Bari, condiviso questa mattina il Piano comunale delle coste della città

0
228

Questa mattina il sindaco Antonio Decaro ha condiviso con gli assessori comunali all’Urbanistica, ai Lavori Pubblici e allo Sviluppo Economico, nel corso di un incontro tematico, lo schema progettuale del Piano comunale delle coste (Pcc); all’incontro sono stati presenti anche i tecnici di riferimento.

 

Il lavoro, realizzato dagli uffici comunali dell’assessorato all’Urbanistica con la consulenza scientifica del Politecnico di Bari, sotto la guida della professoressa Calace, permette oggi all’amministrazione comunale di avere una strumento attraverso il quale, in coerenza con le indicazioni del Piano regionale delle coste e degli strumenti di pianificazione sovraordinata, definire gli assetti, le modalità di gestione, controllo e monitoraggio della propria fascia costiera.

Nello specifico sono stati definiti, nell’ambito di una strategia complessiva di riqualificazione per la fascia costiera della città che mette in connessione la costa con gli spazi di retrocosta, una serie di aspetti specifici e localizzati che incrociano la disciplina delle aree demaniali per favorire così i diversi usi della costa oltre che restituire il mare ai baresi. Il Pcc, la cui parte analitica è già stata presentata pubblicamente nello scorso 18 aprile, sarà oggetto nelle prossime settimane di una serie di incontri partecipati aperti alla città, oltre che condiviso con il partenariato socio economico, gli ordini professionali, la Consulta per l’Ambiente per acquisire ulteriori pareri e proposte.

L’obiettivo dell’amministrazione comunale, tradotto nelle linee guida su cui si basa questo piano, è tenere insieme i diversi interessi che trovano spazio nella fascia costiera favorendo lo sviluppo del settore turistico, garantendo il diritto al godimento del bene da parte della collettività, perseguendo la protezione dell’ambiente naturale e il recupero dei tratti di costa che versano in stato di degrado.

Nel documento condiviso oggi è stata individuata la “costa utile” per la balneazione, le aree di interesse turistico, ricreativo e con finalità diverse: di questa, circa 20 chilometri sui 46 totali di litorale cittadino, il 40% è stato considerato cedibile per attività e servizi privati per la balneazione, mentre il restante 60% dovrà garantire aree e servizi per la balneazione pubblica.

Contestualmente sono stati inseriti nel piano i vincoli sovraordinati (idrogeologici, ambientali e paesaggistici), lo stato delle concessioni demaniali e una previsione di sviluppo nell’area del retro costa, in cui sono previsti sistemi di accesso e di parcheggio lungo tutti i 46 chilometri di fascia costiera cittadina.

“Il carattere strategico che abbiamo inteso dare al Piano comunale delle coste – sottolinea Carla Tedesco – è un’importante occasione per anticipare alcune azioni del PUG. L’approfondimento condotto attraverso il Pcc sarà anche un’occasione per restituire ai baresi la storia della costa e il suo utilizzo, come è giusto che sia per una città di mare come la nostra. Abbiamo individuato le aree che possono essere già rese accessibili e fruibili alla cittadinanza attraverso i progetti di riqualificazione dell’amministrazione comunale che saranno integrati in questo piano e un lavoro di coordinamento con l’assessorato allo Sviluppo economico che, nel frattempo, sta lavorando alla valorizzazione di alcuni siti già esistenti con interventi di riqualificazione, penso alle frazioni marine, o di specifici tratti di costa con concessioni temporanee per strutture amovibili. Con l’assessorato ai Lavori pubblici, invece, definiremo gli interventi di messa in sicurezza della costa, segnalati nel piano, che dovremo pianificare secondo un cronoprogramma che tenga conto delle situazioni più a rischio”.

“Dopo le prime esperienze dello scorso anno fatte con Torre Quetta e con le strutture amovibili sul lungomare sud – dichiara Carla Palone – abbiamo lavorato con gli uffici a una ricognizione di tutte le strutture esistenti sulla costa, da nord a sud, che potevano essere valorizzate e che soprattutto possono rappresentare un’occasione di sviluppo e una leva economica per tanti soggetti privati che hanno voglia di investire sul nostro territorio. In questi mesi abbiamo avviato delle manifestazioni di interesse su alcune strutture per sondarne l’attrattività e, come immaginavamo, tanti sono i soggetti che stanno presentando proposte. Gli uffici in questi giorni stanno già facendo i primi sopralluoghi per verificare la fattibilità dei progetti, anche in virtù del lavoro del Piano delle coste che oggi abbiamo condiviso e che ci dà importanti linee guida per proporre un’adeguata strategia di sviluppo economico su alcuni tratti di lungomare che speriamo già da quest’estate potranno essere fruibili ai cittadini”.

Ufficio stampa Comune di Bari

redazione

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO