Stagione 2018|19 al Teatro van Westerhout di Mola di Bari: in cartellone 29 spettacoli

0
102

Ventinove spettacoli per centoventi rappresentazioni con la presenza di alcuni grandi protagonisti della scena teatrale italiana, la presentazione di nuove produzioni e la realizzazione di alcune importanti collaborazioni. La Stagione 2018-2019 della Compagnia Diaghilev al Teatro Van Westerhout di Mola di Bari, iniziata con il prologo dedicato al Sogno scespiriano rivisitato da Massimo Verdastro (repliche sino al 4 novembre), prosegue con Medea per strada, pièce che vede la regia di Gianpiero Borgia su una drammaturgia firmata da Fabrizio Sinisi a quattro mani con Elena Cotugno, interprete dello spettacolo (6 e 7 novembre).

 

 

All’interno del cartellone si segnalano il Kafka di Una relazione per un’accademia con una strepitosa Marina Confalone (dal 16 al 20 gennaio), una realizzazione della Compagnia Diaghilev cui si deve anche la coproduzione dei due spettacoli dei Virtuosi di San MartinoNel nome di Ciccio (dal 14 al 17 febbraio) e La Repubblica di Salotto (dal 21 al 24 febbraio). Tra le perle della stagione, la rilettura di Shakespeare conEx Amleto di Roberto Herlitzka (date da definire), la trasposizione che Enrico Ianniello ha fatto per sé e Isa Danielicon Giacomino e mammàdella fortunata drammaturgia spagnola Conversaciones con mamà di Santiago Carlos Oves e Jordi Galceran (7 maggio), La ballata del carcere di Reading da Oscar Wilde diretto da Elio De Capitani con Umberto Orsini e Giovanna Marini (25 maggio) e l’irresistibile comicità di Paolo Nanine La lettera (14 aprile). E poi, le collaborazioni con Time Zones, che si concretizzano nel doppio piano solo di Mauro Sabbione (tastierista dei Matia Bazar) e Alex Maguire (8 novembre), il concerto del gruppo messicano El Gabinete (9 novembre) e il viaggio a quattro mani nell’universo di Proust dell’attore Paolo Panaro e del pianista Gianni Lenoci (dal 12 al 19 maggio). Previsti anche scambi culturali con il Tric Teatri di Bari, che porta in scena Blue Bird Bukowski per la drammaturgia di Riccardo Spagnulo, la regia di Licia Lanera e l’interpretazione di Vito Signorile eSara Bevilacqua (23 e 24 novembre) e Il principino da Antoine de Saint-Exupéry nella versione in barese di Vito Signorile per la regia di Damiano Nirchio (16 e 17 marzo). Lo stesso Nirchio firma anche uno Schiaccianoci natalizio per Tric e Diaghilev (dal 21 al 30 dicembre) e Don Chisciotte, l’ultima avventura da Cervantes per Diaghilev. Inoltre, gli attori della compagnia di Mola realizzano con Virginio Gazzolo il progetto Ulisseide da Omero (date da definire) e, con Paolo Panaro, la ripresa de Le smanie per la villeggiatura di Goldoni (dal 6 al 10 marzo) e il nuovo allestimento de L’uomo, la bestia e la virtù di Pirandello (dal 27 marzo al 13 aprile): produzioni finalizzate alla crescita e valorizzazione della Diaghilev e dei suoi attori, Elisabetta Aloia, Antonella Carone, Altea Chionna, Marco Cusani, Carlo D’Ursi, Deianira Dragone, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Loris Leoci, Tony Marzolla, Serena Palmisano, Riccardo Spagnulo, tutti giovani professionisti di assoluto rispetto.

Ci sarà anche la canzone d’autore degli Avion Travel (il 22 marzo, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese) in questo cartellone pensato come risultato di un disegno programmatico nato al Sud e al servizio del Sud, che impiega il lavoro del teatro come leva per innescare processi di sviluppo e valorizzazione del territorio, nel solco tracciato per il progetto triennale «Le vie del Sud» riconosciuto dalla Regione Puglia nell’ambito del Fondo di Sviluppo e Coesione 2014/2020 – “Patto per la Puglia” e realizzato in collaborazione del Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

In questo quadro diversificato di iniziative che attingono a vari generi e stili, ma che hanno in comune una ricerca estetica, di linguaggio e contenuti di grande rigore, si inseriscono alcune proposte di spiccato impegno civile e di riflessione su argomenti sociali che appartengono alla nostra storia più recente e alla civiltà contemporanea. Il caso Braibanti (dall’8 al 10 dicembre), prodotto da Diaghilev, su testo di Massimiliano Palmese, con la regia di Giuseppe Marini e l’interpretazione di Fabio BussottiMauro ConteMauro Verrone, affronta il problema dell’omofobia rispolverando un clamoroso fatto di cronaca del ’68. E anche La maschia di Claire Dowie (28 e 29 novembre) diretto da Andrea Adriatico per i Teatri di Vita si sofferma sulla diversità di genere. E se in Ben HurPaolo Triestino, Nicola Pistoia ed Elisabetta De Vito invitano a riflettere con il sorriso sull’accoglienza dei migranti (dal 10 al 13 gennaio), di integrazione parla La prova, piècescritta e diretta da Fabio Tollediper Astragali (19 e 20 novembre), mentre di dignità e durezza del lavoro dei manovali delle saline di Cagliari parla S’acqua fatta della compagnia sarda Il Crogiuolo (12 novembre). La trasmissione dei valori e il rapporto tra le generazioni è al centro dello spettacolo di Mariano DammaccoLa buona educazione con Serena Balivo, premio UBU 2017 quale miglior attrice under 35 (11 dicembre). Cabaret Sacco & Vanzetti del Teatro dei Borgiaripropone il drammatico errore giudiziario che mandò a morte i due migranti italiani negli Stati Uniti (30 novembre). Completano il cartellone Barbiana (7 e 8 febbraio) di e con Michela Diviccaro,ispirato alla vita e al pensiero di Don Milani, e Il sindaco (28 febbraio e 1° marzo) con Angelo Tanzi, racconto in bilico tra allarme sociale ed esperienza umana.

Info e prenotazioni 333.1260425 – 347.1788446. Biglietti online e circuito vivaticket.

redazione

 

 

Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO