Allerta a Barcellona dopo l’allarme Usa

0
168
epa07243761 Mossos d´Esquadra policemen stand guard during a protest by Catalan pro-independence supporters near Llotja de Mar de Barcelona, where the Spanish Government's Cabinet Meeting is unusually being held, in Barcelona, northeastern Spain, 21 December 2018. Eleven protesters have been arrested at the moment in the course of the protest, that takes place only one day after the meeting between the Spanish Prime Minister, Pedro Sanchez, and the Catalan president, Quim Torra. The Cabinet takes place one day after Spanish Prime Minister Sanchez and the Catalan president Torra met in Barcelona, a move that is met with fiery criticism as the cabinet meeting is held on the day one year after Catalonia held regional elections ordered by the Spanish central government. EPA/ENRIC FONTCUBERTA

Le misure di sicurezza sono state rafforzate a Barcellona dopo che il dipartimento di Stato Usa ha diramato ieri via Twitter un allarme terrorismo nella città catalana per le feste di fine anno.

 

“Aumentate la prudenza nelle zone in cui ci sono movimenti di veicoli, compresi bus, nella zona delle Ramblas di Barcellona a Natale e Capodanno. Terroristi potrebbero compiere un attacco prendendo di mira zone turistiche, trasporti o altre zone pubbliche”, ha twittato il servizio ‘Travel’ degli Usa.
Secondo i media locali, l’allarme Usa si riferisce a una minaccia specifica: la polizia sta ricercando un marocchino di 30 anni, con patente di guida per mezzi pesanti, che starebbe preparando un attentato con un bus a Barcellona.
Cauto il ministero dell’Interno spagnolo che ha dichiarato che il livello di allerta antiterrorismo resta a livello 4 su 5, lo stesso dal 2015. Secondo il ministro del governo catalano, Miquel Buch, i Mossos d’Esquadra lavorano su questa minaccia, che “è una tra le tante” ricevute.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO