Al Museo civico di Bari “La carta elegante” di Luigia Bressan

0
546

Da domani, venerdì 23 febbraio, e fino al prossimo 17 marzo, il Museo Civico, in strada Sagges 13, ospita una personale dell’artista e scultrice putignanese Luigia Bressan dal titolo “La carta elegante”.

 

Realizzata grazie alla sinergia tra associazione culturale Arte in Viaggio, Radicanto, fondazione Nikolaos e cooperativa Artisti Coar e patrocinata dal Comune di Bari e dall’assessorato alla Cultura del Comune di Putignano, la mostra raccoglie disegni e sculture di cartapesta raffiguranti abiti e corsetti sette-ottocenteschi e li mescola in una sorta di danza dell’arte con le composizioni del musicista barese Giuseppe De Trizio.

Tessuti di carta che prendono fedelmente la forma di antichi modelli come in un gioco di bambole, dove i corsetti si reinventano piccole armature del cuore e prendono il nome della musica che li ispira. Nonostante la sua fragilità, la cartapesta offre alla forma scultorea degli abiti un carattere forte, austero, elegante, semplicemente femminile.

Nella personale di Luigia Bressan trovano spazio anche sculture raffiguranti cervi in abiti settecenteschi, scelti dall’artista in questo gioco di accostamenti inaspettati per il loro sguardo nobile, la straordinaria bellezza e il valore simbolico: espressione di purezza e sublimità, questo animale è venerato in tutto il mondo per i suoi palchi alti, simili a rami, che si rinnovano ogni anno, simbolo della fertilità, della rinascita, dei flussi della crescita spirituale.

“Ho accolto l’ispirazione senza aggiungere nulla, restando io stessa spettatrice della mia anima che ha disegnato e modellato le forme – commenta Luigia Bressan -: le opere sono nate in me come una danza, forme e colori senza tempo che seguono note in divenire. Dedico la mia personale ai viaggiatori dell’anima, a chi sente che noi umani non siamo fatti per cose piccole o tiepide, soprattutto le nostre anime non lo sono”.

L’esposizione sarà inaugurata domani, venerdì 23 febbraio, alle ore 18.30 e sarà arricchita, sabato 24 alle ore 19.30, da uno spettacolo in cui il talento artistico di Luigia Bressan e quello musicale di Giuseppe De Trizio sposeranno le coreografie della compagnia di danza aerea-contemporanea Eleina D.

Pittrice, scenografa ed esperta nell’Arte della Cartapesta, Luigia Bressan vive e lavora a Putignano (Ba). Avviato il suo percorso artistico come pittrice con uno stile figurativo e con particolare propensione all’illustrazione e al disegno a penna, nel 2000 si avvicina al mondo della cartapesta affiancando, per nove anni, il maestro cartapestaio Franco Giotta nell’ideazione e realizzazione di carri allegorici. Da anni collabora con diverse compagnie teatrali nella progettazione di maschere, scenografie e burattini. Nel 2010 la sua cartapesta inizia ad intrecciarsi al mondo della moda e a salire in passerella, dapprima con estrose maschere-cappello, in seguito con eleganti abiti realizzati interamente in cartapesta e indossati dalle modelle. Nel 2011 Luigia Bressan crea a Putignano una mostra di corsetti realizzati interamente con questo materiale dal titolo “Moda e Cartapesta”.

Orari di apertura al pubblico:

Lunedì, mercoledì e giovedì: dalle 10 alle 18;

Venerdì e sabato: dalle 10 alle 19;

Domenica: dalle 10 alle 14;

Martedì: chiuso

Info: www.museocivicobari.it

DATI CONCLUSIVI SULLA MOSTRA DEDICATA A FRIDA KAHLO

“La carta elegante” si inaugura a pochi giorni dalla chiusura della mostra “Frida Kahlo nella Casa Azul – Macondo mito e realtà nelle fotografie di Leo Matiz”, la più importante finora allestita nel museo della città per numero di visitatori, interesse suscitato e partecipazione da parte delle scuole. Sono complessivamente 9.558 gli ingressi registrati dal 26 ottobre 2017 al 18 febbraio 2018, con un picco di visite nei mesi di novembre e dicembre e una media di 95 visitatori giornalieri. Numeri che si sommano a quelli dell’intero anno di attività del Museo civico, per un totale di quasi 11.000 biglietti staccati.

La mostra ha dato anche la possibilità di organizzare un ciclo di diversi eventi: performance musicali dalle atmosfere sudamericane con gli artisti di Terrae, i Polaris Duo e i New Jazz Sound Duo, un approfondimento su arte e fotografia con la rivista di filosofia Logoi.ph e una game experience con Tou.play. Interessanti attività didattiche sono state poi dedicate alle scuole di Bari e provincia. Visite guidate tematiche e laboratori creativi sulla figura di Frida Kahlo hanno coinvolto circa 1.000 alunni provenienti da scuole primarie di primo e secondo grado.

La mostra, che si potrà assaporare ancora acquistando il catalogo di Adda Editore presso il desk del Museo, è stata apprezzata e condivisa dal pubblico anche sui social: selfie con Frida Kahlo, foto panoramiche sul terrazzo tra le atmosfere di Macondo, video tra le fotografie di Leo Matiz hanno ampliato la visibilità del Museo Civico e della stessa città di Bari.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO