Taranto, chiedevano pizzo ad un commerciante: un fermo per un maresciallo della Guardia di Finanza e un avvocato

0
427

Prima gli hanno incendiato il negozio, poi il furgone, ma le intimidazioni nei confronti di un fruttivendolo tarantino che si rifiutava di pagare il pizzo rischiavano di avere conseguenze anche più gravi.

 

 

“Le prevaricazioni nei confronti della vittima erano fortissime e si stava per passare all’utilizzo delle armi forse addirittura per commettere un omicidio” ha precisato il procuratore di Taranto Carlo Maria Capristo spiegando i dettagli dell’indagine che ha portato al fermo di un maresciallo della Guardia di Finanza, Pietro Stabile, di 52 anni, già sospeso dal servizio, che era già finito in carcere nel giugno del 2015 per episodi analoghi, di un avvocato (Massimiliano Cagnetta, di 47 anni) e di due pregiudicati (il 48enne Cataldo La Neve e il 39enne Salvatore Stasolla) accusati, a vario titolo, di concorso in incendio, danneggiamento, atti persecutori e tentata estorsione. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il sostituto procuratore Lucia Isceri, che ha firmato i provvedimenti cautelari, il questore Stanislao Schimera e il dirigente della Squadra Mobile Carlo Pagano. Dalle intercettazioni telefoniche e ambientali è emersa la volontà degli indagati di mettere in atto una doppia spedizione punitiva, da realizzare la notte scorsa e il 21 aprile prossimo, giorno del cinquantesimo compleanno del fruttivendolo. Già nel giugno di due anni fa Stabile, vicino di casa del commerciante, fu sottoposto a fermo dopo la denuncia della vittima che subì diverse intimidazioni: prima diversi colpi di arma da fuoco sull’auto e poi anche l’incendio della vettura. Il finanziere, che si offrì come intermediario con i malfattori che lo avevano puntato, inizialmente aveva chiesto una somma di 1000 euro e poi una seconda di 1500 euro che, da quanto il sottufficiale spiegava alla vittima, non sarebbero state sufficienti per calmare “il clan dei calabresi”.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO