Bomba uccise 27enne ad Altamura: 30 anni per il mandante

0
187
Esplosione bomba uccise giovane,mandante condannato a 30anni - (ANSA) - BARI, 14 MAG - La Corte di Assise di Bari ha condannato alle pene di 30 anni e di 18 anni di reclusione i due imputati nel processo sulla morte del calciatore 27enne Domenico Martimucci, deceduto dopo quasi cinque mesi di coma per le ferite causate dall'esplosione provocata da un ordigno rudimentale piazzato il 5 marzo 2015 in una sala giochi di Altamura.

La Corte di Assise di Bari ha condannato alle pene di 30 anni e di 18 anni di reclusione i due imputati nel processo sulla morte del calciatore 27enne Domenico Martimucci, deceduto dopo quasi 5 mesi di coma per le ferite causate dall’esplosione provocata da un ordigno rudimentale piazzato il 5 marzo 2015 in una sala giochi di Altamura.

 

 

In particolare il boss Mario D’Ambrosio, fratello del defunto capo clan Bartolo, ritenuto il mandante dell’attentato e attualmente in carcere, è stato condannato alla pena di 30 anni (l’accusa aveva chiesto l’ergastolo). Il 24enne Luciano Forte che – stando alle indagini dei Cc coordinate dai pm Antimafia Renato Nitti e Giuseppe Gatti – accompagnò il sicario sul luogo della strage (attualmente agli arresti domiciliari), è stato condannato a 18 anni di reclusione. Durante la lettura della sentenza, oltre a familiari e amici della vittima, era presente in aula il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, secondo cui “è stata fatta giustizia di un evento gravissimo”.

ansa

redazione

Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO