Sold out all’Anchecinema di Bari per lo spettacolo “Nemici”: in scena venti attori

0
136
bdr

Tutto esaurito al teatro polifunzionale Anchecinema di Bari, con lo spettacolo “Nemici” del Broadway Musical Theater Academy.  In scena una cast formato da venti attori che si muovevano dentro e fuori  il palcoscenico, travolgendo il pubblico in turbinio di emozioni e colpi di scena.

La commedia drammatico-brillante in due atti è ambientata nel 1929 a New York, nell’America della Grande Depressione, scritta da Robert Steiner per la regia di Caterina Firinu. Racconta quella realtà sociale così articolata e contradditoria che contraddistingueva la società americana.  Al Capone e Rockfeller sono i simboli  della netta divaricazione sociale ed economica di quegli anni che consentì l’accumulo della ricchezza economica nelle mani di poche persone,a scapito delle classi  più povere, che per sopravvivere alla miseria entravano in contatto  con le gang  della criminalità. Alcune strade delle principali città americane  quasi ogni giorno diventavano teatro di pericolosi regolamenti di conti tra bande rivali di gangster che si contendevano il mercato dell’azzardo e del racket dei commercianti.

La commedia dunque racconta di due bande nemiche, di Mike e Fino, che  si scontrano una sera per le strade di New York,  e quando i due capi iniziano a duellare per il malloppo, cadono dentro una fossa e rimangono uccisi. Ad esasperareulteriormente la guerra tra le due gang è la comparsa di un uomo, cinico e spietato, che offre ai due di tornare indietro nel tempo e riportarli a quella sera, risparmiando loro la vita. Gli intrecci fra vicende storiche e fittizie, fanno di “Nemici” uno spettacolo emozionante, pieno di colpi di scena fra momenti esilaranti, drammatici e tragici, il tutto incorniciato da musiche travolgenti.  La commedia narra perfettamente una  vera e propria  crisi della legalità che gli Stati Uniti ebbero ad affrontare durante la crisi del 1929 i cui tratti si ritrovano per intero  nelle pagine di cronaca nera e giudiziaria dei nostri tempi.

Michela Di Trani

 

Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO