Al via l’International School Theatre and Society a Lecce (da lunedì 8 ottobre)

0
524

Da lunedì 8 ottobre prenderanno il via le attività dell’International School Theatre and Society, promossa da Astràgali Teatro, in partenariato con il Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo dell’Università del Salento. La scuola incentrata sul “Teatro Sociale”, che coinvolgerà 36artisti e studenti under 35 provenienti da tutta Italia, rientra nel progetto The.so (Theatre and society) ed è sostenuta dal Mibac e da Siae, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”. Nel corso della residenza di formazione di tre settimane (8/12 ottobre, 15/19 ottobre e 12/16 novembre) saranno coinvolti esperti da Italia, Tunisia, Grecia, Russia e Burkina Faso per mettere a confronto pratiche, metodi e strategie che il teatro sociale sta sviluppando in diverse aree culturali. L’International School Theatre and Society alternerà lezioni frontali, attività pratica, attività cross-experience e incontri aperti al pubblico, con studiosi, ricercatori, artisti. I partecipanti si confronteranno, infatti, con Dmitry Trubochkin (docente e coordinatore scientifico dell’Accademia Raikin di Mosca), Alfira Arslanova (presidente del Centro Russo dell’Iti Unesco), Hamadou Mandè (Università di Ouagadougou e Presidente del Centro del Burkina Faso dell’Iti Unesco), Jean Baptiste Hamado Tiemtorè (regista e attore teatrale), Adel Bouallegue (Istituto superiore di arti drammatiche dell’Università di Tunisi), Theodore Grammatas (Università National and Capodistrian di Atene), Roberto Tessari (storico del teatro, Università di Torino), Carla Petrachi (giornalista e operatrice culturale) e alcuni docenti dell’Università del Salento (Fabio De Nardis, Omar Gelo, Marta Vignola, Ferdinando Spina, Claudia Venuleo). Tra le materie affrontante Il teatro sociale in Africa, Tecniche teatrali ed animazione sociale, Il teatro sociale in Russia, Editoria e teatro sociale in Russia, Teatro e cambiamento sociale, Sistema educativo e teatro sociale in Grecia, Musica e visualità nel Maghreb, Raccontare le dinamiche sociali: teatro e media.

 

Il Teatro Sociale è un movimento molto ampio e potente nell’arte teatrale, che si è sviluppato in Europa e in America nella seconda metà del XX secolo, assieme alle live art performance, alle installazioni artistiche e altri movimenti che hanno influenzato e reindirizzato l’arte moderna. Un periodo importante del teatro sociale negli anni ‘60 coincise con una nuova ondata di movimento teatrale amatoriale e lo sviluppo di festival teatrali nazionali e internazionali. Il taglio internazionale, con il coinvolgimento di docenti provenienti da vari paesi permetterà di mettere a confronto le tradizioni teatrali dei rispettivi paesi e l’evoluzione che il teatro sociale sta vivendo nelle diverse aree culturali, in modo da confrontare metodologie, strategie, applicazioni e sviluppare nuove direzioni di ricerca e applicazione. La metodologia della Cross Experience, infatti, permetterà lo sviluppo di pratiche comuni non solo tra gli allievi, ma anche tra i docenti e gli operatori culturali, che lavoreranno insieme nella fase formativa. Oggi il termine “teatro sociale” comprende numerose varietà di pratiche teatrali per il reinserimento sociale di bambini con particolari problematiche e di persone diversamente abili, il coinvolgimento di una parte della società solitamente marginalizzata (migranti, detenuti, ecc.) nella pratica artistica; la risoluzione di conflitti (sociali o militari), l’interpretazione di gravi problemi.

Il teatro sociale deve essere interpretato, oggi, come un insieme di metodi didattici da combinare in un unico programma di formazione. Il teatro sociale cerca nuovi metodi per coinvolgere le persone e le comunità nel teatro, considerando l’arte come un veicolo principale per l’incontro, l’inclusione sociale, il confronto, il rispetto e la valorizzazione della diversità. Con questo termine è inclusa un’ampia varietà di pratiche. Ma alcuni obiettivi comuni possono essere evidenziati. Il teatro sociale si occupa della necessità di facilitare l’incontro tra artisti e persone al fine di promuovere riflessioni, dibattiti, opere artistiche sui temi della diversità e delle questioni sociali rilevanti per una comunità dove il teatro e le arti sono chiamati a svolgere la loro funzione di critica e di consapevolezza civile. La cultura, infatti, svolge un ruolo fondamentale nella comprensione e nel riconoscimento dell’altro, quale elemento indispensabile del dialogo, dell’integrazione, della coesione sociale nella diversità. L’intervento del teatro sociale intende lavorare con le comunità, per favorire la partecipazione, l’inclusione e la consapevolezza. Una domanda di partenza è: come gli operatori del teatro sociale possono avvicinarsi alle persone? L’approccio è quindi relazionale, comunicativo, partecipativo. Le azioni del Teatro sociale sono strettamente legate ai territori, ai contesti, alle storie e alle culture. Promosse da artisti, operatori culturali, ricercatori, agenti sociali, mirano a produrre un cambiamento sociale, attraverso azioni a base comunitaria con effetti moltiplicatori. L’interazione tra le arti performative, la ricerca sociologica, le azioni di cittadinanza attiva può produrre nuove pratiche di mediazione sociale, promuovere l’empowerment sociale, generare nuove esperienze legate all’interculturalità, alla memoria, alla diversità, alla rielaborazione di narrazioni individuali o della comunità, inclusione di persone e gruppi emarginati, economicamente e socialmente svantaggiati, lavoro intergenerazionale, favorendo nuove collaborazioni tra le parti interessate.

La compagnia Astràgali Teatro nasce nel 1981 a Lecce per fare teatro, per formare attori, per dare vita ad uno spazio di circolazione dei discorsi e delle pratiche, per elaborare progettualità, per tessere trame e relazioni. Riconosciuta dal 1985 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali come compagnia teatrale d’innovazione, dal 2012 è sede del Centro Italiano dell’International Theatre Institute dell’Unesco ed è membro della Anna Lindh Euro-Mediterranean Foundation for the Dialogue between Cultures. Ha realizzato progetti artistici, spettacoli, attività in circa 30 paesi in tutto il mondo.

 


Ufficio stampa
Società Cooperativa Coolclub
Piazza Giorgio Baglivi 10, Lecce
ufficiostampa@coolclub.it – 0832303707

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO