Emiliano, Stefanazzi, Olivieri, Canonico e i 5Stelle: tirati in ballo nella nota di Massimo Cassano

0
1020

Nota di Massimo Cassano giunta in queste ore in redazione e con la quale l’ esponente di Forza Italia, in lista per le elezioni di domenica 4 marzo,  tira in ballo alcuni esponenti politici locali e personaggi non del tutto noti all’opinione pubblica.  

 

Che ci siano tatticismi politici in vista delle elezioni politiche di domenica è  fin troppo evidente, come è plausibile pure che ci si muova a Bari anche per le prossime comunali.  Massimo Cassano coinvolge in nota il Governatore delle Regione Puglia, Michele Emiliano, Claudio Stefanazzi, Giacomo Olivieri, Nicola Canonico e per finire il Movimento dei Cinque Stelle.

Di quest’ultimo Cassano polemizza sulla scelta degli esperti nominati e posti all’attenzione del Presidente della Repubblica Italiana, oltre al caso rimborsi. A seguire Cassano  entra nel merito del ruolo di Claudio Stefanazzi,  capo di Gabinetto della Regione  Puglia. Stefanazzi – a dire di Cassano – “è  socio in affari – in una società che offre servizi di consulenza riguardo fusioni e acquisizioni per aziende e fondi di investimento nel settore delle energie rinnovabili di Gianmauro Dell’Olio, candidato del Movimento 5 Stelle nel collegio uninominale di Bari al Senato“. “I 5Stelle di Puglia -continua Cassano –  possono contare in questa campagna elettorale sull’appoggio disinteressato e convinto dell’avvocato Giacomo Olivieri, con un passato politico che abbraccia tutto l’arco costituzionale (dall’Italia dei Valori al Pd) e del di lui amico Nicola Canonico, ex Pd ora grillino convinto e appena cacciato da Emiliano dall’Aqp, Mistero?”. 

Mistero davvero ci sentiamo di dire, ancora di più per gli elettori che già confusi si ritrovano dinanzi a situazioni che non conoscono. Ma prendiamo atto di quanto viene riferito in nota,  in attesa di un riscontro dei diretti interessati: “Emiliano che caccia il neo grillino Canonico dall’Acquedotto, può però contare sulla blanda opposizione dei 5Stelle in Consiglio regionale. Opposizione tanto sospettosamente blanda che il “reggente” di Puglia, in un moto di affetto apre ai grillini e allo stesso statista Di Maio, dicendosi pronto ad un’alleanza post elettorale e ignorando le direttive del partito di cui fa parte, il Pd. Emiliano, Stefanazzi, Olivieri, Canonico, Dell’Oglio evidentemente pensano che gli elettori pugliesi hanno il cosiddetto anello al naso. Che male c’è?”.

Tirato in ballo anche il progettista prof. Ruggiero Quarto:  ” candidato con i grillini nel collegio della Bat e progettista, a sua insaputa probabilmente, del più grande parco eolico off shore che se realizzato davanti alle coste del Gargano, darebbe il colpo di grazia turistico ad una delle aree marine più belle d’Europa. Forza Italia ha sempre detto di no a quel parco e continuerà a farlo. Anche i 5Stelle in realtà apparentemente dicono di no ma poi candidano il progettista che preso con le mani nella marmellata si difende: che male c’è?“, conclude Cassano.

 Antonio Carbonara

 

 

LASCIA UN COMMENTO