Mafie su scommesse online, arresti a Bari

0
826
Un'auto della Guardia di Finanza davanti l'ingresso dell'Agenzia delle Entrate di Genova,11 aprile 2017. ANSA/LUCA ZENNARO

 Le mafie si sono spartite e controllano il mercato della raccolta illecita delle scommesse online. E’ quanto emerso al termine di tre diverse indagini delle procure di Bari, Reggio Calabria e Catania, coordinate dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo che hanno portato all’arresto di 68 persone e al sequestro di beni in Italia e all’estero per oltre un miliardo. 

ll volume delle giocate, riguardanti eventi sportivi e non, scoperto dagli investigatori di Guardia di Finanza, Polizia e Carabinieri, è superiore ai 4,5 miliardi.>Ventidue arresti, 7 in carcere e 15 ai domiciliari, altri 22 indagati, il sequestro di beni per complessivi 200 milioni di euro, 167 soggetti monitorati, più di 500 mila intercettazioni telematiche, telefoniche, video e ambientali: sono i numeri del blitz eseguito oggi dalla Guardia di Finanza di Bari nei confronti di esponenti dei clan mafiosi Parisi e Capriati, nell’ambito di una indagine della Dda avviata nel 2015. I due gruppi criminali, in contatto anche con le organizzazioni mafiose di Sicilia, Campania e Calabria, avrebbero costituito una vera e propria “multinazionale delle scommesse” movimentando oltre 1 miliardo di euro da Malta a Curacao, passando per le Isole Vergini e le Seychelles. Gli investigatoti hanno accertato il passaggio dei due clan “da un modello tradizionale di mafia militare a quello più evoluto di mafia degli affari” che “ha ora assunto, stabilmente, una sua specifica identità imprenditoriale e cerca i nuovi adepti nelle migliori Università”. Il centro di potere di questa mafia del “clic” e del “punto. com’è stato individuato nella famiglia barese dei Martiradonna, il padre Vito, soprannominato “Vitin l’Enèl” e i figli Michele, Mariano e Francesco. Vito Martiradonna era il cassiere del clan Capriati. Il “grande salto di qualità” lo ha reso oggi un bookmaker, grazie contributo della nuova generazione di famiglia.

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO