Tap: corteo non autorizzato, 14 indagati

0
582
Manifestanti 'NO TAP' davanti all'azienda agricola 'Le Paesane' a Melendugno (Lecce), parte del cantiere TAP dove sono messi a dimora gli alberi di ulivo espiantati dalla zona di cantiere, messa sotto sequestro dai carabinieri del Noe e Forestali, 27 aprile 2018. ANSA/ CLAUDIO LONGO

MELENDUGNO (LECCE), 9 GIU – La Procura di Lecce ha notificato a 14 attivisti ‘No Tap’ l’avviso di conclusione delle indagini preliminari relativo ad una manifestazione pubblica non autorizzata svoltasi a Lecce lo scorso 19 novembre, in risposta all’istituzione da parte del Prefetto di Lecce a Melendugno della cosiddetta ‘zona rossa’, all’interno della quale sono in corso i lavori per la costruzione di parte del gasdotto.


Tra i destinatari dell’avviso, che solitamente precede la richiesta di rinvio a giudizio, c’è Gianluca Maggiore, coordinatore del Movimento anti Tap, che si oppone alla realizzazione a San Foca di Melendugno del terminale del gasdotto Tap.
“Mi difenderò in tutte le sedi opportune insieme ai compagni colpiti, contro chi ci accusa che prendere la parola è reato”, replica il leader dei No Tap.

ansa

Redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO