.975.28.10 www.fondazionepetruzzelli.it

BIOGRAFIE

 Leonardo Sini, direttore d’Orchestra

Il direttore d’orchestra Leonardo Sini, vincitore del Primo Premio al prestigioso Concorso Internazionale di direzione d’orchestra Maestro Solti, si sta rapidamente affermando nel panorama musicale europeo come uno dei più promettenti direttori della sua generazione.
Negli ultimi anni ha collaborato come direttore ed assistente con numerose orchestre e teatri d’opera europei dirigendo fra le altre la Netherlands Philharmonic Orchestra, Residentie Orkest, Orchestra del Teatro Petruzzelli, Teatro Volksoper di Vienna, Noord Nederlands Orkest, Netherlands Symphony Orchestra, Opera Nord di Leeds, Ulster Orchestra (Belfast), Philharmonie Zuidnederland, Orchestra del XVIII secolo, Bochumer Symphoniker.

Nel 2017 fa il suo debutto operistico ad Amsterdam dirigendo La Bohème di G. Puccini con la Netherlands Philharmonic Orchestra e il Dutch National Opera Chorus.

Nel dicembre 2017 la vittoria al prestigioso Concorso Internazionale di direzione d’orchestra Maestro Solti lo porta a dirigere l’Orchestra dell’Opera di Stato Ungherese, l’Orchestra Filarmonica di Győr e la Pannon Philharmonic Orchestra esibendosi al Teatro Erkel di Budapest ed al Kodály Centre di Pécs.

Nella stagione 2018/19 farà il suo debutto sul podio di numerose orchestre liriche e sinfoniche tra cui l’Opera di Stato Ungherese a Budapest, la Netherlands Symphony Orchestra, Teatro Petruzzelli di Bari, Hungarian Symphony Orchestra, Szolnok Symphony Orchestra, Circuito Lirico Lombardo, Maggio Musicale Fiorentino e Teatro Carlo Felice di Genova.
Nato a Sassari nel 1990, Leonardo Sini comincia i suoi studi musicali presso il Conservatorio di Musica “L. Canepa” diplomandosi in tromba nel 2009. Si perfeziona in seguito presso la Royal Academy of Music di Londra dove consegue il Master of Arts nel 2013.

A Londra intraprende lo studio della direzione d’orchestra con Sian Edwards e collabora con diverse orchestre esibendosi fra le altre nella prestigiosa Royal Festival Hall.

Nel 2015 si trasferisce in Olanda dove approfondisce gli studi di direzione d’orchestra con Jac van Steen, Ed Spanjaard e Kenneth Montgomery nel National Master of Orchestral Conducting, un prestigioso programma del Royal Conservatoire dell’Aia e Conservatorium van Amsterdam, ottenendo il Master nel 2017.

Michele Naglieri (clarinetto).

Michele Naglieri ha conseguito la Laurea di II Livello in Clarinetto con il massimo dei voti  al Conservatorio G. Verdi di Milano L. Magistrelli e al Conservatorio della Svizzera italiana con i Maestri F. Benda e M. Rericha. E’ diplomando al corso di composizione.

Ha seguito diversi corsi di perfezionamento con i più importanti musicisti del panorama mondiale nella fattispecie, A. Carbonare, A. Lonquich, R. Filippini, R. Stoltzman, K. Leister, K. Weber, M. Brunello, P. Moragues, B. Canino.

Dal 2000 svolge un’intensa attività concertistica, suonando in diversi gruppi da camera in tutta Italia e all’estero. In Germania   ha eseguito insieme al suo quartetto “quartetto Cromo” il “quartetto per la fine del tempo” di O. Messiaen durante il festival clarinettistico a Berlino e in Belgio con l’ottetto di fiati ha eseguito musiche originali di Mayr, Beethoven, Salieri durante il Festival van Vlaanderen a Zaterdag.

Vincitore di vari concorsi internazionali: Concorso “Galbiati” per due anni consecutivi e “Beltrami”, entrambi   indetti dal Conservatorio della sua città. Primo premio assoluto al concorso “Città di  Grosseto” sponsorizzato dalla Selmer. Primo premio al concorso “Mercadante” di Noci (BA) nella sezione musica da camera con il pianista Alessandro Deljavan.  Primo Premio assoluto con il quintetto di fiati (Eolus Woodwind Quintet) al concorso Internazionale Riviera Etrusca, al concorso di Matera “Rosa Ponselle, al concorso Orfeo Stillo (Premio S. Francesco) di Paola (Cosenza) e Primo premio e Premio della critica “Pietro Argento” di Gioia del colle. Secondo premio (primo non aggiudicato) col Quartetto di clarinetti nella sezione musica da Camera al concorso internazionale “Città di Chieri”. Secondo premio al concorso internazionale “G. Mensi” di Breno (BS) nella categoria eccellenza. Finalista al concorso “A. Ponchielli” di Cremona, al concorso internazionale “Fiorindo” di Nichelino (TO) e al concorso internazionale “Mozart” di Parma.

Finalista al concorso per il posto di Primo clarinetto al Teatro dell’Opera “San Carlo” di Napoli.

Idoneo alle audizioni per l’Orchestra Arena di Verona, Orchestra Regionale della Toscana, Teatro Lirico di Cagliari e Teatro alla Scala.

Vincitore del concorso per il ruolo di primo clarinetto al Teatro Petruzzelli di Bari nel 2015.

Dal 2000 al 2004 è stato Primo clarinetto dell’Orchestra Filarmonica del Conservatorio di Milano, dove ha suonato i soli più importanti nell’ambito sinfonico con i maestri G. Gelmetti, G.G. Rath, R. Rizzi Brignoli, F. Kawka,V. Parisi, G.Khun. Ha suonato come Primo clarinetto nell’orchestra “Milano Classica”, nell’orchestra “Cantelli” di Milano, nell’orchestra “Maderna” di Forlì (con la quale ha debuttato in India nelle città di Bombay e Nova Delhi), nell’orchestra di Alessandria, nell’orchestra “Accademia” di Erba, nell’orchestra  “G.Tartini” del Lazio, nell’orchestra “Spira Mirabilis” di Modena, nell’orchestra Regionale della Toscana (ORT) e nell’orchestra Filarmonica italiana OFI. Primo clarinetto nell’Orchestra  dell’Università  Statale  di  Milano UNIMI, nell’orchestra “ClassicaViva” di Milano. Ha collaborato con l’Orchestra da camera di Mantova e con l’orchestra “I solisti di Pavia” diretta da E. Dindo.       E’ stato  invitato a ricoprire il ruolo di Primo clarinetto nell’orchestra “Haydn” di Bolzano e Trento. Ha suonato nell’Orkester Philarmonie der nationen (di Salisburgo) in Siberia. Ha suonato in qualità di primo clarinetto nell’orchestra de “I Pomeriggi Musicali”.

E’ stato invitato a ricoprire il ruolo di primo clarinetto a Roma con l’Accademia Nazionale Santa Cecilia ed inoltre è stato ospite dell’orchestra Filarmonica della Scala di Milano per un concerto a scopo benefico.

In qualità di solista ha eseguito il primo concerto per clarinetto e orchestra in Fa minore di C.M. Von Weber con l’orchestra de I Pomeriggi musicali e con l’Orchestra Classica Viva. Con l’orchestra Internazionale d’Italia ha eseguito il concerto n.1 in Sibemolle maggiore per clarinetto e orchestra di S. Mercadante in Cina. Con l’orchestra del Teatro Petruzzelli ha interpretato la Premiere Raphsodie pour clarinette et orchestre di C. Debussy sotto la direzione di D. Cohen. Inoltre ha eseguito, per un concerto straordinario per la medesima fondazione “Andante, tema e variazioni” per clarinetto e orchestra di G. Rossini.

Dal  2003 è  il  Primo clarinetto nell’Orchestra  Internazionale d’Italia  (OIdI)  e con essa ha suonato opere, sinfonie, galà lirico/sinfonici e concerti da solista nei più importanti teatri italiani, asiatici (in Cina, Giappone, Korea, Malesia, Thailandia, India, Giappone) in America (un Tour in Canada), in Europa (Italia, Spagna e Grecia) sotto la direzione di F. Luisi, D. Renzetti, C. Rovaris, C. Benini, F.M. Carminati, Bundit Ungrangsee, M. Caldi. Altri direttori con cui ha collaborato:  L. Shambadal, Wing-Sie Yip, C. Olivieri-Munroe, Bernhard Gueller, Petr Alrichter, D. Kawka, A. Guingal, D. Rustioni. A. Fisch, J.Axelrod, R. Abbado, D. Cohen, G. Bisanti, G. d’Espinosa, R. Palumbo, S. Goetzel, J. Nott, P. Caregnani, R. Boer, S. Kochanovski, A. Reck. Ha suonato con importanti solisti ed interpreti come E. Dindo, L. Zilberstein, A. Mayer, W. Fuchs, V. Mullova, K. Blacher, A. Lonquich, S. Krilov, P. Bermann, Anna Caterina Antonacci, A. Hewitt, M. Vengherov, P.L. Aimar, M. Devia, K. Zimermann, M. Brunello, G. Shaham.

Ha al suo attivo diverse incisioni discografiche. Per Stradivarius ha interpretato la Seconda sonata in mib maggior op.120 per clarinetto e pianoforte di J.  Brahms e Prelude à l’aprés-midi d’un Faune di C. Debussy (versione cameristica di A. Schoenberg). Per la casa discografica Preludio ha inciso Elegia, un pezzo a lui stesso dedicato per clarinetto e pianoforte di Danilo Lorenzini. Per la casa discografica Wide Classique ha inciso con il “Quintetto Colonna d’Armonia” i Quintetti per pianoforte e fiati di Mozart e Beethoven. Per la Bayer Records ha inciso col corno di Bassetto dei pezzi di G. Paisiello. Per l’etichetta OnClassique ha inciso le due sonate per clarinetto e pianoforte op.120 di J. Brahms e le 3 sonate di Max Reger per clarinetto e pianoforte.

Per la Dynamic ha inciso oltre venti opere con l’Orchestra Internazionale d’Italia durante il “Festival della Valle d’Itria” a Martina Franca.

ufficio stampa Fondazione Petruzzelli

redazione

LASCIA UN COMMENTO