“Sento la Terra girare”, sold out al Team di Bari per Teresa Mannino

0
582

Una esilarante Teresa Mannino si è esibita ieri sera (19 gennaio 2019) al Teatroteam di Bari, con “Sento la Terra girare”. Una performance straordinaria per un pubblico che ha rimpieto ogni spazio del teatro e con il quale l’artista ha interagito con estrema simpatia e semplicità.

Un monologo che ha messo in luce le contraddizioni di questo mondo, un mondo che come la stessa Mannino ha detto ” va a rotoli”. Ambiente, attualità, tanti e diversi in temi che sono stati trattati, ovviamente con uno stile ironico e con una comicità corretta e coinvolgente. Sbucando fuori da un armadio che sembra emergere da una distesa di piccole dune di sabbia, la Mannino ha scherzato con il pubblico per poi lasciarsi andare nella lettura dei versi della  poesia “Disattenzione” scritta dalla poetessa polacca, Wislawa Szymborska, vincitrice del premio Nobel per la letteratura nel 1996. Un inizio che ha introdotto la questione del pianeta che sta cambiando velocemente per colpa degli uomini: riscaldamento globale, produzione di OMG, estinzione di specie animali e vegetali, shopping selvaggio legato indissolubilmente alle gravi tematiche dell’inquinamento, spreco di cibo e vestiti.

Nella sintesi seguente della Mannino il senso di uno spettacolo che ha lanciato importanti messaggi, con un linguaggio artistico e comico in grado di catturare l’attenzione del pubblico.

“Vivo chiusa in un armadio, per mesi, anni. Un giorno decido di uscire, apro le ante e un piccolo raggio di luce artificiale mi acceca, esco e provo ad aprire gli occhi, li apro e leggo che il principe Harry si sta sposando e che l’asse della terra si sta spostando. Mi butto stranamente sulla notizia meno glamour. Com’è possibile che l’asse terrestre stia variando? Finché sparisce la primavera, cambiano le stagioni, ma l’asse della Terra… Pare che, a causa dello scioglimento dei ghiacci, i Poli diventino più leggeri e l’asse si sposti. Come quando, al parco, il compagno strafottente che hai di fronte scende all’improvviso dal dondolo e ti fa cadere giù. Bastardo! Leggo che le cose stanno cambiando in modo radicale e velocissimo, gli animali si estinguono a un ritmo allarmante, come quando sono spariti i dinosauri 66 milioni di anni fa. Nel mare ci sono più bottiglie di plastica che pesci, sulle spiagge più tamarri che paguri. Leggo che non c’è più acqua da bere e aria da respirare. Cose di pazzi! Ma la prova che qualcosa di epocale sta accadendo arriva quando vedo la pubblicità del filo interdentale per cani. Segno certo che stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Ma si parla sempre d’altro, di posteggi per mamme etero, di tablet a scuola, di ascolti televisivi, di fake news, di bonus bebè. Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica… Teresa Mannino”.

Antonio Carbonara

 

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO