Amianto a Taranto: 472 casi di mesotelioma dal 1993 al 2015

0
646
Le foto scattate da un operaio, diffuse dal Wwf, all'interno dello stabilimento di Taranto, mostrano lastre di amianto che sarebbero state depositate, senza precauzioni, Taranto, 14 febbraio 2014. ANSA/WWF TARANTO ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

Sono 472 i casi di mesotelioma, il tumore associato soprattutto all’esposizione dell’amianto, registrati tra i residenti a Taranto nel periodo 1993-2015″.

 

Lo sottolinea il presidente di Contramianto onlus, Luciano Carleo, citando dati del Registro Mesotelioma Puglia, definiti “da brivido, che vedono purtroppo – aggiunge – ancora una volta il capoluogo ionico capofila” per le patologie causate dall’amianto in Puglia. Complessivamente in Puglia nei 23 anni del rapporto sono stati “censiti – precisa Carleo – 1191 casi di mesotelioma e di questi il 40% a Taranto. Dei 472 casi registrati a Taranto, con esposizione ricostruita, oltre il 70% sono legati al lavoro e i rimanenti equamente distribuiti tra non ‘occupazionali’ o di origine improbabile o ignota”. La correlazione amianto-malattie, sostiene Carleo, “rappresenta un problema di sanità pubblica, come puntualmente denunciato da Contramianto, che andrebbe adeguatamente affrontato sul territorio con un programma gratuito di sorveglianza sanitaria”.

ansa

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO