Polemiche in “Liberi e Uguali”: rinuncia alla candidatura l’on. Toni Matarrelli, risponde Abaterusso

0
1123

Quello che sta accadendo all’interno di gran parte dei partiti e movimenti politici in Italia era prevedibile. La nuova legge elettorale sta creando non pochi problemi circa la costituzione delle liste e dei candidati, in relazione soprattutto ai collegi uninominali definiti da più parti  “blindati”,  poiché garantiscono ai candidati più possibilità per essere eletti.

Botta e risposta tra l’on. Toni Matarrelli e G. Abaterusso, quest’ultimo Coordinatore regionale e Presidente del Gruppo Art.1-Mdp LeU in Regione Puglia. Pare probabile la non candidatura di Matarelli che  esprime il suo rammarico per liste alquanto discutibili: “A me risulta, e ne ho larga conferma anche dai quotidiani nazionali, che LeU abbia ignorato e calpestato ovunque le richieste nate dai territori, piazzando qua e là per l’Italia i candidati secondo criteri di convenienza personale e di gruppo”.

Matarelli prosegue: “Anche qui faccio un esempio concreto, elenchi ufficiali alla mano che potrò produrre se e quando mi saranno richiesti: nel collegio di Lecce si era scelto di candidare in posizione potenzialmente eleggibile Salvatore Piconese, ex segretario provinciale del PD salentino. All’ultimo momento, con un abile colpo di mano, Ernesto Abaterusso – consigliere regionale, capogruppo in consiglio regionale e, soprattutto, coordinatore regionale di MdP Art.1 – ha sostituito Piconese con il figlio Gabriele, peraltro sindaco di Patù. Appare in tutta la sua evidenza come questa operazione non abbia nulla di politico, ma risponda esclusivamente alla volontà di sistemare non soltanto i fedelissimi, ma addirittura i parenti stretti. Se non è familismo amorale questo…”.

Immediata la risposta di Abaterusso: ” In merito alla polemica aperta dall’On. Toni Matarrelli, è giusto precisare che in data 8 gennaio 2018 si è svolta l’assemblea regionale di Liberi e Uguali, a Bari, con oltre 500 partecipanti. Durante i lavori dell’assemblea è emersa la proposta per le liste plurinominali pugliesi, tra queste vi era anche quella per il collegio Puglia Sud, di 8 nomi (uomini e donne), per una “rosa” di candidati.Ciò significa che gli 8 nominativi partivano potenzialmente come probabili “capolista” del plurinominale. Nonostante la proposta avanzata dall’assemblea regionale, a Roma si è deciso di candidare la giovane Muroni come capolista del plurinominale nel collegio Puglia Sud. Pertanto, la polemica immotivata e irreale fatta dall’On. Matarrelli contro la candidatura di Gabriele Abaterusso è priva di qualsiasi fondamento politico. Attualmente Gabriele Abaterusso sarà un candidato di servizio per la lista plurunominale alla Camera dei Deputati per Liberi e Uguali, con possibilità di elezione vicino allo zero. Mentre, così come concordato, il coordinatore provinciale Salvatore Piconese sarà candidato al Collegio uninominale per la Camera dei Deputati di Casarano. Liberi e Uguali del Salento sta mettendo in campo per le elezioni politiche del 4 marzo una nuova classe dirigente che, insieme a esperienze note e conosciute, come Marcello Risi e Massimo D’Alema, dara’ un contributo notevole sul piano del rinnovamento e della capacità politica, tra questi oltre a Salvatore Piconese e Gabriele Abaterusso, ci sarà la docente universitaria Irene Strazzeri, la dirigente provinciale di Articolo Uno Daniela Sindaco, il giovane ricercatore Giuliano Benincasa e il giovane dirigente del Movimento giovanile della Sinistra Alberto Colucci. Il coordinamento provinciale Articolo Uno MDP – Liberi e Uguali si batterà per raccogliere il consenso dei cittadini salentini portando avanti la battaglia politica per il progresso sociale e civile del Salento

Dinamiche che pare stiano caratterizzando queste ultime ore,  in tutti i partiti e movimenti che si apprestano a depositare liste e nominativi.

Antonio Carbonara

 

 

LASCIA UN COMMENTO