A Matera la proiezione di “Un popolo di donne in viaggio” di Veronico e Iurilli: ospite d’eccezione Emily Apter

0
225

L’ottavo anno del Festival delle Donne e dei Saperi di Genere in corso, dal 18 al 30 marzo, è un’edizione prestigiosa e speciale che ha visto nelle sue prime giornate ospiti d’eccezione come Emily Apter e Jean-Luc Nancy protagonisti delle lectiones magistrales in apertura del Festival a Bari.

 

 

Domanigiovedì 21 marzo, la manifestazione toccherà Matera Capitale Europea della Cultura e tappa ormai consueta del Festival per un appuntamento in programma alle ore 18, al Cinema Il PiccoloL’appuntamento materano, che fa parte della rassegna di proiezioni che animerà il Festival intitolata SESSIMO E RAZZISMO: TRANSCINEMATOGRAFIE INTERSEZIONALI E QUEER, è organizzato in collaborazione con l’associazione RiSvolta Matera e prevede l’intervento di Francesca R. Recchia Luciani e i saluti di Vanessa Vizziello dell’associazione RiSvolta Matera.

Sul tema di Sessismo e razzismo: microaggressioni e autodifesa femminista e antirazzista terrà un intervento Emily ApterSilver Professor di Letteratura francese e comparata – Università di New York, una degli ospiti più illustri di questa edizione del Festival. Nella stessa occasione sarà presentato da Clarissa Veronico il progetto ideato e realizzato dall’Associazione Punti Cospicui con il sostegno di Regione Puglia – Sezione Politiche InternazionaliCorpi Migranti con la proiezione del documentario: Un popolo di donne in viaggio prodotto da Dimmi Cosa Vedi Lab e Punti Cospicuiun lavoro nato sotto la direzione artistica l’ideazione di Clarissa Veronico, con la collaborazione ricerca-azione di Daniela De Leonardis e la regia, fotografia e montaggio di Dario Iurilli.

Si torna a Bari nei giorni a seguire, sarà possibile partecipare e assistere al secondo Congresso di Studi su STUDIARE IL GENERE E LA SESSUALITÀ NELL’UNIVERSITÀ ITALIANA. VERSO UNE RETE NAZIONALE. La prima tavola rotonda è in programma venerdì 22 marzoore 16, nella Sala A dell’ExPalaPoste sul tema Saperi femministi, transfemmministi, di genere, sui corpi e sulla sessualità: qui e oltre coordinano Francesca R. Recchia Luciani eJulia Ponzio (UniBA Aldo Moro) insieme a Chiara Bertone (Università Piemonte Orientale Amedeo Avogadro), un approfondimento in cui interverranno Rachele Borghi (Université Sorbonne-Paris), Yvette Taylor (University of Strathclyde-Glasgow) e Karine Espineira (LEGS, Université Paris 8, ricercatrice precaria).

Seguirà, nella stessa location, sabato 23 marzoore 15, un ciclo di seminari dal titolo: RETE ITALIANA DEGLI STUDI SUL GENERE E SULLA SESSUALITÀ: CHI SIAMO, COSA VOGLIAMO, che comprende un primo seminario suPolitiche anti-gender: studio di casi e prospettive, coordinato da Massimo Prearo (Università di Verona) con interventi di Elisa Bellè (CSG – Università di Trento), Antonia De Vita (Università di Verona), Federico Batini (Università di Perugia), Giulia Selmi (Università di Verona e AG-About Gender), e un secondo seminario dal titolo: Transfemminismo: saperi accademici e attivismo che vedrà gli interventi di Karine Espineira (LEGS, Université Paris 8, ricercatrice precaria), Ludovico Vick Virtú (ricercatore precario), CossuttaGrecoMainardi Voli (ricercatrici precarie), Clark Pignedoli (ricercatore precario).

Oltre alle conferenze e ai seminari il Festival dimostra una spiccata attenzione per la ricerca e la sperimentazione in campo audiovisivo con un programma ricco e attento all’innovazione cinematografica.

In questo senso il sostegno della Fondazione Apulia Film Commision resta determinante nella programmazione audiovisiva del Festival. Si parte lunedì 25 marzo, ore 17.30, al Cineporto di Bari con un intervento di Francesca Talozzi per l’incontro dal titolo: ABILE AD ASSEMBLARE. PICCOLO VIAGGIO TRA DISABILITÀ, IDENTITÀ E AUTODETERMINAZIONE con le proiezioni di Paese del silenzio e dell’oscurità: documentario del 1971 firmato daWerner Herzog incentrato sulla vita dei sordo-ciechi e, a seguire, un documentario di Teresa Sala prodotto nel 2017 dal titolo Non è amore questo.

Si prosegue il 26 marzo, ore 16.30, in Mediateca regionale pugliese con un pomeriggio intitolato IL CORPO DELLE CITTÀ e la partecipazione di Simone Cangelosi (OUT-TAKES LGBTQ Audiovisual Archive e CESD – Centro Europeo Studi sulla Discriminazione); un’occasione per vedere: Trans X Istanbul, documentario di Maria Binder del 2014.

Il ciclo di proiezioni si chiude il 30 marzo, alle ore 18.00, nella sede MIXED lgbti Movimento Indipendente X Eguali Diritti, un’associazione con sede in via Abbrescia 13, che da quest’anno inaugura una fattiva collaborazione con il Festival, in cui sarà presente Eleonora Cirant (saggista e attivista #NonUnaDiMeno) per una serata dedicata a LA LOTTA PER L’AUTODETERMINAZIONE E I SUOI INNUMEREVOLI NEMICI con la proiezione, in anteprima regionale, di Aborto. Le nuove crociate: un documentario di Alexandra Jousset e Andrea Rawlins-Gaston, prodotto dalla rete televisiva franco-tedesca Arté, tradotto e distribuito gratuitamente da Non una di meno Milano.

Da segnalare inoltre l’appuntamento con l’arte performativa con una conferenza-spettacolo intitolata Elogio del margine di e con Rachele Borghi, in programma sabato 23 marzoore 21, presso la libreria Prinz Zaum, in via Cardassi, 93. Borghi a partire dal celebre testo del 1989, in cui bell hooks affrontava da una prospettiva originale il tema della marginalità, sviluppa una conferenza performativa sulla centralità del concetto di margine come uno spazio da abitare, in cui trovare il proprio posto, dove stare, e non solo come uno spazio di transito nell’attesa di raggiungere il centro.

Il Festival, manifestazione unica per tematiche e multidisciplinarietà, è un appuntamento annuale d’eccellenza che ospita personalità di prestigio della filosofia e della cultura internazionale. Anche quest’anno la manifestazione coinvolge molti luoghi della città di Bari a partire dall’Ex PalaPoste (Centro Polifunzionale UniBA), alla Mediateca Regionale Pugliese, dal Cineporto di Bari alla libreria Prinz Zaum e per la prima volta prevede una tappa anche nella sede di MIXED lgbti.

Questa ottava edizione del Festival delle Donne e dei Saperi di Genere è  NEL SEGNO DELLE INTERSEZIONI; il festival è organizzato dal DISUM Dipartimento di Studi Umanistici e dal CISCuG Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, con il sostegno della Regione Puglia, dellaFondazione Apulia Film Commission e del Teatro Pubblico Pugliese; nonché con il patrocinio di Punti Cospicui eAlliance française di Bari.

 Festival delle Donne e dei Saperi di Genere

VIII edizione

18 – 30 marzo 2019

Nel segno delle intersezioni

facebook.com/FestivalDelleDonneEDeiSaperiDiGenere

redazione

LASCIA UN COMMENTO