Xylella, torna alta l’allerta in Ue: Salento e Corsica dichiarate zone infette, in Spagna mandorli ko

0
207
Ulivo Regina - Località Masseria Visciglito Strudà (frazione di Vernole). Saranno effettuati gli innesti su alcuni alberi millenari, in agro di Lecce, tra cui la ?Regina?, un ulivo di circa 2mila anni dedicato alla ex first lady americana Michelle Obama. L?intervento avverrà in un?area ricca di ulivi ultra secolari che, veri monumenti vegetali, sono ormai pesantemente attaccati da Xylella Fastidiosa. I maestri innestatori effettueranno in diretta gli innesti con le due varietà resistenti, ?Leccino? e ?Favolosa?.

Torna alta a Bruxelles l’attenzione sulla Xylella fastidiosa, nell’imminenza dell’inizio della stagione di volo dell’insetto responsabile del propagarsi del batterio. I rappresentanti dei Paesi Ue, nei giorni scorsi, si sono scambiati le ultime informazioni sulla presenza del patogeno in Europa aggiornando la geografia della diffusione della fitopatologia che riguarda ulivi ma anche alcuni alberi da frutti, come i mandorli in Spagna.

 

In Puglia sono ormai quasi tremila gli ulivi infetti nella cosiddetta fascia di contenimento (nel 2015 erano pochi esemplari). Le attività di monitoraggio sono molto intense, ma i ricorsi al Tar contro il taglio degli alberi rallentano la rimozione delle piante malate, aumentando il rischio di contagio. L’Italia è già al centro di una procedura di infrazione da parte di Bruxelles per non aver applicato le misure Ue per contrastare l’avanzata del batterio e rischia il deferimento in Corte di giustizia.

L’allerta, tuttavia, riguarda anche la Spagna dove si applicano misure di contenimento nelle Baleari, mentre nella provincia di Alicante il taglio degli alberi – principalmente mandorli – è resa più difficile dall’estensione dell’area colpita e dai ricorsi. In Francia, tutta la Corsica è stata dichiarata zona infetta (come il Salento), mentre in Provenza-Alpi-Costa Azzurra il patogeno continua a manifestarsi su piante ornamentali.

ansa

redazione

Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO