“I giorni della Tartaruga”: Claudio Elliott presenta il suo libro all’I.C.S. “EL/7 Montello- Santomauro” di Bari

0
595

“Incontro con l’autore” all’I.C.S. “EL/7 MOntello- Santomauro” di Bari. Gli alunni delle classi prime delle sezioni A-B–D-E incontreranno, il 13 marzo 2019 (dalle ore 10:00 alle ore 12:0, ) Claudio Elliott, autore del libro “I giorni della Tartaruga” (Gruppo Editoriale Raffaello). Appuntamento presso il plesso “Santomauro” (Strada Vassallo, 16).

Se ogni scuola è lo specchio della propria città, questa scuola media riflette una società fatta di corruzione e malaffare. I professori fanno quello che possono per arginare le prepotenze degli alunni, ma lasciar correre è spesso la soluzione più indolore e a portata di mano.

A Simone però fare il bullo con i compagni non basta più: a quella scuola serve una lezione da ricordare per sempre! E così, assieme a due compagni, compie un’irruzione a tarda sera, spacca computer e materiale didattico, strappa registri, filma la sua “impresa” con il cellulare e manda il video su internet. Presto, però, il cerchio delle indagini dei Carabinieri si stringe attorno al ragazzo, e padre Benedetto, il professore di religione, decide di intervenire. La sua idea è quella di mettere i ragazzi a confronto attraverso una competizione serrata ma genuina: un weekend di gare sportive intitolato “I giorni della Tartaruga”.
Grazie a uno stile veloce, serrato, che attrae il lettore e lo trasporta nel vivo della storia, il romanzo mostra tutti i lati del bullismo e del vandalismo giovanile, aiutandoci a comprendere il fenomeno e offrendo spunti di riflessione mai banali.

Claudio Elliott – È nato a Griffith, in Australia, ma vive in Italia da quando aveva otto anni. Attualmente vive a Potenza, dove insegna Lettere in una scuola secondaria di primo grado. Scrive articoli su importanti riviste italiane e da qualche anno è un affermato autore di narrativa per ragazzi. Per Raffaello ha scritto “Il barcone della speranza” (2007).

Antonio Carbonara

 

 

 

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO