“Proust, il tempo e la musica”, con Paolo Panaro e Gianni Lenoci, al Teatro van Westerhout di Mola di Bari

0
160

L’attore Paolo Panaro e il pianista Gianni Lenoci presentano l’integrale della trilogia Proust, il Tempo e la Musica dedicata dalla Compagnia Diaghilev alla Recherche del grande scrittore francese. E al Teatro van Westerhout di Mola di Bari, venerdì 5, sabato 6 e domenica 7 aprile, e ancora venerdì 12 e sabato 13 aprile, portano in scena consecutivamente Un amore di Swann (ore 18.30), Il tempo perduto (ore 19.30) e Il tempo ritrovato (ore 21) per quattro ore di spettacolo di grande intensità narrativa (info 333.1260425, biglietti 12 euro per tre spettacoli, 4 euro per il singolo spettacolo).

 

 

Proust, il Tempo e la Musica è il risultato di un lungo e appassionante lavoro di drammaturgia attraverso il quale vengono portati in scena tre spettacoli di narrazione letteraria che non si limitano soltanto a far luce sul complesso rapporto dell’autore con l’universo della musica, ma sondano gli abissi dell’animo umano attraverso la dimensione del “fare, ascoltare e discutere di musica”. In un gioco speculare fatto di appassionanti narrazioni e di suggestivi rimandi alle pagine pianistiche di Beethoven, Schumann, Liszt, Debussy, Chopin e altri ancora, la memoria del passato si incrocia, attraversa e ridà senso al contingente mondo del presente. Opera monumentale che sperimenta un’inedita concezione della narrazione, scardinando l’ordine consequenziale del romanzo ottocentesco per aprirlo alla dimensione dell’inconscio, la Recherche è un laboratorio di scrittura nel quale confluiscono arte, musica, scienza, letteratura e filosofia. Il suo intento è quello, dopo le nuove scoperte di Einstein, di rideterminare, attraverso l’arte, i fondamenti della temporalità dell’uomo. E Proust riesce a tradurre in narrazione le istanze delle avanguardie artistiche della sua epoca, dall’impressionismo al futurismo, sperimentando, per la prima volta in letteratura, la mobilità e il dinamismo del divenire.

Panaro e Lenoci ripercorrono queste tre parti della Recherche illuminando i passaggi nei quali il racconto si fa musica, quando risuonano le note del concerto a casa di Madame Verdurin, al quale Swann assiste con l’ex cocotte d’alto bordo, Odette, oppure attraverso il sinfonismo della scrittura, fatta di frasi musicali immerse nella furia creativa di un torrente di note, o ancora mentre il protagonista riacquista la memoria durante un recital in matinée a palazzo dei Principi di Guermantes.

Info 333.1260425 – 347.1788446.

LASCIA UN COMMENTO