Bari, sopralluogo del sindaco nel cantiere per il restauro del teatro Piccinni

0
252

Questa mattina il sindaco di Bari Antonio Decaro, accompagnato dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, dai tecnici della ripartizione IVOP e dai rappresentanti dell’impresa esecutrice dei lavori di restauro, ha visitato il cantiere attualmente in corso all’interno del teatro Piccinni.

 

In questo momento è in fase di esecuzione una parte molto delicata del progetto in quanto sono in corso molte attività manuali di restauro ad opera di 20 operatori, di cui 7 restauratori. Un numero che conta di crescere nei prossimi giorni fino ad arrivare a 50 operatori al lavoro contemporaneamente, proprio per poter procedere con le finiture superficiali di tutte le componenti del teatro, dal tipo di intonaco alle colorazioni per infissi e per le porte interne, dal tessuto per la tappezzerie fino alla finitura dei 76 candelabri, smontati e in fase di lavorazione.

A tal proposito, nei prossimi due giorni la Soprintendenza effettuerà un sopralluogo all’interno del Piccinni per definire le modalità e i dettagli del ripristino di tutti gli elementi, come da prospetto originario risalente al 1800. In queste settimane infatti l’azienda ha provveduto a preparare una serie di stratigrafie che mostrano le varie sezioni apportate nel corso degli anni: in questo modo è stato possibile riconoscere e ricostruire l’intera storia del politeama nel corso del tempo.

Queste lavorazioni sono previste nell’ambito del 2° lotto del restauro del teatro Piccinni che permetterà una riapertura parziale del teatro alla fine di quest’anno con 305 posti disponibili ricavati dalla platea e dal primo ordine di palchi.

“Oggi siamo entrati nel teatro Piccini durante l’esecuzione degli interventi di restauro – ha spiegato il sindaco di Bari che ha guidato la delegazione -. I lavori stanno procedendo in modo spedito: dei restauratori specializzati sono alle prese con il cosiddetto velario che aderisce al soffitto del teatro, risalente all’800 per mano di Lanave. Osservare come il dipinto si rivela sotto le mani precise ed esperte degli operatori è il primo spettacolo a cui stiamo assistendo. Nel fine settimana, invece, la Soprintendenza definirà con la ditta responsabile le colorazioni del marmorino, delle finiture, delle pareti e delle porte del piano terra per ripristinare lo stato originale dei luoghi. Questa fase del cantiere terminerà a dicembre di quest’anno. Mentre, grazie all’ulteriore finanziamento di 2 milioni di euro ricevuto dal ministero dei Beni culturali in prosecuzione con questo appalto, potremo completare il resto degli interventi relativi soprattutto ai palchi superiori, in modo da aprire definitivamente il Teatro Piccinni e riportare l’arte e i cittadini in questi luoghi quanto prima. L’auspicio è di riaprire le porte già nel 2019. Proprio per farci trovare pronti alla fine dei lavori, alcuni esponenti del Consorzio Teatri di Bari stanno offrendo una consulenza sulla parte acustica già durante questi lavori, al fine di verificare gli aspetti relativi alla messa in scena degli spettacoli di prosa”.

“Accanto ai lavori del secondo lotto in fase di esecuzione, che prevedono anche il restauro del foyer, del palcoscenico, della torre scenica, dei camerini e la realizzazione dei sistemi di distribuzione – ha proseguito l’assessore Galasso – saranno portati a termine i lavori del terzo stralcio inerenti tutti i servizi per gli artisti, altri camerini, la portineria, una cabina di trasformazione, il gruppo elettrogeno e una postazione di supervisione e controllo che supporterà tutta la parte tecnologica della gestione del teatro Piccinni”.

ufficio stampa Comune di Bari

redazione

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Fumai Costruzioni
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO