Bari, gazebi nelle aree storiche : interviene Alessandro Ambrosi, ‘il regolamento è obsoleto e va riscritto”

0
164

In merito a quanto sta accadendo in questi ultimi giorni, conseguenza di una nota inviata qualche settimana fa dalla Soprintendenza al Comune di Bari, nota in cui si chiedono controlli e verifiche sulle attività commerciali che occupano «aree di rispetto di chiese e monumenti sottoposti a tutela diretta e ricadenti nella zona di rilevanza storica ambientale nella quale non è consentita occupazione di suolo pubblico» interviene il Presidente della Confcommercio Bari BAT Alessandro Ambrosi. Si riporta comunicato stampa.

E’ una questione che apre una serie di difficoltà oggettive per gli esercenti. Una vicenda che non è nuova, in realtà il regolamento dice che a notte inoltrata i gazebo dovrebbero essere smontati per essere rimontati la mattina successiva. In un momento in cui il cambiamento della natura economica della città di Bari si inizia ad intravedere in maniera sensibile, stiamo finalmente iniziando ad attrarre flussi turistici. La pur legittima applicazione ci sembra però un po’ troppo rigida; occorrerebbe un po’ di buon senso, una richiesta del genere se pur lecita diventa impossibile nella pratica. L’importante, dal punto di vista architettonico, non è certo l’orario del montaggio e smontaggio quanto l’obbligo di amovibilità delle strutture, che in qualsiasi momento e per qualsiasi necessità si devono poter velocemente rimuovere. Per un esercente, doverle smontare e montare ogni notte, diventa complicato e inutilmente costoso; stiamo parlando di centinaia di esercizi pubblici. Sarebbe auspicabile il buon senso nell’applicazione della legge e un’immediata modifica del regolamento, diversamente si rischia di compromettere la stessa sopravvivenza delle attività e di conseguenza di molte centinaia di posti di lavoro.

È impossibile pensare di smontare e montare strutture autorizzate, che nel tempo sono diventate installazioni importanti; il regolamento infatti è stato scritto quando le stesse erano più limitate, mentre negli anni c’è stata una evoluzione dei servizi della città rivolti sempre più al turismo. Onestamente mi sembra una forte contraddizione. Il mio appello a tutti è che si trovi subito una soluzione, che si provveda urgentemente a modificare il regolamento, identificando chi non si è adeguato allo stesso in merito all’amovibilità delle strutture, e che le norme in materia siano armonizzate in tutto il territorio provinciale”.

Ufficio stampa confcommercio  Bari

redazione

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO