“La Puglia non tratta-Insieme per le vittime’, progetto della Regione Puglia

0
191
12/ma Giornata Europea contro la Tratta: La Puglia non Tratta

In occasione della 12/ma Giornata europea contro la tratta degli esseri umani, la Regione Puglia ha organizzato il lancio di tanti palloncini colorati, “metafora della libertà dallo sfruttamento e da tutte le schiavitù”.

 

Inoltre, sulla facciata del palazzo della presidenza è stato affisso uno striscione con il nome del progetto ‘La Puglia non tratta-Insieme per le vittime’, promosso dalla Regione e finanziato con un milione e 600mila euro dal dipartimento delle Pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri. Il progetto, informa una nota della Regione, è attivo da un anno e mezzo ed è stato ideato da Stefano Fumarulo, dirigente della Sezione sicurezza del cittadino della Regione Puglia, scomparso prematuramente più di un anno fa. “Essere al fianco di chi lotta per la propria libertà e dignità – commenta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – è quello che continueremo a fare sempre”. “A questo progetto – aggiunge – sono particolarmente legato. Il sogno di Stefano di poter aiutare le persone a liberarsi dalla schiavitù e dallo sfruttamento è diventato oggi non solo il nostro sogno, ma anche la nostra missione”. “Questo progetto – conclude Emiliano – è anche molto importante perché è una esperienza pilota in Italia. Sarà l’unico che, al termine delle sue attività (il primo febbraio 2019) avrà una sua certificazione di qualità che ci aiuterà a capire quale è lo stato dell’arte della tratta in Puglia”. Tra gli obiettivi del progetto ci sono l’emersione dello sfruttamento lavorativo, il contrasto al caporalato, le attività di orientamento legale e sanitario, l’accesso ai servizi per il lavoro e alle strutture di accoglienza, al fine di garantire una vita più dignitosa ai lavoratori stranieri e potenziare i servizi di tutela della salute psico-fisica delle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale.

ansa

redazione

Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO