Ultima serata a Polignano a Mare con Il Libro Possibile

0
745

Si chiude con un parterre d’ospiti d’eccezione l’ultima serata del festival Il Libro Possibile di Polignano a Mare, che per la sua XVII edizione vede come main sponsor il Gruppo Pirelli. Anche sabato 7 luglio è in programma dalle 18 un ricco cartellone di presentazioni letterarie, dibattiti, proiezioni e spettacoli in sei piazze del centro storico del borgo barese: piazza Aldo Moro, piazza dell’Orologio, piazza San Benedetto, Balconata Santa Candida, via Mulini e vico Porto Raguseo.

 

Diversi gli incontri che si concentrano sulla più stretta attualità, con un’attenta analisi di esperti di economia e politica italiana. La firma del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, in B. come basta! ricorda “tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha fatto Silvio Berlusconi nei suoi primi 81 anni”. Un ritratto lucido e graffiante di uno dei personaggi che ha fatto la storia – politica e non – del Belpaese. Il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana, offre una prospettiva più ampia in Un paese senza leader: dagli errori della sinistra e le nuove spinte del centrodestra, fino al ruolo da protagonisti del Movimento 5 stelle e della Lega, il giornalista offre un’analisi a tutto campo dello scenario politico attuale, con retroscena e ritratti dei protagonisti conosciuti e intervistati. Presenta il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso. Carlo Cottarelli, autore di I sette peccati dell’economia italiana, analizza le cause che non hanno permesso al Belpaese di crescere negli ultimi vent’anni sotto il profilo economico. E a Polignano spiega perché bisogna risolvere sette problemi in particolare: l’evasione fiscale, la corruzione, la troppa burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario tra Nord e Sud e la difficoltà a convivere con l’euro. Sul palco anche il responsabile della redazione pugliese del Tg3 Rai, Attilio Romita. Racconta l’evoluzione del nostro Paese attraverso le opinioni di bambini e studenti, il saggio del giornalista del Corriere della Sera Federico Fubini, intitolato La maestra e la camorrista. Un’analisi che conferma un assunto importante: “Già a cinque anni l’attitudine a fidarsi, investire, interagire nel proprio interesse, è molto diversa in base al luogo di nascita”. Dalla situazione italiana spostiamo lo sguardo sullo scacchiere geopolitico internazionale con Le linee rosse di Federico Rampini. L’inviato negli Usa del quotidiano La Repubblica insegna a leggere la nuova cartografia del mondo per “guardare dietro le apparenze”, ovvero non fermarsi a contemplar solo i confini definiti nelle cartine geografiche, ma estendere lo sguardo agli sconvolgimenti creati dai popoli. Presenta il caporedattore della cronaca de La Repubblica – Roma, Stefano Costantini.

Incrocia analisi economica e tematiche contemporanee il manuale La formazione nell’era delle smart cities, presentato dal rettore dell’Università degli studi di Bari, Antonio Felice Uricchio, dalla direttrice dell’Inps Puglia Maria Sciarrino e dal professore dell’Ateneo barese Giuseppe Pirlo.

Se parliamo di attualità non possiamo prescindere dal raccontare lo strapotere della criminalità organizzata. Un sistema che il Gruppo Speciale di Intervento dell’Arma dei Carabinieri combatte quotidianamente; una battaglia che al festival sarà raccontata dal Comandante Alfa, uno dei fondatori del Gis, che in Missioni segrete traccia un bilancio delle principali operazioni portate avanti negli ultimi anni dalle Forze speciali. Analizza nei particolari una delle vicende che ha tenuto con il fiato sospeso l’Italia intera per 55 giorni, L’ultima notte di Aldo Moro, il saggio del giornalista dell’Ansa Paolo Cucchiarelli incentrato sul rapimento del celebre statista da parte delle Brigate Rosse. Il focus si sposta sulla famigerata ‘Banda della Magliana’ – al centro di un’ormai celebre serie tv prodotta da Sky – con La verità del Freddo, dove Raffaella Fanelli riporta l’ultima testimonianza del capo del gruppo criminale attivo dagli anni ’70 a Roma. Si concentrano sulle vicende dei clan criminali pugliesi, invece, i libri del criminologo Giuseppe Galante (La mafia dietro le quinte) e del sottufficiale dell’Arma dei Carabinieri Stefano De Carolis (Con un piede nella fossa).

Non mancano gli incontri dedicati allo studio dei fenomeni di costume. L’ironia dissacrante di Giuseppe Cruciani, conduttore del seguitissimo programma ‘La Zanzara’ su Radio 24, presenta a Polignano I fasciovegani, dove delinea un ritratto di “coloro che attentano quotidianamente alla libertà di cibo e di pensiero”. Naturalmente con tanti aneddoti sulle discussioni telefoniche sul tema con ospiti e ascoltatori della radio.

Parterre di autori d’eccezione anche per la sezione narrativa della rassegna letteraria. Maurizio de Giovanni presenta in anteprima in Puglia Il purgatorio degli angeli, ultimo capitolo della celebre saga del Commissario Ricciardi. Una nuova indagine per il poliziotto, che dovrà risolvere un enigma legato al cadavere di un anziano prete ritrovato a Posillipo. Rimaniamo sul ‘giallo’ con Giancarlo De Cataldo e il suo thriller L’agente del caos, un racconto dove realtà e finzione si intrecciano fino a renderne labili i confini. Arte e alta tensione si intrecciano in Il boss è immortale, il poliziesco di Massimo Nava che riprende le avventure dell’ispettore Bastiani dopo l’inchiesta internazionale risolta ne ‘Il mercante di quadri scomparsi’. Ad impreziosire l’incontro, il reading dell’attrice Lunetta Savino. Pesca a pieno nei racconti della criminalità organizzata pugliese l’ultimo romanzo di Marcello Introna, Castigo di Dio, ambientato nella Bari del 1943, “una città devastata dalle privazioni, dalle clientele e dalla malafede dilagante”. Sarà l’attore Riccardo Scamarcio a leggere alcuni passi del libro durante la presentazione. Atmosfere noir anche nell’ultimo thriller di Lorenzo Beccati: L’ombra di pietra ci trasporta nella Genova del 1606, dove un misterioso assassino sta mietendo vittime con un micidiale cappio. La critica l’ha definita “la nuova voce del romanzo nero italiano”. Ѐ l’archeologa Giorgia Lepore, che a Polignano presenta Il complimento è per la pioggia, thriller ambientato tra gli stretti vicoli del borgo antico di Bari. Le atmosfere noir connotano anche le opere del trio di autori pugliesi Felice Giusti (Chiamata senza risposta), Anna Maria Disanto (Della vendetta di Cettina) ed Ettore Catalano (Rosso Adriatico).

La magia è uno degli ingredienti principali dell’ultimo romanzo del giornalista Rai Franco di Mare, Barnaba il mago, dove si racconta l’arrivo a Bauci di un particolare personaggio: il maestro di esoterismo che dà il nome all’opera. Presenta il responsabile della redazione online de La Repubblica Bari, Gianni Messa. Uno scambio di mail tra due sconosciuti apre invece la commedia romantica della firma culturale de La Repubblica Annarita Briganti. La chat potrà trasformarsi in un sentimento d’amore profondo? Lo scopriremo durante la presentazione di Quello che non sappiamo. Dopo essere stato ospite del festival nel 2017, il giornalista del settimanale Chi, Gabriele Parpiglia, torna a Polignano con #La porta del cuore, sequel in cui ritroviamo i protagonisti di #Formentera14 a confrontarsi ancora una volta con l’amore tra spiagge e stradine dell’isola iberica. È un romanzo dai toni autobiografici, invece, Me la sono andata a cercare, l’ultima opera dell’autore televisivo Tommy Dibari. La città di Genova fa da sfondo all’intensa amicizia cresciuta tra le vite tormentate di Valeria e Fosca, le due protagoniste di Uomini che restano, il quinto romanzo di Sara Rattaro. Martino Sgobba racconta la solitudine di un uomo costretto a fare i conti con il suo passato in un anonimo albergo di Belluno in La stanza dei racconti.

Tanti altri poi gli autori che si raccontano attraverso le pagine dei libri. Come lo stilista Alviero Martini, creatore del brand ‘Prima classe’, che in Andare lontano viaggiando svela le origini della sua passione per la moda, fin dalle prime opere di sartoria realizzate a Ronchi, nel Cunese. Una storia che può ispirare i più giovani è anche quella di Behgjet Pacolli, ad oggi ministro degli Esteri e l’imprenditore più ricco del Kosovo, che in Nulla è impossibile ripercorre le tappe salienti della sua scalata al successo. Con tanti particolari sulla vita privata, come l’incontro con l’ex moglie Anna Oxa. Esempi importanti anche quelli raccontati dalla giornalista Ritanna Armeni – tra le creatrici del giornale ‘Il Manifesto’ – in Una donna può tutto: parliamo delle ‘streghe della notte’, le aviatrici sovietiche che contribuirono alla disfatta dell’esercito nazista durante la Seconda guerra mondiale. Li abbiamo conosciuti tra le mura del Grande Fratello Vip, dove è nata la loro grande amicizia. Ed è proprio di questo rapporto speciale che Luca Onestini e Raffaello Tonon  parlano in Gli oneston, dove raccontano i loro (diversi) punti di vista sugli argomenti più disparati, dal primo appuntamento ai valori in cui credono. Facciamo un salto indietro fino alla Magna Grecia del 480 a.C con le gesta Ikkos, l’atleta di Taranto, narrate dal poeta e scrittore tarantino Lorenzo Laporta. L’incontro, presentato dal presidente della Fondazione carnevale di Putignano Giampaolo Loperfido, viene arricchito dai reading di Evelyn Zappimbulso.

Alfio Quarteroni, scienziato di fama mondiale, porta al festival la sua ultima sfida: il progetto I-Heart, che si è aggiudicato 2.35 milioni di euro dall’European Research Council per creare un modello matematico integrato del cuore umano. Il sistema turistico pugliese al centro della presentazione del saggio di Michele Troisi, Teoria economica del turismo e della rendita turistica, con gli interventi del sindaco di Polignano Domenico Vitto, del direttore del Dipartimento Cultura e Turismo della Regione Puglia Aldo Patruno, del direttore generale del Turismo del Mibact Francesco Palumbo e del professore universitario Antonio Troisi. La musica è protagonista nell’incontro con il pianista Emanuele Arciuli, che a Polignano porta in anteprima nazionale il manuale per compositori intitolato Il pianoforte.

Si chiude il 7 luglio l’appuntamento con lo Spazio oltre, la sezione dedicata alle disabilità a cura del medico del comitato paralimpico Francesco Manfredi. L’incontro odierno si intitola Lo sport paralimpico, un esempio per tutti e vede la testimonianza della campionessa paralimpica Nicole Orlando, affetta dalla sindrome di Down, attuale detentrice del record europeo nei 100 metri e nel salto in lungo.

Nel cartellone dell’ultima serata del festival anche le presentazioni di Enrico Fierro, Domenico Positano Di Donna, Maria Giuseppina Girardet, Lia De Marco, Alberto Maiale, Tiziana Anna Piscitelli, Carmine Curcio, Letizia Carrera, Francesco Savino, Lino Pasquale Cacciapaglia, Giuseppe Scaglione, Massimo Chiriatti, Giulio Di Luzio e Claudio Boccia.

Ultima giornata di incontri anche per lo Spazio bimbi, che si conclude con una speciale dedica al Pino Pascali, nel 50esimo anniversario dalla sua scomparsa. Paolo Comentale, Felicita Scardaccione e Rosalba Branà, direttrice della Fondazione Pino Pascali, presentano Un bambino di nome Pino, il libro per l’infanzia in cui sei autori ricordano il celebre artista nato a Polignano.

Ingresso gratuito a tutti gli incontri

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO