“Un barese a New York ”, in scena al teatro Barium

0
720

Sabato 24 alle 21 e domenica 25 novembre, alle 18 e alle 21 al teatro Barium saranno proposte le repliche del nuovo spettacolo “Un barese a New York 3”, di e con Gianni Colajemma , terzo capitolo della fortunata saga teatrale avviata due anni fa.

Come in una sitcom, anche i capitoli di questo racconto non sono concatenati tra di loro ma caratterizzati dall’uso di una singola ambientazione, in questo caso l’appartamento del protagonista Joe Colella, un barese trasferitosi a New York per diventare un importante attore. La scenografia curata da Gianmarco Venanzio Colaiemma, figlio del noto attore, è curata nei dettagli. In scena il solito divano con la copertura in stile americano, come del resto l’arredamento. Guantoni da boxe alla Rocky, bottiglie di whisky, la maglia del grande Michael Jordan e tanti altri simboli che richiamano il “sogno americano”.

Ho provato a immaginare – ha spiegato Colajemma – come si può comportare un barese in una grande città estera. Ho immaginato New York perchè è un simbolo dell’America, è il sogno americano che per chiunque ha un significato personale. Per Giovanni è fare l’attore, per altri è aprire un grande negozio, qualcun altro vuole costruire un altro grattacielo e via dicendo. È un sogno”.

Proprio a New York, nella Music Hall dello Snug Harbur cultural center, un mese fa circa, esattamente lo scorso 21 ottobre, Gianni Colajemma ha portato in scena i primi due episodi di “Un barese a New York”.

Come è accaduto a New York, anche a Bari ad affiancare Gianni Colajemma sul palco ci sarà il cast di attori della compagnia Manifattura Tabacchi. Nel terzo capitolo sono impegante Lucia Coppola e Federica Antonacci, negli ormai “classici” ruoli di Carmela ed Hellen, oltre a Luca Mastrolitti, Maria Schino e Magda Fanelli, che inscenano dei nuovi personaggi che irrompono nell’appartamento newyorkese.

Teatro Barium – Via Pietro Colletta, 6 – Bari

Infoline: 0805617264 – 3935350241

Inizio spettacolo: 18:00 sabato – 18 e 21 domenica

redazione

LASCIA UN COMMENTO