Epifania tricolore al Demodè

0
432

Sabato 5 gennaio, in occasione dell’arrivo dell’Epifania, al Demodè Club di Modugno (Ba) sarà proposto il party “L’italiano balla”, una festa all’insegna del tricolore, in cui ogni elemento si riferisce alla nostra penisola, che avrà come protagonista, in consolle, Enzo Biundo.

 

 

Questa festa – ha spiegato il dj – nasce da un’idea del direttore artistico del Demodè Club, Dario Boriglione, che ha voluto creare un format, da proporre una tantum nel corso delle stagioni, incentrato sulla musica italiana, con l’intento non solo di far ballare ma anche di far cantare”.

E la vigilia della Befana è proprio un’occasione adatta. Infatti la vecchia signora, che vola sulla scopa portando doni a chi è stato buono e carbone a chi, invece, lo è stato meno e il cui nome deriva da una corruzione lessicale di Epifania, attraverso la trasformazione del termine “epifàneia” in “bifanìa” e “befanìa”, è una figura folkloristica tipica di alcune regioni italiane, diffusasi successivamente in tutta la penisola italiana e meno conosciuta nel resto del mondo. Durante il party saranno proposte le canzoni più note del grande canzoniere italiano, con una parentesi dedicata ai brani più celebri, remixati con cassa dritta.

Proporrò musica dagli anni sessanta ad oggi. I brani sono abbastanza originali, non sono stravolti, ma tutti quanti sono passati con una base ballabile. Sono delle mie rivisitazioni personali, preparate precedentemente in studio, secondo una scelta popolare, selezionando i brani più apprezzati di sempre e ritmica, con l’intento di far divertire la pista, facendo ballare e cantare i presenti”.

Enzo Biundo è noto, soprattutto nel Sud Barese, per i suoi djset tricolore estivi, proposti ormai da dodici anni. Ha iniziato il suo percorso nel clubbing circa venticinque anni fa a Roma, città nella quale risiedeva. Nella Capitale, inoltre, ha avuto modo di collaborare anche con numerosi network radiofoci.

Demodè Club– Via dei  Cedri, 14 – Modugno (Ba)

Infoline: 3397360006

Apertura: 23:00

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO